autunno, barbabietole, casa, ceci, cicerchie, foglie d'oro, legumi antichi, minestre, minestrone, olio extravergine d'oliva, salvia, zuppe

Assaporiamo l’autunno…minestrone in sinfonia di colori

Minestra di ceci con barbabietole rosse e gialle e bietole rosse, alla salvia
Quelche giorno fa, durante uno di quei piccolissimi momenti di libertà, dopo aver accompagnato mio figlio a scuola  e attraversando il solito piccolo spazio verde, d’impulso un’idea occupa la mia testa già carica di cose da fare e corro velocemente a casa.
Autunno

Prendo pala , guanti ed una scatola di legno e la mia macchina fotografica e ritorno verso il parco.

Erano solo passati non più di venti minuti che già due operatori ecologigi arrivati con le loro cammionette ed i loro attrezzi  a spazzare via le foglie cadute.

Mannaggia!!!!…. penso, proprio adesso ? e che penseranno di me cosi’ armata?

 Cerco di deviare passando per un’altra stradina ma il parco é talmente piccolo che da qualsiasi angolo mi avrebbero scorta con la mia pala a ramazzare le foglie che loro devono spazzare via. Mi sono sentita un po’ cretina ed impacciata…ma ce l’ho fatta 🙂

Panchina

Ebbene si era questa il mio intento, recuperare le foglie “bellissime” del parco e portarmele nel mio giardino ,rivestire il prato verde  di come coriandoli multicolori,  renderlo luminoso, e vedere la faccia di mio marito al rientro….proprio per questo non ha voluto piantare alberi con foglie cadenti.
Sinfonia di foglie

La verità é che sono conquistata da questa moltitudine di colori, che rallegrano il cielo grigio, l’asfalto, illuminano di una luce incantevole, fiabesca tutto il paesaggio. 

Abitando in campagna la scenografia é fantastica.

Foglie d'oro

Credo che l’autunno sia in assoluto il mese con i più bei colori. Uno spettacolo naturale, una sinfonia di colori ad ogni angolo dove, nonostante il freddo che inizia a farsi sentire, si prova  una sensazione di calore, di serenità.

I profumi del bosco, della terra umida ,  sentire lo scricchiolio delle foglie secche sotto le scarpe passeggiando lungo il vialetto costeggiato dagli alberi  mi dà  una grande voglia di ramazzarle proprio come una bambina.

Ed ecco che a casa, dopo aver sparpagliato le mie foglie sul prato é nata la mia sinfonia di colori a tavola, un caldo ed accogliente minestrone che dedico in particolare   a Nina  partecipando alla sua  sinfonia di colori . 
Per chi non fosse al corrente andate sul suo blog, inventate la vostra sinfonia di verdure.

Minestra di cicerchie profumata alla salvia con legumi antichi e bietola rossa

Minestra di ceci, bietole rosse e legumi antichi alla salvia

200 g di cicerchie  (messi a bagno la sera prima)
2piccole barbabietole crude rosse*
2piccole barbabietole  crude gialle*
1 pastinaca bianca*
1 piccolo cespo di bietola rossa ( va bene anche spinaci o bietola verde)
olio extravergine d’oliva
salvia
sale e pepe
un limone bio

