Tiramisu’ con crema pasticcera al caramello

IMG_8220

Golosa una crema pasticcera al caramello???? Divina aggiungo, indubbiamente!!!!

Il libro di Trish Deseine, che conservo gelosamente e che sto risfogliando spesso in questo periodo, mi delizia sempre senza stancarmi, papille e fantasia,  Il caramello delle meraviglie é decisamente l’inno migliore a questa goduriosa alchimia  della pasticceria.

Ho già gustato praticamente  poco più della metà delle ricette contenute e sicuramente finiro’ per farle tutte.

Fine settimana scorsa é stata la volta della crema pasticcera , non so perché m’era passata curiosamente inosservata, forse perché, leggendone il procedimento  mi sembrava un po’ complicato da realizzare, cioé, da dover prestare una certa attenzione all’esecuzione.

Sarà la sostituta della solita crema classica per molte altre preparazioni che intendo fare nei prossimi mesi, anche perché non’appena arriva la primavera sono proprio le creme che amo preparare di più per i nostri dessert domenicali e non solo.

Ve la propongo cosi’ come é perfetta nella descrizione del libro di Trish e ve la consiglio in un simil tiramisu, che faccio abitualmente con crema classica, per non usare uova crude ed il mascarpone…..buon divertimento!!!!!

IMG_8203-2

 

Per la crema pasticcera al caramello di Trish Deseine

  • 100 g di zucchero semolato bianco
  • 2 cucchiai di acqua
  • 15 cl di panna fresca
  • 15 cl di latte intero ( io ho utilizzato latte di soia)
  • 25 g di zucchero per Trish, io non l’ho messo
  • 4 tuorli
  • 1 cucchiaio e mezzo di farina setacciata

 

Monta i tuorli con i 25 g di zucchero ( dato che io ho preferito omettere questa quantita di zucchero poiché alla crema vi si aggiunge il dolce del caramello ho montato i tuorli con la farina) e la farina fino ad ottenere una mousse chiara.

In un pentolino porta a bollore la panna con il latte.

In un altro pentolino prepara il caramello con i 100 g di zucchero a i 2 cucchiai di acqua. Copri tutto lo zucchero con l’acqua, metti sul fuoco e fai sciogliere bene lo zucchero senza mai toccarlo o girarlo con un cucchiaio, fai roteare di tanto in tanto il pentolino. Continua e fiamma dolce e sopratutto sorvegliando lo sciroppo finché comincia a divenire color ambra.

Togli dalla fiamma e versa il latte con la panna caldi, attenzione a non bruciarti. Mescola velocemente con un cucchiaio di legno e riposiziona sulla fiamma bassa per far sciogliere eventuali particelle di zucchero cristallizzati.

Versa sulle uova montate con la farina mescolando energicamente, rimetti tutto nel pentolino  e fai sobbollire ,mescola continuamente finché la crema si sarà addensata. Lascia raffreddare completamente.

Per realizzare il Tirmisu’ non ho utilizzato tutta la quantità di crema, ma circa 200 g. il resto l’ho congelto per una preparazione successiva.

Per il Tiramisu’ ( dosi per 4 persone)

  • 250 g di mascarpone
  • 200 g di crema pasticcera al caramello
  • biscotti savoiardi
  • 1 tazzina di caffé ristretto
  • 2 cucchiai di liquore all’amaretto.
  • cacao in polvere amaro per spolverare

Il procedimento é semplice. Ho montato con le fruste il mascarpone aggiungendovi la crema pasticcera al caramello. Non ho aggiunto zucchero ma se preferite più dolce aggiungi la quantità che ti conviene.

Nel contenitore che preferisci, prepara il Tiramisu’ secondo il metodo classico. inzuppando i biscotti nella bagna caffé,amaretto, alternando crema, biscotti,cacao. Fino a coprire con la crema. Riservare in frigo fino al momento di servire e cospargere di cacao amaro.

Visualizza versione stampabile

Annunci

Frolle farcite con composta di mele e noci al caramello di burro salato

IMG_6624

E’ tempo di biscotti.

Sotto le feste di Natale é impensabile non fare biscotti, anche soltanto per regalarli ed é il mio più grande piacere.

