Sfoglia alle albicocche farcite con mandorle e limoncello ( perché il compleanno ora é mio)

3-IMG_5145

Compiere gli anni non é più da sottovalutare, benché io non l’ho “quasi” mai sottovalutato. Pero’ cio’ che intendo ora é certamente un compiere gli anni con maggiore consapevolezza che…il tempo passa.

Non mi spaventa ” che il tempo passa”, mi spaventa come passa il mio tempo!

Niente più dev’essere: questo lo rimando a domani, oppure: a questo ci rinuncio, o anche: questo non é adatto a me 😛

L’istante, ora, conta più che mai e prendersi cura di se dopo gli ‘anta….si ma dai ho compiuto 55 anni…. diventa essenziale, diventa primordiale, diventa il mio momento, solo mio da condividere con chi mi ama, mi rispetta, mi vuole vicino.

Buon compleanno Patty ❤

8-IMG_5158

Un dolce semplice, come voglio le cose  io ora, semplici, senza fronzoli, diretti, gusti decisi e distinguibili ad ogni morso. Dalle note acidule delle albicocche, alle note amarognole delle mandorle bianche annaffiate dal liquore must della mia estate, il limoncello, ed infine dalla croccantezza sbriciolosa e fondente di un’ottima pasta sfoglia!!!

Puff pastry pie con albicocche farcite di mandorle al limoncello

per 6 persone

  • un rotolo di pasta sfoglia
  • 150 g di mandorle bianche
  • 1,5 dl di limoncello
  • 1 cucchiaino di maizena
  • 4 cucchiai  di zucchero a velo
  • 6 albicocche

Metti le mandorle in un bicchiere ed aggiungi il limoncello fino a coprirle, lasciale macerare per 30 mn. Mixale con lo zucchero e la maizena fino ad ottenere una crema non troppo densa.

Lava ed asciuga le albicocche, dividile a metà e togli la mandorla. Farcisci ogni metà con un cucchiaino di crema alle mandorle. Riserva la crema che avanza.

Stendi la sfoglia sulla placca del forno o in uno stampo di 22 cm di diametro e sul foglio di carta forno. Spalma piuttosto al centro , uniformemente, la crema di mandorle avanzata, sovrapponi le albicocche farcite con la parte bombata in giu’. Metti in frigo per 30 minuti.

Accendi il forno a 200°C.

Forma il bordo della sfoglia a cordoncino( come foto) senza ribaltare sulle albicocche, cospargi  di zucchero a velo, particolarmente sul bordo della sfoglia. Inforna per 25 minuti circa finché il bordo sia dorato.

 Visualizza versione stampabile

Annunci

Biscotti farciti di composta di pesche alla vaniglia

 

3-IMG_5223

Ecco, la fine delle vacanze arriva!!!

A differenza di altre volte non ne sono sazia. sarà che il sole qui é permanente, c’é un’aria fresca che attenua il calore eccessivo anche nelle ore più calde.

Il piccolo appartamento é tutto bianco, al mattino una luce quasi abbagliante mi sveglia e non acceso mai la luce anche di sera, solo candeline anti zanzare , che non funzionano, ma creano l’effetto. 😉

Ho girato mercatini, deliziosi, curati e con verdure e frutta  e erbe aromatiche di giardini incontaminati. Ho accolto i sorrisi dei commercianti, tanto gentili, disponibili, generosi.

Ho passeggiato sulla riva del mare, sulla sabbia fresca al mattino.  Ho anche dormito stesa al sole, come un tempo.

M’ero promessa di leggere tanto. Il libro é ancora a metà. Ho pensato, ho sognato, ho progettato.

Ho cucinato tanto e non ho smesso di pasticciare, mettere mani nella farina ed accendere il mio amico forno.

1-2014-08-12

Non potevano mancare i miei biscotti, rigorosamente preparati alla sera come mio solito, un po’ inventati, un po’ rivisitati da altri fatti in precedenza!

4-IMG_5224

Pochi ingredienti, semplicissimi e molto molto buoni, più di quanto io stessa immaginavo preparandoli.

Ve li faccio gustare intanto che io rientro a casa 🙂

Per 14 biscotti circa

  • 180 g di farina 00
  • 20 g di Maizena
  • 1/2 cucchiaino di lievito
  • 60 g di zucchero a velo + per decorare
  • 20 g di burro
  • 60 ml di olio d’oliva extra vergine
  • 1 uovo medio
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • un pizzico di sale

Per la composta:

  • 1 grossa pesca gialla
  • 2 cucchiai  di zucchero di canna
  • 1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • o i semini di mezza bacca

In un pentolino, versa lo zucchero e la pesca tagliata a cubetti  il più regolare possibile senza la buccia. Aggiungi la vaniglia e fai cuocere a fiamma molto dolce fino a che lo zucchero sia sciolto ed i pezzetti della pesca leggermente disfatti, circa 10 m.

In una terrina mescola la farina con la Maizena, il lievito e lo zucchero a velo. Fai un’incavo e versa l’uovo, l’olio ed il burro a pezzetti e freddo, infine il sale e l’estratto della vaniglia. Con le mani comincia ad impastare fino a renderle l’impasto compatto ed omogeneo. Se lo senti troppo duro aggiungi un cucchiaio di latte o di yogurt o di panna.

Forma una palla e appiattiscila con il matterello in forma ovale ( più o meno) in una lunghezza di 18/20 cm circa e che sia comunque spezza. Distribuisci due cucchiai di composta di pesche al centro della pasta e chiudi i due lembi facendo pressione con le dita. Inumidentoti leggermente le mani cerca di rotolare il tutto in modo da formare un salsicciotto di 19/20 cm di lunghezza. Compatta bene ai lati e schiaccialo leggermente. Non ti preoccupare se non é perfettamente liscio, l’impasto nel forno prenderà la giusta forma.

Accendi il forno a 180°C. Metti in forno il e lasci cuocere per 20/25 minuti finché la parte superiore appare leggermente dorata. Lascia raffreddare per 10 minuti e taglia a fette spesse di 1mm e mezzo circa, Rimetti le fette tagliate sulla placca del forno e sulla carta ed inforna per 10 mn. Spegni e lascia i biscotti ancora in forno per 2 mn. Non devono risultare dorati.

Lascia completamente raffreddare. Si conservano da due a tre giorni in luogo fresco. Ovviamente puoi usare un’altra confettura di tua preferenza.

 Visualizza versione stampabile

Quando il caldo da alla testa

foto grandezza originale

Non a me comunque, visto che porto sempre il cappello per proteggermi anche se amo tantissimo il sole.

Ma a certi individui si.

Non capisco come possa essere capitato che qualcuno tra questi individui, virtuali?? forse, non so neanche come chiamarli, questi ladri di indirizzi, sia entrato nella mia “boite mail”

In poche parole , mi hanno piratato l’indirizzo di posta elettronica e trovandomi in vacanza , per giunta in mezzo a ferragosto e fine settimana, non sono riuscita a contattare Orange, in nessun modo per trovare una soluzione.

Per cui eccomi a informarvi di  dubitare fortemente di qualsiasi messaggio riceverete da parte “mia” che non sono io.

Sto bene e non ho bisogno di nessun aiuto.

L’indirizzo patrizia.cuglietta@orange.fr non mi appartiene più. Non cliccateci sopra e non rispondete, ignorate completamente.

Il mio nuovo indirizzo lo troverete nella pagina sopra del copyright.

Grazie per il vostro affetto e a tutte le amiche che me lo hanno comunicato tempestivamente.

Patrizia