Ho cotto i ceci come abitualmente in abbondante acqua con uno spicchio d’aglio ed una foglia di alloro. 
Ho messo a bollire dell’acqua salata ed vi ho spremuto il succo di mezzo limone. Ho tagliato e sbicciato le barbabietole e la pastinaca bianca, e tagliate a pezzetti, non troppo sottili, appena l’acqua era in ebollizione ho tuffato prima le barbabietole gialle e la pastinaca bianca, lasciate cuocere per 5 minuti, le ho tolte con un mestolo forate e sistemate in una citola al caldo.  Successivamente, nella stassa acqua appena ripreso il bollore ho tuffato  la barbabietola rossa tagliata in quattro e fatta bollire da 4/5 minuti. Poi allo stesso modo le ho prelevate e messe insieme alle altre già nella ciotola. Le verdure devono rimanere croccanti.
Infine nella stessa acqua di cottura ho messo le foglie e le coste della bietola che sono molto tenere e lasciate cuocere per poichi minuti, fiché le coste divengono tenere al tatto. Sgocciolate e riposte nella stessa ciotola delle verdure precedenti.
In una larga padella ho messo dell’olio extravergine d’oliva circa 4/5 cucchiai, ho messo 3/4 foglie di salvia fresca e l’ho fatta rosolare dolcemente, ho versato tutte le verdure precedenti ed i ceci con un po’ di acqua di cottura. Ho lasciato insaporire aggiungendo del sale e de pepe. Ho servito la minestra caldissima.
*Se non trovate queste radici al posto utilizzate delle barbabietole rosse e delle carote.

Standard
insalate, inverno, legumi, legumi antichi, secondi di verdure

Insalata tiepida di radici e tuberi al forno aromatizzati allo zenzero

Radici e tuberi

Mi piace il profumo della terra, mi piace cio’ che la terra puo’ dare e far crescere al suo contatto anche quello più profondo proprio come le radici.

Radici e tuberi conservano pienamente le loro caratteristiche se in cucina vengono trattati nel modo più naturale possibile ed utilizzando pochissimi condimenti sono un contorno  o come io le preferisco ,un piatto unico salutare.

P1120743
I produttori, vicino casa mia,  aprono i cancelli dei loro giardini. Quando ancora la terra é umida le radici sono facili da estrarre dal loro prezioso « noscondiglio » per venirne alla luce. Si scuotono un po’ lasciando cadere qualche granello di terra sabbiosa e si mettono nel cesto.
A casa ne ho portati diversi. Barbabietole rosse e color oro, panais (pastinaca sativa), rutabaga, topinambur, tuberi di cerfoglio, patate dolci americane, carote e con qualche accorgimento personale, una radice di zenzero,un mazzo di coriandolo e un pizzico di peperoncino ho condito il mio pranzo  fatto solo di radici.

Radice di zenzero e coriandolo

Piccola nota :
Prendete  le radici ed i tuberi che più facilmente riuscirete a trovare dal vostro fruttivendolo o meglio direttamente dai produttori che negli ultimi tempi stanno rivalutando questi preziosi prodotti della terra, sfruttati esclusivamente fino ad oggi come pasto per gli animali proprio perche non venduti.

Radici e tuberi aromatizzati allo zenzero e coriandolo -Root and tuber vegetables flavored with ginger and coriander
Varietà di radici e tuberi
2 patate dolci americane
2 carote
una radice di zenzero
un mazzetto di coriandolo
1 dl di olio evo
fior di sale



Lavate bene i tuberi e le radici ,sbucciateli e spennellateli di olio evo. Posizionateli in una teglia forno.Metteteci  anche un pezzetto di zenzero. Accendete il forno a 200°C.  Fatele cuocere per circa 40 min…verificate la cottura per ogni tubero poiché di dimensioni differenti alcuni di essi saranno teneri prima di altri. Appena cotti spolverateli di fior di sale e teneteli al caldo. Prendete la radice dello zenzero e sbucciatela. tagliatela a pezzettini e mettetela in una ciotolina versandovi l’olio evo leggermente riscaldato in un pentolino( attenzione non farlo assolutamente bollire), tritate il più finemente possibile il coriadolo e mettetelo insieme nell’olio. mescolate e lasciate riposare una diecina di minuti.

Tagliate le verdure cotte a pezzetti, raccoglietele in un piatto da portata e conditeli con l’olio aromatizzato allo zenzero e coriandolo. Servite tiepida o anche fradda. E più buona il giorno dopo quando tutti gli odori saranno ben amalgamati fra loro…. anche solo riscaldandola un minuto al micro onde.



Standard