Torte e crostate salate

Crostata con bietole, funghi, pomodori secchi e…. un po’ piccante!

Crostata con funghi e erbette

Devo limitare la velocità, devo camminare ma non correre.

Un dolore alle ginocchia, un sintomo, a quanto pare frequente a chi pratica questo sport, mi impone il riposo, o comunque di non sforzare troppo le gambe, questo sport che per mé é diventato, “quasi” indispensabile faccio fatica ad abbandonarlo completamente.

Quattro anni di jogging mi hanno fatto scoprire un mondo che non conoscevo, una capacità di respirare che prima non avevo, un percepire ogni singolo muscolo del mio corpo, ogni piccolo cambiamento, ogni piccolo miglioramento.

E’ una decisione difficile da prendere, rinunciare il mio appuntamento settimanale con l’aria fresca al mattino, con il sole, la pioggia, la neve, con un paesaggio che si fonde tra l’azzurro acceso del cielo ed il verde intenso dei campi e di tutte le sue gradazioni secondo lo scorrere delle stagioni, la mia resistenza , la mia forza e perseveranza.

Ma non mi arrendo, fare i giusti movimenti, degli esercizi mirati a rinforzare i muscoli dell’anca potrebbero aiutarmi a ritrovare la forma giusta e continuare senza insistenza, alternando passeggiate veloci e piccola corsa.

E’ proprio durante queste uscite in libertà e con i miei pensieri più limpidi che riesco a sentire i profumi che poi mettero’ nelle pietanze, a vedere formarsi il set per scattare le mie foto.

C’é il profumo dell’erba fresca, dell’erba secca, tagliata,  della terra bagnata arata e seminata , del muschio, del legno, dei fiori, delle foglie e presto ci sarà anche il profumo del funghi. Non sono ancora pronta a rinunciare a questo, forse non  pronta a rinunciare a questa  libertà e alle sensazioni che mi da questa forma di libertà.

 

La ricetta:

Per la pasta base di questa crostata ho utilizzato una pasta brisé che avevo in congelatore. Ho l’abitudine di congelare grandi quantità di impasti base e non ho l’abitudine,pero’, ahime’!!! di scrivere sopra che tipo di impasto sia. Per cui vi do’ due versioni di pasta brisé che uso fare con frequenza con le quali mi trovo molto bene sia per crostate salate che per crostate dolci.. Un’impasto é con uova e l’altro e senza, comunque tutte le mie paste basi sono all’olio d’oliva e farina di farro, fatte eccezioni ad alcuni momenti di estrema golosità 😉

Prima versione:

  • 150 g di farina di farro
  • 100 g di farina 00
  • 100 ml d’acqua tiepida
  • 20 ml olio extra vergine d’oliva
  • 1 uovo medio
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1/2 cucchiaino di lievito per torte salate

Impastare tutti gli ingredienti insieme, se l’impasto risulta duro aggiungere un po’ d’acqua, al contrario se risulta troppo morbido aggiungere più farina. Formare una palla liscia e farla riposare temperatura ambiente a campana per 15 minuti. Questa pasta si stende facilmente.

Seconda versione:

  • 200 g di farina di farro
  • 80 ml di acqua fredda
  • 4 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • 1/2 cucchiaino di sale

Stesso procedimento dell’impasto precedente. lasciare a temperatura ambiente per 15/20 minuti poi stendere in una sfoglia abbastanza sottile. Questa pasta, invece, essendo meno elastica si stende con maggiore difficoltà.

Maggiori dettagli di questi impasti sul foglio da stampare visualizzato giù.

 

Ingredienti per questo il ripieno per uno stampo da 20 cm di diametro e per 4 persone

  • Un cespo di bietole fresche
  • 300 g di funghi porcini o misti ( ho usato funghi  misti surgelati, di freschi non ne ho ancora trovati, purtroppo, attendo con ansia)
  • 1 peperoncino ( facoltativo)
  • olio extra vergine d’oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • 6 pomodori secchi
  • sale e pepe
  • parmigiano grattugiato

Ho lavato per bene le bietole. Le ho  tagliate a striscioline, ho tolto parte delle coste , quelle più dure. In una padella ho versato 2 cucchiai d’olio, lo spicchio d’aglio  sbucciato e degermato, ed il peperoncino intero. Ho messo le bietole insaporendole nell’olio per un minuto, ho salato e macinato un po’ di pepe nero. Ho versato poco meno di mezzo bicchiere di acqua tiepida ed ho lasciato cuocere le biete coprendo con un coperchio la padella a fiamma dolce.

