dessert, Dolci, estate, frutti di bosco, Lamponi, merende, meringhe, mirtilli, more, ribes, sorbetti

I Frutti di settembre rossi e viola

Frutti rossi

Finalmente oggi riaprono le scuole. Finalmente per me e mio marito un respiro di sollievo. Sapere i figli a casa da soli che oziano e si annoiano a me prende l’ansia. Anche per loro é un piacere riprendere la scuola, sono carichi di energia e di buoni propositi ed hanno tanta voglia di ritrovarsi con i compagni, raccontarsi e riprendere i vecchi ritmi. Infondo le vacanze troppo lunghe poi stancano.
Anch’io riprendo i ritmi lasciati qualche mese fà e con l’arrivo di settembre l’aria si é rinfrescata e non mi dispiace affatto ritrovarmi a casa tra le mie cose, le mie abitudini, i miei piccoli piaceri.
Ho ritrovato anche la voglia di mettermi ai fornelli, di fotografare e di correre al mercato in cerca delle primizie. Nonostante io adori l’estate per i suoi colori e per i suoi frutti succosi di sole,  l’avvicinarsi dell’autunno coi i suoi frutti di colore rosso e viola ed i profumi del bosco mi piaciono moltissimo.

Frutti di bosco con meringa

L’attrazione per i frutti di bosco é molto forte e sono adorati dai mie figli. Lasciare l’estate non vuol dire smettere di mangiare un buon sorbetto, delizioso e colorato con queste piccole bacche che solitamente accompagno con delle meringhe croccanti e da questa associazione m’é venuta l’idea di ricoprirli con una candida meringa che fa luccicare gli occhi solo a guardarla per la sua bellezza ed una voglia irrefrenabile di mangiarne tanta a grosse cucchiaiate.

Due ricette golose con le quali voglio dare il benvenuto al mese di settembre.

Frutti rossi

Sorbetto ai frutti di bosco al miele di castagne

350 g di frutti di bosco (lamponi,ribes,mirtilli,more)
130 g di zucchero
2 cucchiai di miele di castagne
il succo di un limone
20 cl di acqua

Lavate rapidamente i frutti sotto l’acqua fredda. Mescolateli con lo zucchero, il miele ed il succo del limone. Metteteli in una pentola e fateli bollire 1 minuto. Mixateli e filtrateli con un colino. Fateli raffreddare. Aggiungete l’acqua e metteteli nella sorbettiera. Utilizzate il programma secondo le indicazioni.
Conservate in freezer.

Visualizza versione stampabile

Frutti rossi con meringa

Frutti di bosco con meringa

Per 8 persone:
600 g di frutti di bosco (more,lamponi,mirtilli,ribes)
75 g di zucchero
150 ml di albumi ( 4 uova)
220 g di zucchero
2 cucchiai rasi di maizena
2 cucchiai di aceto di vino bianco

Preriscaldate il forno a 150°C. – Lavate i frutti di bosco velocemente. Distribuiteli in una pirofila cospargendoli di zucchero. 
Montate a neve ferma gli albumi e progressivamente aggiungete lo zucchero sempre montando con le fruste elettriche o con la planetaria finché diventa fermo e lucido. Aggiungete la maizena ed infine l’aceto. Distribuite la meringa sui frutti e passate in forno per circa 45 mn. Servite il dolce acucchiaite dopo averlo fatto raffreddare.

Visualizza versione stampabile

Standard
cioccolato, dolci alla frutta, mirtilli

Comfort food – Cioccolato, mirtilli e limone

Dolce tenerina
Inutile, per quanto mi riguarda il cioccolato lo mangio anche se fuori fà 40 gradi all’ombra, benché siamo ancora lontanissimi da queste temperature, per lo meno qui da noi. Nulla pero’ puo’ impedirmi di preparare una torta cosi buona, unica e irresistibile.

