PANDORO STOLLEN

pandoro-stollen-1E poi, sempre prima dello scoccare della mezzanotte, arriva il momento dei buoni propositi.

Riflettere e tirare le somme dei 365 giorni passati.

Quel che è stato buono, quel che è stato meno buono  di quel che ha fatto tanto male da volerci lasciare alle spalle.

E no.

Niente propositi per me quest’anno. Inciderli nella mia agenda di memoria per poi lasciarli sbiadire lentamente da scordarmeli e per nulla mantenerli, non serve.

Voglio solo riuscire a riempire le 365 pagine vuote di  colori, di sorrisi e di strette di mano, di calore di affetti , di comprensioni e di rispetto, di  parole da ascoltare e di parole da regalare , da porgere per consolare.

Quello che comunque sarà, uguale come tutti gli anni, senza smettere di sognare.

Vi auguro questo, un sogno, tanti sogni e l’impegno e la determinazione di realizzarne almeno uno.

BUON ANNO A TUTTI VOI CHE PASSERETE DA QUI. ❤

pandoro-stollen

Mini Pandoro stollen

Ingredienti 6 piccoli pandoro

  • 30 g di scorza d’arancia candita
  • 40 g di uvetta
  • La buccia grattugiata di un limone
  • 2 cucchiai di rum
  • 4 cucchiai di latte
  • 120 g di farina
  • 80 g di farina di mandorle
  • 1 cucchiaino e mezzo di baking powder
  • 80 g di zucchero
  • 180 g di burro
  • 2 uova
  • 80 g di marzapane

In una ciotola mettere le uvette e la scorza di arancia candita a cubetti insieme al rum

In una ciotola versare  farina , lievito e farina di mandorle, mescolare

Montare le uova con lo zucchero, aggiunere il burro fuso e intiepidito, poi integrare la farina e la buccia del limone grattugiata.

Infine versare i canditi con il rum i cucchiai di latte  ed il marzapane tagliato a cubetti, lavorando con un cucchiaio di legno o una spatola.

Preparare delle formine da pandoro o formine differenti  o cartine per muffins e distribuire il composto poco più basso del bordo ( non essendoci molto lievito non si gonfieranno tanto).

Infornare a 180°C. Per 30 minuti.

Intanto in una ciotolina far sciogliere 20 g di burro ed in un’altra ciotolina versare 50 ml di rum.

Appena usciti dal forno lasciare intiepidire i dolcetti e se in formine in silicone toglierli e disporli su di una gratella spennellandoli leggermente , prima con il rum e poi con il burro sciolto. Raffreddare completamente e cospargere di zucchero a velo aromatizzato alla vaniglia.

Piccola nota: per chi ha pensato che siano dei veri pandoro, preciso che é solo la forma del pandoro , é un’impasto pensato per ottenere 12 muffins che ho già fatto l’anno scorso ma non avevo ancora pubblicato sul blog. Avendo lo stampo in silicone ho provato a relizzarli in questa veste che si addice alle feste natalizie. Vabé, son finite ma sono troppo buoni per non essere ripetuti tutto l’anno ed inqualsiasi momento lo si voglia.

Felice sera ❤

Visualizza per stampare la ricetta

Annunci

Torta di carote e arance al cocco

Torta arance carote e cocco

Io e mio padre siamo simili…per molte cose.

Ci commuoviamo di fronte alla gioa, all’amicizia sincera, agli affetti,alla solidarietà, quando questi sono manifestati nella loro più alta essenza.

Non amiamo distrurbare gli altri sopratutto chi ci sta vicini se non ci sentiamo bene. E se non ci sentiamo bene, facciamo finta che tutto va bene, forse riusciamo anche a convincere noi stessi pur di non disturbare.

Evitiamo le discussioni, non amiamo alzare la voce, con calma parliamo e tentiamo un dialogo che possa allentare la tensione, magari imbarazzati e da sembrare fuori luogo.

Cio’ che facciamo ci piace farlo innazi tutto con passione, senza esporci troppo, senza imporci, siamo discreti, forse troppo per alcuni, ma siamo cosi’.

Leggo le sue espressioni sul mio viso , le vedo anche se non mi guardo allo specchio, leggo i suoi silenzi o le sue parole mancate, i suoi sguardi sfuggenti. Non vuole farci capire di più.

Io e mio padre amiamo il giorno quando c’é il sole. Se ci svegliamo con il sole tutto andrà bene ne siamo certi, sappiamo sprigionare il nostro meglio, serenità d’animo,energia, ottimismo.

Ci piace che cio’ che possediamo non sia solo nostro ma condiviso.

Le arance, forse il frutto che amiamo di più io e mio padre.

1-Montages

E se ne ha , mio padre, di arance, fa in modo che arrivino anche a me.

