acciughe, estate, farina di riso, finger food, fiori di zucchine, fritti, scamorza

Prima o poi si riparte – Fiori fritti con acciughe e scamorza silana al profumo di finocchietto selvatico seccato al sole

Restare qualche minuto seduta a ripassare le pagine del blog ed accorgermi quanto sono lontani gli ultimi miei post , quasi non mi sembra vero.

Essere riuscita ad allontanarmi cosi’ tanto dal virtuale, forse é la prima volta da quasi 4 anni.

Lontana dai pensieri, lontana da una quotidianità faticosa e da giornate fredde. Lontana da tutte le cose che mi accompagnano per ben 11 lunghi mesi e ritrovare cose familiari in solo due settimane. Mi serve, é esseziale, riprendere respiro, mi  ricaricaro,  mi rigenero.

Ogni giorno pieno di belle cose, di belle facce, di sentimenti, di cose antiche ma sempre e ancora nuove per la mia mente, nei miei luoghi.

Non ho esitato a riempirmi di profumi, voglio portarmeli via, come sempre, ogni volta.

Voglio portarmi via il sapore del finocchietto selvatico, dell’origano, del basilico, dei pomodori, della frutta matura ,dell’orto tutto….

….e poi cucinarmi dei fiori speciali, oggi che sono tornata a casa.

Fiori di zucchine fritti profumati al finocchietto selvatico seccato al sole

60 g di farina di mais finissima
40 g di farina di riso
10 g di lievito per dolci
1 pizzico di sale
25 cl di acqua freddissima

un mazzetto di fiori di zucchine lavate
acciughe sott’olio
50 g di scamorza
1 cucchiaio di panna da cucina o un po’ di latte
1 cucchiaino di fiori di finocchietto selvatico
olio di semi da frittura leggera

Preparate la pastella in una larga ciotola mescolando gli ingredienti tutti insieme e lasciate riposare per mezz’ora.

Mixate la scamorza abbastanza finemente, mescolatevi il cucchiaino dei fiori di finocchietto selvatico seccati al sole. Tagliate delle ( 6 o 7, a secondo della quantità di fiori che andrete a preparare) acciughe a pezzettini.

Aprite delicatamente i fiori e farciteli con la scamorza e dei pezzetti di acciughe. Chiudete l’estremità girando i petali su se stessi ( anche se friggendo si riaprono),

Bagate ogni fiore nella pastella e friggeteli poco per volta nell’olio caldo finché diventino dorati. Cospargeteli di fior di sale e servite.

Visualizza versione stampabile

Standard
caldo, erbe aromatiche, estate, feta, finger food, formaggio, fresco, limone, pain d'épice, pomodori, senape, tartellete

Sapori d’Estate: Zuppa fredda di pomodori, tartellette speziate e crema spalmabile al limone

Pomodori

Caldo finalmente, tanto caldo, da non poter nemmeno restare fuori. Io ci sto bene con questo caldo e finalmente comincio anche a mangiare i pomodori che sanno di sole. Per me rappresentano indubbiamente l’estate. Non compro mai pomodori fuori stagione. 

Domenica mattina, presto, sono andata al mercatino locale, ricco di molte buone verdure fresche. E’ uno spasso andarci, é un godere degli occhi e dei profumi, le prime ore del mattino, in mezzo alla freschezza dei prodotti locali. Porterei a casa tutto e tanto. Non ho troppo spazio. Certe volte mi dico che caso mai dovro’ cambiare casa la prima cosa che comprero’ sarà uno di quei magnifici frigoriferi americani, quelle cellule enormi da doverci mettere più cose possibili. Poi ci rifletto, infondo non ha senso, le verdure come si comprano vanno consumate, al massimo tre giorni altrimenti perdono tutte le loro proprietà organolettiche, nonché le vitamine , i sali minerali e la freschezza.

Zuppa fredda

Ho portato a casa tante carote che contribuiscono a preparare la nostra pelle al sole, ho comprato dei cetrioli, ormai scagionati definitivamente. Quelli che compro generalmente sono di produttori locali che mi danno una maggiore garanzia. Ho comprato tanti pomodori sodi e succosi ed infine del formaggio feta, volevo assolutamente provare quella meravigliosa cremina vista sulla rivista on-line Sweet Paul, ed infine, tanta tanta buona frutta.