Sono giorni ,mesi che i miei figli lamentano  con insistenza un doce cioccolatoso, il fatto é che comprare la cioccolata e riuscire a tenerla nascosta é un’impresa quasi impossibile. Tutti riusciamo a scovarla ( a parte io ovviamente che ne conosco i nascondiglio…ma poi mi chiedo a che serve?) visto che la cioccolata si deve mangiare e solo  a vederla e sentirne il suo profumo rassicura e ci fa star bene?

Dolce Tenerina

I miei figli accusano la cioccolata perché sono alla fine dell’anno scolastico ed hanno esaurito le loro energie ed hanno bisogno di concentrazione per gli scrutini finali.
Mio marito la mangia perché é stressato dal lavoro, dai clienti, dai fornitori, dalle tasse, e dalla moglie segretaria che chiede le ferie.
Io la mangio perché mi aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo.(?)

Difficile lasciarne un pezzo per farci i dolci.
Premesso tutto cio’, ieri finalmente giorno di riposo, la decisione é presa. Corro al negozio di buona mattina( adoro fare la spesa all’orario di apertura e scorrazzare con il carrello nei corridoi vuoti del grande centro commerciale) e compro il necessario per farla questa benedetta torta che mi gira da giorni in testa e che vado a copiare spudoratamente da Elga. perché é da lei che l’ho conosciuta e perché mangiarne un bel pezzo mi fa sentire meno la distanza che mi separa per poterla riabbracciare…la mia carissima amica Elga, intendo!!!
Non ho modificato nulla nella versione originale, ho solo seguito il consiglio di Elga aggiungendo parte di farina di riso e, istintivamente la buccia di un limone che negli ultimi tempi mi piace da impazzire con il cioccolato.
Tenera tenera!!!!!!

 

Facilissima….e buon fine settimana a tutti  
Torta tenerina ai mirtilli e limone

Dosi per una teglia di 20 cm.di diametro.
200 g di cioccolato di ottima qualità al 70%
4 uova fresche
4 cucchiai di zucchero ( io ho messo la cassonade)
2 cucchiai di farina 00
2 cucchiai di farina di riso
100 g di burro
extratto di vaniglia (1 cucchiaino)
la buccia grattugiata di un limone (bio)
150 g di mirtilli ( vanno bene anche surgelati)
In una ciotola, mescolate i tuorli con lo zucchero, sbattendo con le fruste finché diventi bello spumoso. Aggiungete le farine e l’estratto della vaniglia e la buccia del limone. ( volendo anche un po’ del suo succo)
Intanto fate fondere a bagnomaria il cioccolato con il burro. mescolate rapidamente per farlo diventare lucido e intiepidirlo. versatelo a filo nell’impasto di uova mescolando continuamente. Montate a neve gli albumi e aggiungenteli all’impasto precedente. Mescolatevi, infine,  parte dei mirtilli. Preparate una teglia di 20 cm di diametro, ricoperta di carta forno e versate l’impasto ed il resto dei mirtilli. Passate in forno a 180°C. per 12 minuti. La torta deve risultare ancora morbida. Lasciate raffreddare e godetevi questa meraviglia!!!!!!
Standard
Brioscine, cacao, dolci lievitati, mirtilli, prima colazione

Treccia ripiena di mirtilli e cacao

Treccia ai mirtilli e cacao
 Version française en bas

Tutti i fine settimana  mi dedico ai lievitati e poi adoro far colazione con le briosce home made tipo questa…..

…..con una ricca farcitura di mirtilli e cacao che la rende adattissima alla stagione.
I frutti di bosco aprono la stagione autunnale, insieme presto anche le mele e le pere che andremo a raccogliere come tutti gli anni proprio a due passi da casa con il grande piacere dei bimbi. Bè, si…, io continuo a chiamarli “bimbi” ma ormai stanno raggiungendomi in altezza ed il piccolino, per cosi dire, anche in idee in cucina, quando mi suggerisce spesso certi accostamenti, tipo questo appunto, di aggiungere il cacao nella composta di mirtilli. Ed io ho eseguito.