Torta alle carote e arance, al cocco

Torta arance carote e cocco2

Ingredienti per una torta per 6 persone

  • 200 g di farina di cocco
  • 120 g di carote (circa due piccole)
  • 5 uova
  • 60 g di zucchero di canna
  • 80 g di miele
  • 1 grossa arancia bio
  • la punta di un cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1 cucchiaino raso di lievito
  • 2 cucchiai di olio di cocco solido o di burro
  • un cucchiaino di estratto di vaniglia
  • un pizzico di sale
Lavare bene l’arancia, bucherellarla con i rebbi di una forchetta e metterla in una contenitore in vetro coperta di acqua. Coprire con film alimentare per micro onde e farla cuocere in micro onde per 5 minuti posizionando il termostato a 900.
Lasciarla intiepidire. Tagliarla a metà e togliere eventuali semini interni.
Metterla intera in un blander, aggiungere le carote lavate e sbucciate e mixare insieme. Mettere da parte.
In un pentolino sciogliere il miele con il burro di cocco, aggiungere l’estratto della vaniglia, lasciar intiepidire
In una ciotola versare la farina di cocco, mescolarvi il livito ed il bicarbonato.
.
In un’altra ciotola montare le uova con lo zucchero, versarvi gli ingredienti secchi , il miele e l’olio sciolti e tiepidi, mescolando con una sfrusta a mano, incorporare infine l’arancia e le carote mixate.
Accendere il forno a 160°C.
Versare il composto in una tortiera imburrata ed infarinata con farina di riso.
Infornare per 50/55 minuti.
La torta risulterà umida all’interno ma comunque cotta.

 

Visualizza versione stampabile

 

Biscotti alle nocciole

Biscotti alle nocciole 3

E’ la prima volta da che ho il blog che prendo una cosi’ lunga pausa per condividere i miei pensieri e ricette.

Questa volta non é stato per mancanza di tempo , bé quello é sempre poco, sopratutto in questo periodo che le giornate sembrano piu’ brevi nonostante siano di 24 ore, é il buio che, sopraggiungendo troppo presto mi stanca ed assorbe tutte le mie energie anche quelle mentali.

Ho messo tempo a scrivere forse perché i miei pensieri sono ancora troppo carichi della vacanza in Calabria, intensa di affetti, di momenti gradevolissimi con tutta la mia famiglia che, scriverene qui mi sembra di staccarmene, invece, voglio mantenerli ancora stretti stretti tutti per me.

Ho fatto questi biscotti prima di Natale e li ho rifatti in Calabria prima di ripartire. Li ho sistemati tutti per bene in una scatola di latta e lasciati in cucina perché loro li gustassero dopo la mia partenza.

biscoti alle nocciole 1

Per farli avevo bisogno dell’olio di cocco, ero certa di trovarlo anche nel mio piccolo paese sul mare, dove mancano tante cose per essere perfetto ma non un negozio di prodotti naturali, dove ho potuto acquistare diverse farine biologiche e l’olio di cocco del quale ormai faccio a meno raramente.

Mia mamma ieri sera, al telefono, mi confessa che « quei biscotti che ha lasciato sono tanto buoni che li sto mangiando tutti io da sola…. » e presa carta e penna, vuole la lista degli ingredienti.

Lei non sa e non gliel’ho neanche detto, che vengono fuori da dentro il suo quaderno di ricette.

In verità ho rielaborato una sua ricetta di biscotti alle mandorle contenete più o meni gli stessi ingredienti, ho utilizzato delle nocciole aumentando la quantità per renderle ricche del loro gusto, diminuito notevolmente lo zucchero e al posto del burro l’olio di cocco.

Biscotti alle nocciole

Ingredienti per circa 30 biscotti

  • 260 g di farina di frumento
  • 150 g di zucchero di canna chiaro
  • 3 grosse uova
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 50 g di olio di cocco
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • le zeste di un limone bio
  • 1 pizzico di sale
  • 300 g di nocciole intere
Accendere il forno a 170°C, lasciare la teglia in forno per 10 minuti, togliere la teglia e distribuirvi le nocciole ovviamente tolte dal loro guscio, infornare ed abbassare la temperatura a 90°C. far tostare per 15 minuti, Spegnere il forno e lasciare ancora 15 minuti le nocciole all’interno. Togliere la teglia e farle intipeidire. A questo punto strofinarle per spellarle.  Mettere da parte.
Mescolare la farina setacciata con il lieivito il pizzico di sale, la cannella e lo zucchero in una ciotola.
In un’altra ciotola sbattere leggermente le uova con l’olio di cocco, le zeste del limone bio. Versare il tutto nella ciotola con la farina, mescolare con un cucchiaio di legno facendo assorbire i liquidi, aggiungere le nocciole ( io le ho messe intere ma rendono difficile poi il taglio dei biscotti poiché tendono a sbriciolarsi, per cui consiglio di mamma tritarle prima grossolanamente )  integrandole bene nell’impasto che comunque risulterà appiccicoso da non poter essere lavorato con le mani.
Preparare uno stampo da crostata rettangolare, di cm 35 di lunghezza per 11 di larghezza, eivestirlo di carta forno e versare l’impasto, livellare bene con il fondo di un cucchiaio o di una spatola.
Infornare a 160°C. per 30 min. Lasciare intiepidire e tagliare in diagonale dello spessore di 1/2 cm. Rimettere in forno a temperatura 150°C per 15 minuti da un lato e 15 da l’altro lato, spegnere il forno e lasciarli raffreddare direttamente in forno.