Questi biscotti  visti da Lucy mi son piaciuti subito.

A dire il vero ho usato solo la sua frolla ma é stata la forma che mi ha colpita ed in mente avevo già un mio ripieno, nulla togliendo a quello usato nella versione originale, molto goloso e perfetto per questo periodo.

Ho fatto la frolla la sera prima e l’ho riservata in frigo per farcirla il giorno successivo, io,  libera ed in solitudie a casa.

IMG_6633

Non voglio i miei tre uomini intorno, concedo questo onore solo al gatto che come sempre salta sul ripiano della cucina e mi osserva, curioso e speranzoso in silenzio finché non riesce ad accapararsi qualcosa di buono.

La decisione di farcirli con una composta di mele mi ha fatto un po’ faticare perché riuscissi.

La composta troppo morbida non mi permetteva di realizzare la forma cosi golosa uguale a quella di Lucy.

Volevo abbandonare ma sentivo che sarebbero stati troppo buoni  per rinunciare se con l’aggiunta del caramello salato e qualche altro ingrediente avessi reso la composta più solida.

Insomma, c’ho provato  anche se non del tutto soddisfatta poiché , all’interno di farcia non ce ne sarebbe stata abbastanza al morso formando delle palline non troppo grosse e cosi ho anche fatto dei dischetti come base e ricoperti di un successivo dischetto tagliato a forma di stella, come vedete dalla foto.

A bontà non v’é dubbio, sono golosissimi, per  la forma  scegliete quella che più vi conviene.

IMG_6619

Per la frolla:

  • 250 g di farina 00
  • 130 g di burro
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di rum
  • 50 g di zucchero a velo (nella versione di Lucy non c’é zucchero)
  • la punta di un cucchiaino di lievito per dolci ( anche questo nella frolla di Lucy non c’é)

Per il ripieno

  • 1 mela  Granny Smith*
  • il succo di mezzo limone
  • 1 cucchiaio colmo di caramello al burro salato ( per la ricetta Clicca qui)
  • 100 g o più di noci ridotti a farina

Prepara la frolla, versa la farina setacciata in una terrina insieme al pizzico di lievito e lo zucchero a velo.  Aggiungi il burro freddo e a cubetti, comincia a mescolare con le mani formando delle grosse briciole, aggiungi l’uovo leggermente sbattuto ed il rum e mescola velocemente formando prima una palla e poi soprapponendola su film alimentare, appiattiscila leggermente e chiudila per bene nel film conservandola in frigo per 30 minuti.

Prapara la farcia. Lava, sbuccia e taglia in quattro la mela, irrorala con il succo del limone e metti i 4 pezzi nel cestello per la cottura a vapore. Chiudi con coperchio e fai cuocere da bollore, 10 minuti.

Mixala, dopo aver tolto i semini e la parte centrale, insieme al cucchiaio di caramello freddo da frigo e aggiungi le noci già mixate fino a che il composto si presenta morbido ma sodo, asciutto, aggiungi ancora farina di noci nel caso di presenti troppo umido. *Questo dipende dalla cottura delle mele e dal tipo della mela, infatti per questo consiglio le Granny Smith anche per il loro gusto piuttosto acidulo rispetto ad altre varietà di mele, cosi che venga compesato dal caramello già abbastanza zuccheroso (troppo dolce per me :p)

Lascia questo composto riposare in frigo per 30 minuti.

Prendi la frolla, metti una spolverata di farina sulla spianatoia e stendila mezzo cm di spessore. Taglia con il coppapasta dei dischetti di 8 cm di diametro metti al centro un po del ripieno e con le mani chiudi formando una pallina. Ecco, attenzione perché molto fragile questa operazione. Oppure , taglia dei dischetti più piccoli e metti il ripieno al centro, copri con un’altro dischetto della stessa dimensione con un taglio centrale a forma di stella e sigilla bene con la punta delle dita, la stessa farcia farà da collante.

Accendi il forno a 180°C. Disponi i biscotti sulla teglia e su carta forno bel distanziati uno dall’altro. Non gonfiano molto ma meglio prevedere. Inforna per 18 minuti circa finché la superficie sarà dorata ma non troppo.

lascia raffreddare e cospargi di zucchero a velo.