La ricetta:
Per la treccia:

  • 260  di farina + 20 g per il piano di lavoro
  • 100 ml di latte + 10 g per dorare la briosce
  • 55 g di burro
  • 25 g di zucchero di canna
  • 1 uovo
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 1/2 bustina di lievito naturale per pane disidratato (comprato in negozio bio)

Per la composta di mirtilli al cacao:

  • 200 g di mirtilli
  • 3 cucchiai di zuchero di canna
  • 1 cucchiaio di maizena
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 1 cucchiaio di cacao amaro

Preparare l’impasto:
In una grande ciotola versare la farina, lo zucchero ed un pizzico di sale, mescolare. In un pentolino riscaldare il latte e sciogliervi il lievito , versare il latte nella ciotola ed aggiungervi l’uovo. Mescolare. Eventualmente aggiungere della farina se l’impasto dovesse risultare appiccicoso. Distribuirvi il burro morbido, tagliato a pezzetti e impastare per 10 minuti, aiutandovi con della farina sul piano di lavoro. Ottenere una palla liscia e metterla a livitare in una ciotola ricoperta da un film alimentare, per almeno 1 ora .
Preparare la composta:
Mettere i mirtilli con lo zucchero , la maizena ed il cacao in un pentolino a cuocere a fuoco bassissimo per 5 min. Spegnere e raffreddare.

Sul piano di lavoro posizionare un foglio di carta forno e metterci la pasta lievitata. Sgonfiarla  e con un matterello stenderla in un rettangolo. Cospargere il pangrattato al centro, spalmare la composta ormai fredda e tagliare delle bande di 2 cm di larghezza lungo i 2 lati del rettangolo.*
Ripiegare le bande una dopo l’altra sulla composta di mirtilli. Lasciatela ancora lievitare per 45 mn circa, coprendola con un film alimentare leggermente spennellato d’olio.
Riscadare il forno a 200°C. Spennelare la superficie della briosce con l’uovo sbattuto e decorare con zuccherini. Infornare per 25 mn circa.

*Piccola nota: per una giusta esecuzione di questa briosce, potrete seguire le immagini sul blog di Comida

Version française
Treccia ai mirtilli e cacao

Tresse aux myrtilles au chocolat

  • 260 g de farine + un peu pour le plan de travail
  • 100 mL de lait + un peu pour dorer la brioche
  • 55 g de beurre (30 g)
  • 25 g de sucre blond
  • 1 œuf
  • ½ cuillère à café de sel
  • 1/2 sachet de levure boulangère sèche bio.

Pour la garniture :

  • 200 g de myrtilles fraîches
  • 2 c à s de chapelure
  • 3 c à c de sucre roux
  • 1 c à s de maizena
  • 1 c à s de cacao amère
  • du sucre en grain

Préparez la pâte:

Dans un saladier mettre la farine. ajouter le sel et le sucre. Mélanger.  Dans une casserole faire chauffer le lait. Y délayer la levure et ajouter ce mélange au saladier. Ajouter l’oeuf.  Mélanger.  Ajouter de la farine si la pâte est trop collante.  Incorporer le beurre puis ajouter de la farine pour pouvoir pétrir la pâte 10 min. environ. Mettre la pâte obtenue dans un saladier propre recouvert de film alimentaire et laisser doubler de volume ( au moins 1 heure).

Préparez la compote:

Verser les myrtilles dans un casserole: Ajouter le sucre et la maizena et le cacao et mélanger. Faire revenir a feu doux 5 minutes environ. Laisser refroidir.

Prendre la pâte, dégazez-la. L’abaisser en un grand rectangle et le placer sur une plaque de four recouverte de papier de cuisson.

Parsemez la chapelure.Etaler la compoté de myrtille. Couper des bandes de 1cm de largeur des 2 côtés du rectangle..
Replier les bandes sur la garniture.Voir les photos du montage ici. Laisser la pâte regonfler recouverte de film alimentaire huilé, pendant 45 minutes environ.
Badigeonner d’oeuf battu, Faire cuire 25 minutes environ dans un four préchauffé à 200 degrés.

Standard