Torta al cioccolato amaro (ma tanto buona) con fichi

Torta cioccolato e fichi

Appena arriva l’autunno gli scaffali del supermercato mettono in evidenza una fila di tavolette di cioccolato di tutte le specie dall’extra fondente al cioccolato a latte e quello  bianco e  aromatizzate ai lamponi, alle fragole, allo zenzero al caffé all’arancia…e via dicendo. Chi mi segue da tempo sa che sono cioccolato dipendente ma non di uno qualsiasi di quello puro, di quello amaro e sottile che lascio sciogliere tra la lingua ed il palato, lentamente, un quadretto al giorno ( al massimo due) fino ad assaporarne l’ultima particella e anche se nero al 99%,  con basso contenuto di zucchero, il suo gusto di cacao “affumicato” con tonalità di tabacco é in grado di generare ” piacere e sazietà sensoriale con stimolo diretto dei cinque sensi” cosi’ da essere appagata anche la fame. Certe sere mi nutro solo di questo!

IMG_1749

Per poter assaporare con gusto e pieno piacere questo tipo di cioccolato, bisogna abituarcisi, bisogna amare, per esempio, il caffé senza zucchero, bisogna procedere per tappe, cominciando a gustare quello nero al 77%, poi quello all’80%, al 90% ed infine , gradatamente quello al 99% e poi non tornerete più indietro.

Ovviamente ne genera anche dipendenza e non ho timore ad ammetterlo. Per cui, non manca mai nel mio scaffale una tavoletta di quello di cui sopra ma anche di quello da fondere (77%) e mescolare insieme a pochi ingredienti, nel caso mi venisse voglia di farne un dessert goloso. 
Per l’appunto, quando Silvia, moglie da una vita, che la sa molto lunga su come piacere per far piacere, confessa la sua torta al cioccolato superfondete, omettendo “per caso” lo zucchero, mi si é sprigionata l’irresistibile frenesia di assaggiarne una fetta. L’unico  dubbio era se dopo averla testata mi sarebbe toccato mangiarmela da sola visto che nella mia famiglia il cioccolato amaro non é molto gradito, specie dai miei figli, allora l’ho arricchita con le ultime fichi violette che cotte al forno il loro zucchero mieloso si trasforma in caramello senza  di certo alterare la bontà del cioccolato , anzi ne avrebbero esaltato il gusto, attenuando il sapore, forse per qualcuno troppo amaro, del cacao.

Torta cioccolato e fichi
La ricetta:

Ingredienti:
200 g di cioccolato fondente 77%
200 g di burro
4 uova
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
2 cucchiai di frumina
4 fichi violette
Zucchero a velo

ps: se volete rendere dolce questa torta aggiungete da 150/200 g di zucchero semolato.

Fate fondere il cioccolato a bagno maria con il burro. ( oppure nel micro onde)
Lasciate intiepidire.
Con le fruste elettriche aggiungete le uova ( intere) uno per volta (Silvia nella sua ricetta aveva separato le uova montando gli albumi a parte e mescolati in fase successiva all’impasto, io ho omesso questo passaggio per praticità). Aromatizzate con la vaniglia ed infine aggiungete i due cucchiai di frumina setacciati.
Imburrate ed infarinate una pirofila dal diametro di 20 cm oppure 6 fondi per tartellette. Versate l’impasto e sovrapponetevi le fichi tagliate a fettine. infornate a 160°C per 30 mn ( sufficienti per rendere questa torta con l’interno parzialmente fondente), oppure lasciatela cuocere ancora 5 minuti se la preferite ben cotta. Tolta dal forno, lasciatela intiepidire, e servitela cospargendo di zucchero a velo per i golosi del dolce!

Nel caso siete interessati ad aggiungere lo zucchero allora il procedimento cambia nel seguente modo: fate fondere il cioccolato con il burro, sbattete le 4 uova co lo zucchero rendendole schiumose e chiare, aggiungete il cioccolato fuso intiemidito e poi di seguito glia ltri ingredienti. passate in forno come sopra.

Suggestioni: provate con le pere al posto delle fichi 🙂
Annunci

Sablé, caprini, fichi freschi con salsa tiepida all’arancia e cannella

Fichi violette

a settembre é piacevolmente fresca ed i colori del giorno cominciano a prendere una nuova luce, più tenue, morbida.
Il sole diventa tiepido e leggero quando riesce ad oltrepassare le nuvole e i suoi raggi riflettono colori ambrati. Mi piace molto questo tepore sul viso.
Quando rientro a casa dal lavoro ho ancora tanta luce, ancora per pochi giorni, poi lentamente sarà più cupo. Intanto approfitto degli ultimi giorni d’estate per continuare a mangiare prodotti maturati col sole ed invento semplici dessert con la frutta settembrina per degustarla al naturale, lasciando intatta la sua texture, accentuandone il gusto con associazioni tra il dolce ed il salato proprio come piace molto, molto a me.

