tradizioni

Galette des rois au chocolat


Era tempo che ne facessi una tutta dal principio.

Non sono una fan della galette, in casa non piace a nessuno e se la preparavo, piuttosto che acquistata nelle boulangeries, era per “onorare” la tradizione francese, che in realtà non è la mia.

La curiosità di chi avrebbe trovato poi la feve ( piccolo oggetto nasconto nel ripieno, che ho omesso) ci divertiva ed ottenere la corona con la conseguente nomina di regina o re per tutto il mese, questo vuole la tradizione, sarebbe stato lo scopo finale, nonchè la raccolta dei minuscoli oggetti.

Era anche una consuetudine andare dai miei suoceri per l’evento, e non solo, veniva anche offerta a scuola, organizzando la festa della galette, ed anche nel club di ginnastica, negli uffici, ovunque insomma.

Durante tutto il mese di gennaio è la galette.

Quando la facevo , la facevo con la pasta sfoglia acquistata, la ricetta originale del ripieno è la frangipane che non a tutti piace in casa, a volte la farcivo di altro, di mele, di pere o anche di solo confetture, giusto per questa benedetta feve, e per giocare con i bimbi piccoli che a loro piaceva solo per vincere ed i pezzi della galette restavano nel piatto o sparsi per terra.

Dopo questa mia scoperta sul web, alla ricerca della galette tutta cioccolato mi son decisa a farla, con nessuna certezza di riuscirci, nonostante sia facile. Solo questione di passaggi, di tempo e pazienza.

Un piccolo errore pero’ nella cottura non ha permesso alla sfoglia della base di manifestare tutti gli strati che la caratterizzano, il ripieno forse pesante, trattandosi di cioccolato e nocciole o dipeso anche dalla posizione della teglia in forno che nelle ricette non viene mai specificato. Per cui la prossima volta la lasciero’ cuocere 5 o 10 minuti di più. Ma la bontà è assicurata!!!

Ingredienti:

Per la sfoglia

  • 385 g di farina di tipo T45 ( che dovrebbe corrispondere ad una farina di tipo 0 in Italia di media forza)
  • 48 g di cacao amaro in polvere
  • 7 g di sale
  • 70 g di burro fuso e freddo
  • 200 g di acqua minerale ( non di rubinetto)
  • 250 g di burro per il tourage ( termine francese che intende l’inserimento del burro nell’impasto)

Per il ripieno

  • 90 g di burro morbido non salato
  • 90 g di nocciole tritare
  • 70 g di zucchero
  • 2 uova
  • 120 g di cioccolato fondente
  • 1 uovo per il finale

Preparazione.

1°giorno

Far fondere i 70 g di burro. In una ciotola versare la farina setacciata, il sale, l’acqua ed il burro fuso. mescolare bene con un cucchiaio di legno e poi versare sulla spinatoia e formare una palla. Lasciare riposare, coperta da una ciotola.

Intanto predere il burro (250g) freddo dal frigo e su un foglio di carta forno battere con il mattarello fino a formare un quadrato di 15 cm x 15-

Prendere la pasta e con il matterello stenderla poco più grande del quadrato del burro, in modo che lo contenga da formare un pacchetto. Posizionare al centro il burro e chiudere i lati formando il pacchetto. Infarinare il piano di lavaro leggermente e stendere il pacchetto, dalla parte dei lati sigillati e formare un rettangolo abbastanza lungo per chiudere a portafogli. Filmare con pellicola alimentare e riporre in frigo per le prime 2 ore. (primo passaggio)

Passate le due ore riprendere il pacchetto e riformare un rettangolo , richiudere come il precedente e riporre nuovamente in frigo per altre 2 ore. Procedere per un’altra volta.

A questo punto ho lasciato l’impasto fino al giorno successivo ( quindi tutta la notte in frigo).

2°Giorno

Al mattino riprendere l’impasto ed effettuare lo stesso procediemento del “tourage” lasciando sempre l’impasto per le ultime 2 ore in frigo.

Nel frattempo preparare il ripieno. (puo’ essere reparato in anticipo di due giorni)

Sciogliere il cioccolato a bagno-maria. Montare il burro con lo zucchero ed aggiungere uno per volta le uova. Versare il cioccolato fuso intiepidito ed infine le nocciole tritate. Mettere il composto in una sac-à-poche.

Prendere la pasta dal frigo e dividerla in due. Infarinare leggermente il piano di lavoro ed stendere il primo disco di sfoglia ad uno spessore di 4 millimetri circa. Con un cerchio di 22 cm posizionato sulla pasta tagliare e togliere l’impasto in eccesso. Mettere il primo disco su foglio di carta forno e su di un piatto. Con l’uovo sbattuto spennelare il bordo. Con la sac-à-poche distribuire il *ripieno, lasciando 2.5 cm liberi i bordi per poter sigillare il secondo disco da stendere in misura più grande della base per poter essere ben sigillato e successivamente tagliato utilizzando lo stesso cerchio come misura. Con le dita sigillare bene i bordi e formare delle tacche con un coltellino. ( fedi foto)

Nell’uovo sbattutto aggiungere un cucchiaino di cacao in polvere, ben mescolato. Spennelare la superficie della galette. A questo punto mettere in frigo per 2 ore o più.

Accendere il forno a 190°C.

Riprendere la galette dal frigo e spennellare ancora una volta la superficie con l’uovo ed il cacao. Con un coltellino fare dei segni sulla superficie partendo dal centro, infine praticare qualche buchino per permettere al vapore di fuoriuscire.

In forno ventilato per 45-50 minuti.

Degustare tiepida o fredda.

Tutti passaggi sono in un video su youtube di cui vi lascio il link. la ricetta della sfoglia è identica mentre il ripieno l’ho personalizzato.

* NB, prima di coprire con il secondo disco inserire una figurina in ceramica come da tradizione.

Cucinare non significa solo leggere una ricetta: è una questione di sensibilità, di rispetto degli ingredienti e dei tempi di preparazione.

(Antonino Cannavacciuolo)

Standard

7 risposte a "Galette des rois au chocolat"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.