Come sempre prima di mettermi ai fornelli non ho l’idee chiare di cosa proporro’ per il pranzo, di certo oggi sarebbero state insalate e comunque piatti freddi…poi alla fine ecco cosa ne é saltato fuori.

Crema spalmabile al limone e origano

Pictures

Una zuppa fredda di pomodori, delle tartellette con pomodorini adagiati su di una crema a base di senape e pain d’espice, ricetta scovata su un piccolo inserto del magazine Saveurs di qualche mese fà che ho personalizzato poiché non ho trovato la senape al pain d’épice e lo fatta io ed ho aggiunto come sempre un tocco personale. Infine ho preparato la cremina spalmabile che ho leggermente modificato per renderla ancora più cremosa. Il resto abbiamo terminato il gelato al pane nero…vi auguro una buona letture delle ricette.

Crema spalmabile di feta al limone,origano e menta
Crema spalmabile di feta al limone.
100 g di feta
50 cl di panna fresca
la buccia grattuggiata di un limone (bio)
il succo del limone
1 spicchio d’aglio
origano e menta e pepe nero macinato.
6/7 cucchiai d’olio extra vergine d’oliva
Mixare insieme tutti gli ingredienti , aggiungere a filo l’olio. versare la cremina in una ciotola e mescolarvi l’origano e la menta tritati finemente ed infine una spolverata di pepe nero. Servire su crostoni di pane oppure delle Treccine al finocchietto “Gusto e tradizione di Calabria” Panificio Biscottificio Colacchio ( pubblicità assolutamente gratuita, perché mi piacciono e perché fanno parte delle mie tradizioni più radicate)
Zuppa  fredda di pomodori
Zuppa fredda di pomodori
Per 4 persone
800 g di pomodori  maturi san marzano
1 cipolla piccola
1 carota
1 patata (100 g circa)
1 spiccho d’aglio
1 bouquet garni ( prezzemolo, basilico,timo)
1/2 litro di acqua 
salsa tabasco
olio evo
Preparate il brodo vegetale: in una petola versate l’acqua, aggiungete la carota tagliata a pezzetti, la patata anch’essa tagliata a pezzetti ed il bouquet garni.
Sbollentate per un minuti i pomodori in acqua bollete e pelateli. Tagliateli a pezzetti togliendo i semini interni. Mettete una pentola alta sul fuoco e versate 4/5 cucchiai d’olio, fate soffrigere la cipolla tagliata a dadini, e l’aglio. Aggiungete i pomodori, salate e pepate e fate insaporire per 15 minuti. Togliete il bouquet garni dal brodo vegetale e versatene la metà nei pomodori insieme alle carote e patate a pezzetti. Cuocete per altri 15 minuti a fiamma media. Aggiunstate di sale e pepe e qualche goccia di salsa tabasco, infine mixate il tutto. Aggiungete ancora brodo vegetale a seconda di come preferite la zuppa più o meno densa. Fate intiepidire e poi successivamente raffreddare in frigo per servirla fredda. Ovviamente é buona anche calda.

Tartelletta pomodori speziati
Tartellette con pomodorini ciliegie  e senape al pain d’épice
per 4 persone:
1 rotolo di pasta sfoglia
una vaschetta di pomodori ciliegia
6 cucchiai di senape
1 fetta di pain d’épice
timo fresco
uvetta sultanina
sale e pepe
olio evo
Accendete il forno a 220°C.-  Ricavate 4 ruote dalla pasta sfoglia a misura delle vostre formine per tartellette. ( io ne ho ricavate 6 perché ho usato delle formine piccole).  Disponete la pasta nelle formine preventivamente imburrate o rivestite di carta forno. Punzecchiatele sul fondo e mettetele in frigo. Praparate la senape mixando la fetta del pain d’épice e mescolando le briciole alla senape. ( io ho ottenuto circa due cucchiai colmi di briciole). Didtribuite questa crema sulle tartellette. Infornate le tartellette per 10 mn. Durante questo tempo, in una padella versate un filo d’olio, il timo fresco e riscaldate, a fiamma bassa versatevi i pomodorini lavati ed asciugati per bene e un cucchiaio d’uvetta sultanina. Mescolateli per bene nell’olio aromatizzato per un minuto,utilizzate un cucchiaio di legno per mescolare, salate e pepate. Riprendete le tartellette dal forno e sisponetevi i pomodorini, e qualche chicco d’uvetta. Abbassate il termostato del forno a 160 e infornate per altri 10 min. Lasciatele raffreddare e servite con un’insalata.
Standard
cioccolato, finger food

