Crust streusel coconut rice -Torta friabile riso e cocco

Crust streusel coconut rice

Una domenica delle palme grigia, spenta, sembra tutto fermo fuori dalla finestra ed io non ho proprio voglia di muovermi.

Suona la campana della messa ma non ho piu’ l’abitudine di andarci, si forse era un’abitudine prima, più che una devozione, ora nessuna delle due cose.

Mi sento particolarmente pigra. Mi innervosisco anche con mio marito che chiude le tendine della stanza ed io invece voglio che arrivi la luce del mattino…e questa mattina luce non c’era.

IMG_3109.jpg

Poi penso….in fondo  é domenica. Comunque sia fuori, noi siamo qui a coccolarci nel nostro tempo libero, approfittando di ore senza fretta

Apro il frigo e senza idee precise mi muovo creando cose buone da mangiare, proprio come se fosse una festa.

Una torta sbriciolosa? una crostata di riso? una torta farcita? Un dolce della domenica , una vaga somiglianza con la pastiera, una consistenza simile alla pastiera forse più leggera, senza glutine…mi sto forse preparando la mia Pasqua?

Crust streusel coconut rice 1.jpg

Ingredienti

per la base frolla:
  • 2 uova fresche  di galline felici all’aria ( non lo scrivo sempre ma voi lo sapete già)
  • 150 g+ 2 cucchiai colmi  di farina di cocco
  • 50 g di olio di cocco ( in sostituzione burro)
  • 2 cucchiai di miele liquido o sciroppo d’acero
  • un limone biologico
  • un pizzico di sale
Per il ripieno risolatte
  • 150 g di riso per dessert
  • 75 cl di latte vegetale ( di cocco io in questo caso ma va benissimo anche di mandorle o latte di soia)
  • 20 cl di panna liquida
  • 1 tuorlo sempre come sopra
  • 2/3 cucchiai di miele liquido ( se preferite potrete aggiungere dello zucchero di canna chiaro circa 60 g)
  • 2 cucchiai colmi di cocco disidratato
  • un limone
  • un baccello di vaniglia o un cucchiaino di estratto di vaniglia
Ho acceso il  forno a 180°C.
Procedimento per la frolla
In una ciotola ho sbattuto le uova insieme all’olio di cocco fuso , miele e pizzico di sale. Ho grattugiato  la buccia del limone e l’ho mescolata nella farina di cocco,  il succo , invece, l’ho  spremuto  negli ingredienti liquidi. Sulla farina di cocco ho versato gli ingredienti liquidi e ho lavorato prima con un cucchiaio di legno e poi con le mani da far bene assorbire gli ingredienti.( nel caso sia troppo morbida aggiungere un altro cucchiaio di cocco) Ho formato una palla e l’ho lasciata riposare a temperatura ambiente per 10/15 mn.
Intanto ho cominciato a preparare il risolatte.
In un pentolino ho versato il latte e la panna. Se deciderete di utilizzare  lo zucchero potrete già mescolarlo al risolatte, mentre il miele ho preferito aggiungerlo solo alla fine della cottura. Poi ho tagliato il baccello della vaniglia in due con un coltellino ho fatto cadere i semini dentro il latte lasciandovi anche il baccello stesso. Ho fatto cuocere, mescolando spesso, per circa 35/40 minuti a fiamma dolce, poco prima di spegnere ho aggiunto il tuorlo mescolando velocemente. Infine ho versato il miele,  la buccia grattugiata del limone il succo di mezzo limone e un cucchiaio colmo  di cocco disidratato, mescolando bene, ho eliminato il baccello della vaniglia.
Ho preso la frolla, ne ho prelevato un pezzetto ( che mi servirà per lo streusel) e l’ho stesa direttamente sulla carta forno e nella teglia, essendo molto friabile. Ho utilizzato uno stampo di 20 cm di diametro. Ho steso la pasta pressando con  le mani ad uno spessore non troppo sottile cercando  di sollevarla per ricorpire anche i bordi alti della teglia circa 4 cm.  Ho eliminato parte eccedente mettendola da parte per lo streusel.
Ho bucherellato il fondo della frolla ed ho ricoperto di carta forno e fagioli per la cottura in bianco. In forno per 10 mn a 180°C
Nel frattempo che il risolatte si sia intiepidito e la frolla raffreddata, ho farcito la frolla livellando bene.
Poi ho ripreso i ritagli della pasta rimasti e li ho sbriciolati aggiungendo un cucchiaio di cocco disisdratato per renderla ancora poiu friabile con la quale ho ricoperto il risolatte.
Ho infornato la torta per 25/30 minuti a 200°C. forno ventilato e ripiano centrale.
Lasciare raffreddare prima di degustare.
piccolo consiglio
Questo dolce non é particolarmente zuccherato, io lo preferisco cosi’, ovviamente potrete dolcificare a vostro piacimento, vi consiglio comunque di limitare lo zucchero nei dolci che fate in casa, vedrete che con il tempo sarete abituati e non ci farete più caso, anzi i dolci che mangerete fuori di casa saranno al vostro gusto eccessivamente dolci per cui un bel passo avanti per la vostra salute.
Annunci

Torta di carote e arance al cocco

Torta arance carote e cocco

Io e mio padre siamo simili…per molte cose.

Ci commuoviamo di fronte alla gioa, all’amicizia sincera, agli affetti,alla solidarietà, quando questi sono manifestati nella loro più alta essenza.

Non amiamo distrurbare gli altri sopratutto chi ci sta vicini se non ci sentiamo bene. E se non ci sentiamo bene, facciamo finta che tutto va bene, forse riusciamo anche a convincere noi stessi pur di non disturbare.

