inverno

Frittelle alle mele con cottage cheese

L’ho saputo da mia mamma che era martedì grasso, preparava le chiacchiere e la frittata di spaghetti con la ricotta e salsiccia e come sempre si dispiace che io sono lontana per non assaggiarla, perché dice… sono certa che tu non la fai, vero?’…., VERO, non ho fatto né la frittata ne le chiacchiere, ho subito ( nel senso di subire, che non trovo sulla tastiera la (i) con l’accento grave ) ieri un piccolo banale intervento agli occhi e non ci pensavo proprio al carnevale, ricorrenza che, d’ altra parte dimentico sistematicamente. Qui in Francia non è molto sentita specie dalle mie parti che comunque con questa pandemia lontano è il pensiero.

Ho fatto però queste frittelle veloci e non meno buone dalle cugine castagnole o bomboloni.

Frittelle con formaggio Cottage cheese e mele. Ingredienti

  • 2 Grandi uova
  • 250 g di cottage cheese o ricotta
  • 100 g di zucchero di canna chiaro
  • 235 g di farina per dolci
  • 1 mela (100 g al netto)
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  • 1 cucchiaio di rum
  • 4 g di lievito chimico
  • 1 pizzico di sale
  • un limone bio

per la glassa ( facoltativa)

  • 150 g di zucchero a velo
  • 1 cucchiaino di succo di limone

Grattugiare la mela e mettere da parte con qualche goccia di limone.

In una ciotola mescolare l’ovo con il formaggio, la buccia di un limone grattugiata, lo zucchero, il pizzico di sale la vaniglia ed il rum.

Aggiungere la farina setacciata con il lievito mescolando con una spatola. Incorporare in fine la mela grattugiata.

Lasciare riposare l’impasto per 10 minuti coperto con un canovaccio

Preparare la padella per la frittura e versare la quantità giusta di olio che possa far friggere mantenendole a galla le frittelle , per metà dose ho messo 1/2 litro di olio in una pentola alta in inox.

Preparare un piatto con carta assorbente.

Prelevare impasto con un cucchiaio e versare poche frittelle alla volta nel’olio a temperatura medio alta, poi abbassare un po la fiamma e friggere le frittelle dai due lati. Non appena ben dorati metterli a perdere l’olio di frittura sulla carta assorbente.

Lasciar raffreddare.

Preparare la glassa con lo zucchero a velo e cospargere le frittelle con quest’ultima. Lasciar prendere la glassa e servire. Si possono degustare fino al giorno dopo.





E sarebbe il carnevale più divertente veder la faccia vera di tanta gente.

(Gianni Rodari)

Standard
Non classé

Cuori di frolla tigrati

Il problema qual’è? Il problema è che a volte escono fuori troppe parole, ci si spinge al di là di quello che è il filo del discorso, si va oltre per spiazzare qui si ha di fronte. Si vuole prevalere e poter finire la discussione dicendo l’ultima parola sentendosi vincitore , reggiungere lo scopo di aver ragione.

Di che? Di cosa? E poi?

Continua a leggere
Standard
inverno

Pane di semi

Scivolano le giornate senza che me ne accorga.

Solito è il mio risveglio alle 5 del mattino, sveglia naturale nel grande silenzio della casa ancora immersa nel buio. Fa notte e vedo poco filtrare le luci dalla strada lontana che, avendo la mia camera da letto esposta dalla parte del giardino non ci sono luci che lo illuminano.

Continua a leggere
Standard