Cioccolatini della festa-Mendiants

Per Natale
Version française en bas

Piccoli bijoux per voi, per me….ormai ci siamo, gli ultimi ritocchi ed entriamo finalmente nell’aria della festa più bella dell’anno.

Facili e di effetto, anche senza la foglia d’oro fanno una gran bella figura e uno tira l’altro. Li ho fatti divertendomi, a dire la verità maneggiare il cioccolato mi diverte e mi appaga sempre. Poi uno l’ho mangiato ed il resto li ho conservati in congelatore per essere pronti da offrire per le feste. Non é necassario toglierli in anticipo, basta tirarli fuori tali e quali, ed ancora più buoni freddissimi a fine pasto. Da gustare acciambellati sul divano vicino al caminetto chiacchierando sottovoce, aspettando Babbo Natale che arrivi. Non é una ricetta é solo un’idea golosa  e semplice da condividere . Anche una semplice colata di cioccolato e panna  puo’ diventare elegante e festiva.
Per quelli che passano da qui oggi e forse anche domani , per tutti voi che mi seguite con grande affetto, per tutti voi che mi gratificate con le vostre mail,lettrici e lettori silenziosi , il mio augurio di un sereno Natale…

Le dosi per circa 20 cioccolatini

  • 250 g di cioccolato fondente
  • 25 cl di panna fresca
  • 70 g di burro
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • frutta secca e disidratata a piacere( fragoline,arancia,nocciole,mandorle, noci …..)

Tritare il cioccolato e farlo sciogliere  a bagnomaria, nel frattempo, in  un’alto pentolino mettere a bollire  la panna, versalta in tre volte nel cioccolato fuso mescolando bene con una spatola ogni volta, per renderlo il composto omogeneo.. Aggiungere il mezzo cucchiaino di cannella. Lasciarlo intiepidire per circa 10 minuti. Poi versare il burro morbido a pezzetti, incorporandolo delicatamente, ottenendo cosi’ una ganache liscia e brillante. Prendete dei bicchierini o delle formine di carta e versateci il cioccolato. Sulla superficie decorate con la vostra frutta preferita.

Version française
Per Natale
Mendiants
Pour environ 20 mendiants
  • 250 g de chocolat noir
  • 25 cl de crème liquide
  • 70 g de beurre
  • 1/2 c à c de cannelle en poudre
  • Pour décorer: fruits secs, des dés de fraises, des zestes d’oranges confits, des noisettes, des noix….
Hachez grossièrement le chocolat et faites-le fondre dans une casserole au bain marie.
Pendant ce temps, dans une autre casserole, portez la crème liquide à ébullition. Versez la crème en trois fois sur le chocolat fondu.À l’aide d’une spatule, mélangez délicatement afin d’obtenir un mélange homogène. Ajoutez la cannelle.
Laissez refroidir la préparation pendant 10 minutes, puis ajoutez le beurre découpé en morceaux. Mélangez jusqu’à ce que votre ganache soit lisse et brillante. Répartissez-la dans des papiers à muffins. Décorez joliment avec les fruits des votre choix. Laissez refroidir au réfrigérateur 15 minutes avant de les réserver au congélateur pour les servir au moment que vous souhaitez.

Pour ceux qui passent par ici aujourd’hui et demain peut-être, pour vous tous qui me suivez avec beaucoup d’attention , mes meilleurs vœux pour un joyeux Noël…

Standard