Evitiamo le discussioni, non amiamo alzare la voce, con calma parliamo e tentiamo un dialogo che possa allentare la tensione, magari imbarazzati e da sembrare fuori luogo.

Cio’ che facciamo ci piace farlo innazi tutto con passione, senza esporci troppo, senza imporci, siamo discreti, forse troppo per alcuni, ma siamo cosi’.

Leggo le sue espressioni sul mio viso , le vedo anche se non mi guardo allo specchio, leggo i suoi silenzi o le sue parole mancate, i suoi sguardi sfuggenti. Non vuole farci capire di più.

Io e mio padre amiamo il giorno quando c’é il sole. Se ci svegliamo con il sole tutto andrà bene ne siamo certi, sappiamo sprigionare il nostro meglio, serenità d’animo,energia, ottimismo.

Ci piace che cio’ che possediamo non sia solo nostro ma condiviso.

Le arance, forse il frutto che amiamo di più io e mio padre.

1-Montages

E se ne ha , mio padre, di arance, fa in modo che arrivino anche a me.

Torta alle carote e arance, al cocco

Torta arance carote e cocco2

Ingredienti per una torta per 6 persone

  • 200 g di farina di cocco
  • 120 g di carote (circa due piccole)
  • 5 uova
  • 60 g di zucchero di canna
  • 80 g di miele
  • 1 grossa arancia bio
  • la punta di un cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1 cucchiaino raso di lievito
  • 2 cucchiai di olio di cocco solido o di burro
  • un cucchiaino di estratto di vaniglia
  • un pizzico di sale
Lavare bene l’arancia, bucherellarla con i rebbi di una forchetta e metterla in una contenitore in vetro coperta di acqua. Coprire con film alimentare per micro onde e farla cuocere in micro onde per 5 minuti posizionando il termostato a 900.
Lasciarla intiepidire. Tagliarla a metà e togliere eventuali semini interni.
Metterla intera in un blander, aggiungere le carote lavate e sbucciate e mixare insieme. Mettere da parte.
In un pentolino sciogliere il miele con il burro di cocco, aggiungere l’estratto della vaniglia, lasciar intiepidire
In una ciotola versare la farina di cocco, mescolarvi il livito ed il bicarbonato.
.
In un’altra ciotola montare le uova con lo zucchero, versarvi gli ingredienti secchi , il miele e l’olio sciolti e tiepidi, mescolando con una sfrusta a mano, incorporare infine l’arancia e le carote mixate.
Accendere il forno a 160°C.
Versare il composto in una tortiera imburrata ed infarinata con farina di riso.
Infornare per 50/55 minuti.
La torta risulterà umida all’interno ma comunque cotta.

 

Visualizza versione stampabile

 

Pane all’avena e al miele con semi di lino

 

IMG_09542610

E’ il mio pane quotidiano. Sano, ricco di semi oleosi, proteinico.

Amo tutti gli ingredienti utilizzati, cosi’ che questo piccolo pane da colazione o da merenda doveva per forza appartenermi.

Indispasabile ora.

A volte é il mio unico pasto quotidiano, spalmato di formaggi cremosi o verdure grigliate.

E’ che poi ti abitui facilmente a certe delizie, specie se sono anche buoni per la salute.

Spero che possiate essere spinti a provarlo anche se non adottate un’almentazione vegetariana e che possiate trovare la stesso piacere mio di gustarlo come meglio vi suggerirà la vostra fantasia.

IMG_09452610

La ricetta é tratta dal libro di Haidi Swanson Near & Far: Recipes Inspired by Home and Travel  acquistato su Amazon

con qualche mia personale interpretazione per terminare dei fondi di farina in dispensa.

Ingredienti per uno stampo da 16 cm di lunghezza per 10,5 cm di larghezza, é possibile suddividerlo in due stampi tenedo conto che la cottura si deve ridurre di 10 min circa.

  • 200 g di fiocchi d’avena
  • 40 g di farina di mais
  • 70 g di farina di riso integrale
  • 70 g di farina di quinoa
  • 360 ml di acqua tiepida
  • 2 cucchiaini di lievito disidratato
  • 1 cucchiaio di miele liquido
  • 2 cucchiai di olio di cocco solido ( oppure due cucchiai di olio d’oliva)
  • un pizzico di sale
  • un cucchiaio colmo di semi di lino

In una ciotola ho messo ho mescolato  all’acqua tiepida i due cucchiaini di lievito, ho lasciato  riposare per 5 mn. Ho aggiunto poi il cucchiaio di miele mescolando per farlo sciogliere.

Con un mixer ho tritato molto finemente 100 grammi di fiocchi d’avena. Versati in una ciotola, ho aggiunto il resto degli ingredienti secchi insieme ad pizzico di sale.  Ho versato l’acqua con il lievito ed il miele ancora tiepida mescolando con un cucchiaio di legno, ho aggiunto l’olio di cocco liquefatto, ottenendo un’impasto granuloso  ma compatto e non troppo denso, in fine aggiungo  i semi di lino, continuando a mescolare con il cucchiaio di legno essendo un’impasto morbido non si puo’ lavorare con le mani.

Ho preparato uno stampo da plum cake imburrato ed infarinato con la farina di riso. Ho versatol’impasto livellando bene, poi l’ho coperto con film alimentare per lasciarlo riposare 40/45 minuti  e coperto bene con un tovagliolo caldo finché non lievita un po’.

Acceso il forno a 180°C. ho infornato per 40 minuti .

Lascio raffreddare prima di tagliare a fette e servirmi una fetta con frutta fresca e formaggio.

Buona degustazione!

Visualizza versione stampabile