Si conservano da 3 a 4 giorni benissimo a temperatura ambiente ma puoi anche conservarli una settimana in frigo.

Visualizza versione stampabile

Grazie

cover

Si, ecco, intanto che mangerai qualche biscottino goloso o questi o altri che decidi di fare di certo buonissimi, ti ricordo che c’é in giro un E-Book con ricette leggermente piccanti e che potresti farne un simpatico regalo a qualche  amica ma anche da un compagno, amico, marito,  che  possa improvvisarsi cuoco e farti una bella sorpresa? Ma di certo puoi regalartelo costa cosi’ poco 😉 ci sono ricette insolite, originali, sfiziose e colorate di rosso adatte anche al Natale.

L’e-book potrete scaricarlo Cliccando qui

Crema catalana con composta di amarene all’anice

crema catalana flickr

I dessert del caldo sono fresche creme leggere.

Semplici da fare e con ingredienti essenziali che sono sempre nella nostra dispensa.

Buone senza nulla, cucchiaino dopo cucchiaino si scioglie gradevolissima in bocca lasciando il gusto finale dei semini della vaniglia.

Se la si vuole ingolosire più di quella che già é, basta aggiungere una base di amarene dolcissime e profumate al liquore di anice , che non ricordavo di avere infilato infondo alla vecchia credenza, ed ancora, una spolverata  di cristalli di caramello e…sedersi comodamente, dopo una giornata lunga e faticosa, dopo aver sistemato tutto in cucina, affondarci il cucchiaio e delizirsi una meritata ricopensa.

1-IMG_4746 (2)

E cosi che ho inaugurato la mia nuova cucina.

crema catalana

Per 4 persone

  • 1 l di latte di mandorla
  • 6 tuorli
  • 4 cucchiai di zucchero di canna chiaro
  • 4 cucchiai di Maizena
  • 25 g di burro
  • un limone bio
  • 1 baccello di vaniglia
  • 200 g di ciliege amarene
  • 2 cucchiai di zucchero a velo ( se preferisci la composta più dolce aggiungi un’altro cucchiaio di zucchero)
  • il succo di mezzo limone
  • 2 cucchiai di liquore all’anice
per il caramello
  • 10 zollette di zucchero ( o 100 g di zucchero)
  • 2 cucchiai di acqua
Prepara la composta di amarene. Snocciola le ciliegie dopo averle ben lavate e versale in un pentolino a fondo spesso, aggiungi lo zucchero, il succo di mezzo limone e l’anice. metti su fiamma media mescolando facendo ben sciogliere lo zucchero. Fai cuocere a fiamma dolce per 15/20 minuti, come per fare una marmellata. Se trovi che sia troppo liquida, continua aocra per 5 minuti.Poi lascia raffreddare.  Ed infine distribuisci in cocottine di vetro
In un pentolino scalda 90 cl di latte con il baccello della vaniglia tagliato in due e  tre strisce di buccia del limone.  In una terrina sbatti 1 tuorli con i 4 cucchiai di zucchero e la Maizena. Versa 10 cl di latte freddo e mescola bene. Quando il latte comincia a bollire, allontana dalla fiamma, togli la buccia del limone, il baccello della vaniglia facendone cadere i semini nel latte e versa la crema di uova mescolando velocemente con una frusta. Fai addensare a fiamma bassa mescolando con un cucchiaio di legno.
Versa la crema sulla composta di amarene e lascia raffreddare fino al momento di servire.
per il caramello:
Fai sciogliere lo zucchero in un pentolino bagnadolo bene con l’acqua, a fiamma media, senza mai mescolare, rotendo di tanto in tanto il pentolino,  fino a diventare col ambra. Versalo su di un foglio di carta forno e lascialo raffreddare perché si solidifichi. Poi con un piccolo martellino o un’altro attrezzino riducili a cristalli, puoi anche usare un doppio foglio di carta forno posto sul caramello e passarci sopra una bottiglia in modo da sbriciolarlo pil più finemente possibile.
Al momento di servire la crema cospargi dei cristalli di caramello.

Visualizza la versione stampabile