Se trovate dei funghi porcini freschi, puliteli e tagliateli a fettine non troppo sottili. Versateli nella padella insieme alla bietola ed aggiungete i pomodori secchi.. Fate insaporire per pochi minuti, salando se necessario.  Potrete aggiungere degli odori, come un rametto di rosmarino e qualche foglia di alloro. Dopo 8 minuti in totale di cottura,  e comunque dopo che l’acqua  sia quasi del tutto evaporata, ho spento la fiamma.

Ho steso la pasta brisé abbastanza sottile e nella misura della tortiera circa 20 cm di diametro. L’ho sistemata su carta forno e nella tortiera. L’ho punzechiata sul fondo con una forchetta , ho cosparso di un bel po’ di parmigiano grattugiato, ho versato la preparazione con le biete ed i funghi intiepidita. Ho ancora aggiunto parmigiano e pepe macinato fresco. Ho tagliato il bordo della pasta eccedente e l’ho sistemato intorno alla tortiera, lasciando la parte centrale libera.

Ho infornato dopo aver acceso e preriscaldato il forno a 200°C. per circa 20/25 minuti. Cospargo di parmigiano grattugiato e servo ancora calda.

Buona  creatività e degustazione.

Visualizza versione stampabile

 

Pubblicità
Standard
gelati

le ricette dimenticate – Gelato gusto Malaga

IMG_9923

Prima della partenza,il rito si ripete

Rovisto nell’armadio, cerco vestiti nascosti o accantonati, faccio un defilé personale per verificare che alcuni di essi sono indossabili, altri passati di moda altri che vorrei indossare  ma che non sono più tanto adatti alla mia matura silhouette e mi ostino a conservare, forse, nutro un ‘sentimento’ particolare, non voglio proprio disfarmene , continuo a riporli nell’armadio, in scatole fiorate e profumo di lavanda. Faccio smorfie allo specchio, mi giro da tutti i lati,mi prendo in giro, sono irrimediabilmente cambiata.

E riaffiorano ricordi, sensazioni di un tempo speciale, di spiaggia, di mare, di salsedine insieme ad una punta di nostalgia…forse una grandissima punta di nostalgia.

Poi mi decido, prendo quel che ho, in fondo mi sento bene, sono mediamente soddisfatta di vedermi arrotondato e ho voglia di fare un gelato di quelli vintage, di quelli che non ho mai assaggiato, nonostante li vedevo fare i gelati, mio padre e mia madre, ed io che non ne volevo sapere di aiutarli al bar in estate, ma lo facevo lo stesso.

Gelato Malaga

Un gelato che definivo “strano”, non amavo forse l’uvetta o forse il gusto del rum era troppo forte per quella età. Un gelato che non si fa più che é completamente sparito dalla lista, eppure ora ne ho una grande voglia.

Di gusti strani ce ne stanno in giro, azzardati e molto insoliti, forse il gelato Malaga era questo per me allora, un gusto strano ed insolito, oggi invece é un gelato dimenticato ma che riaffiora prepotente nella mia mente.

Buone vacanze che siano felici e ricche di sole, sorrisi e libertà.

IMG_9906

Gelato Malaga ( ricetta tratta dal’inserto della gelatiera Simac e adattata secondo i miei gusti)

  • 350 ml di latte ( di soia per me)
  • 200 ml di panna fresca
  • 3 tuorli
  • 1 albume
  • 60 g di zucchero di canna chiaro
  • 20 g di miele liquido
  • 50 g di uvetta
  • 30 ml di rum ambrato
  • 1/2 stessa di vaniglia

Per prima cosa mettere in una ciotola l’uvetta con il rum e lasciarla ripoare per almeno mezz’ora.

In una terrina ho montato i tre tuorli con lo zucchero. Mentre in una casseruola ho versato il latte di soia aggiungendo la stecca della vaniglia divisa in due nel senso della lunghezza, ho portato a bollore a fiamma dolce. Ho tolto la stecca della vaniglia e fatto cadere i semini nel liquido.  Ho versato a filo il latte sempre mescolando nei tuorli ben montati, ho poi rimesso su fiamma, ho aggiunto la panna e l’albume leggermente sbattuto. Ho portato a bollore molto lieve per un minuto. Ho lasciato intiepidire. Ho preparato poi la gelatiera secondo le istruzioni e versato la crema, l’uvetta con il rum ed il miele. Ho eseguito le istruzioni della mia gelatiera, circa 25 minuti ed il gelato é pronto. L’ho poi messo in una vaschetta e in frizeer per almeno due ore prima di consumarlo.

Visualizza versione stampabile

Standard
dolci lievitati, Non classé

La mia Corona di Pasqua soffice e facilissima

Corona morbida di Pasqua

“Prima che passi la Pasqua vorrei riuscire a condividere questa briosce”. E’ stata la mia nota virtuale, appuntata nella  mente subito dopo essere riuscita ad improvvisare questa corona molto soffice e golosa. Non sono esperta dei lievitati, forse perché non presto molta attenzione nel farli, ci vuole pazienza e tempo da dedicare finché un’impasto sia perfetto nella fase finale, che raggiunga la giusta morbidezza, almeno per me. Le pasta madre, fatta morire per ben tre volte é l’esempio plateale della mia non disponibilità, noncuranza, anche. Le pieghe non fanno per me, i tempi troppo lunghi nemmeno a parlarne.

Briosce di Pasqua

Se mi prende pero’ la voglia di una pane dolce fatto in casa mi prodigo sempre alla sera, in modo da aver pronto l’impasto ben lievitato giusto il giorno dopo e poterlo lavorare prima di andare a lavorare. Al rientro lo trovo giusto pronto da infornare. Tre fasi semplici e veloci che non mi impegnano tanto. A volte il pan dolce é buono, altre lo é di meno, e poi altre volte invece, con mia grande sorpresa e soddisfazione, semplicemente perfetto. Il quadernino della memoria vicino per annotare gli ingredienti , i passaggi essenziali e non  dimenticarlo. Che sia una serena Pasqua per tutti voi.

IMG_8138

La mia corona morbida di Pasqua

facile – tempo di preparazione15+5 min. – tempo di riposo 8 ore + 2 – tempo di cottura 25 mn. – Forno 180°C. statico

  • 400 g di farina manitoba
  • 20 g di fecola di patate
  • 150 g di burro a temperatura ambiente
  • 2 uova medie
  • 1 tuorlo
  • 40 g di zucchero vergeoise o zucchero di canna chiaro
  • 1 cucchiai di miele acacia
  • 1 pizzico di sale
  • 2 grammi di lievito disidratato
  • 100 ml di latte ( il mio era di soia)
  • 1 cucchiaio d’estratto di vaniglia
  • due cucchiai di zuccherini ( sucre perlé) + altri per decorare

Mescola la farina con la fecola e setacciala direttamente nella planetaria o sul piano di lavoro. Versa lo zucchero e mescolalo alla farina, metti in un angolino il pizzico di sale per non mescolarsi subito con il lievito. Fai un’incavo al centro. Scalda il latte tiepido e metti i 2 grammi di lievito, mescola con un cucchiaio di legno fino a farlo sciogliere bene. Versa al centro nell’incavo della farina in planetaria e inizia ad impastare con il gancio. In una ciotola sbatti le due uova con il tuorlo ed aggiugile al’impasto in planetaria insieme al miele e all’estratto di vaniglia. Continua ad impastare a velocità media finché tutta la farina é ben integrata e comincia ad attaccarsi al gancio ma ancora abbastanza secca. A  piccoli pezzi e poco per volta a velocità media, aggiungi il burro già morbido,integra pezzetto per pezzetto all’impasto senza avere fretta.  ( puoi aggiungere scorza di limone grattugiata, o di arancia o ancora acqua di fiori d’arancio o altro aroma che preferisci). Quando avrai integrato tuto il burro Impasta da 5 a 8 minuti a massima velocita. L’impasto risulterà elastico e non appicicoso. Infine aggiungi lo zucchero perlato facendo girare il gancio per due volte ma lentamente. Prendi il panetto e mettilo in una ciotola leggermente infarinata, fai una croce al centro.Chiudi la ciotola con film alimentare copri con un tovagliolo e tieni a temperatura ambiente fino ad un massimo di 10 ore.

Riprendi il panetto raddoppiato di volume, ( vedrai sarà leggerissimo) sul piano di lavoro leggermente infarinato abbassalo leggermente con le mani senza lavorarlo. Dividilo in tre panetti uguali. Stendi ogni panetto formando un salsicciotto di 50 cm circa di lunghezza. Poi unisci i tre salsicciotti da una parte e intreggiali. Chiudi a ruota.  Metti la corona su una teglia da forno leggermente infarinta, fai lievitare per 2/3 ore coperta con un canovaccio di cotone ed uno di lana e possibilmente nel forno spento. Accendi il forno statico a 180°C – metti la griglia alla seconda posizione del forno dal basso e inforna la corona dopo averla spennellata di poco latte e di zuccherini. Lascia dorare per 25 minuti. Togli dal forno e lascia intiepidire. Puoi cospargere di zucchero a velo prima di servirla.

ps: Per renderla più pasquale avrei potuto mettere tra gli intreci delle uova ma poi nessuno li avrebbe mangiati in casa.

Visualizza versione stampabile

Standard