Fichi e caprini

I fichi violetti sono meno dolci di quelle verdi, meno mielose e si possono  abbinare  anche nei primi piatti, come questo o anche presentarli come antipasto, come questo o anche questo.

I Fichi sono anche utilizzati in molte ricette  a base di carni rosse o bianche ed infine niente affatto trascurabile, anzi molto frequente l’associazione con i formaggi caprini, (in tal caso vi consiglio di  dare uno sguardo a questa torta meravigliosa da Elga) sia sottoforma di confettura o chutney da accompagnare non solo a formaggi cremosi anche  stagionati.  

In questo caso ho pensato di presentare i fichi a fine pasto preparando una sorta di dessert  con un’ottimo formaggio caprino francese : il cabecou du Périgord, un formaggio fondente, dal sapore leggero di nocciole che generalmente viene servito passandolo sotto il gril del forno che ne esala ancora di più il suo gusto o su fette di pane caldo in modo da fondersi al suo contatto.  E’ uno dei tanti formaggi francesi che preferisco avere sempre sulla mia tavola, nonostante la mia fedeltà ai buoni caprini italiani per i quali purtroppo non ho una grande scelta nel negozio sotto casa.

Fichi freschi su sablé,caprino e salsa di arancia



Sablé con caprino, fichi fresche e salsa tiepida di arance
Per 6 persone
per la pasta sablé:
120 g di burro morbido
80 g di zucchero
1 uovo e un tuorlo
250 g di farina 00
1 bustina di lievito per dolci

6 piccoli caprini
6 piccole fichi violette
un vasetto di marmellata di arance
poca acqua calda
Cannella in polvere

Preparate la pasta sablé: mixare il burro morbido con lo zucchero nella planetaria ottenendo una crema liscia. Aggiungete l’uovo ed il tuorlo, poi la farina ed il lievito. Mixate a piccoli colpi per far assorbire la farina finché l’impasto si stacca facilmente dalle pareti della planetaria. Prelevate l’impasto ( é morbido ma non appiccicoso, nel caso infarinatevi le mani) formate una palla e conservatela in frigo avvolta in cellophan, per 30min.
Accendete il forno a 180°C. prendete l’impasto dal frigo e stendetelo con il matterello su un piano di lavoro infarinato per circa 1 cm di spessore. tagliate dei dischi con l’aiuto di un bicchiere o di un cerchi da pasticceria, disponete i dischi su foglio di carta forno e fateli cuocere in forno per 10/12 min.

Intanto preparate la salsina: fate sciogliere la marmellata di arance in una pentolina con un fondo di acqua calda fino a renderla fluida.

Tagliate le fichi a fettine, riservatele.

Lasciate intiepidire i biscotti e disponeteli nei piattini di presentazione, sovrapponete i caprini, le fichi a fettine e cucchiaiate (abbondante) di salsa all’arancia tiepida, spolverate di cannella e servite.

Visualizza versione stampabile

Tortine alle mandorle con frutti d’autunno

Tortine di mandorle con frutta
Version française en bas

Una corsa ieri pomeriggio, il lavoro teminato, la strada interrotta, i lavori in corso , i semafori, la pioggia, solito ombrello rotto…..

…la lista della spesa dimenticata, il carrello che zoppica, l’uscita della scuola, il telefonino che squilla,  la connessione che finalmente ritorna, uno sprazzo di luce, un caffé …. e dieci scatti per queste  tortine che con il loro profumo annunciano l’inizio del primo  fine settimana d’ottobre.

Tortine di mandorle con frutta

La ricetta:

  • 80 g di farina
  • 150 g di zucchero a velo ( la ricetta ne prevede 200 g)
  • 125 g di burro
  • 125 g di mandorle in polvere
  • 4 bianchi d’uova
  • 1 pizzico di sale
  • 2 pugre
  • 2 fichi
Accendete il forno a 180°C. -Lavate le due prugne e le fichi e asciugatele, tagliatele a fettine e riservate.
In una ciotola mescolate la farina, le mandorle in polvere e lo zucchero. Fate sciogliere il burrro in un pentolino finché diventa di un bel colore nocciola, togliete dal gas e versatelo nella ciotola, mescolando bene il tutto con un cucchiaio di legno.
Montate i bianchi d’uovo a neve ferma con un pizzico di sale, mescolateli poi con delicatezza al composto precedente. Versate l’impasto in piccole formine di carta (leggermente più grandi di quelle dei muffins) Sovrapponete le fettine di prugne e fichi e fate cuocere il forno 10/15 min.
Version française
Tortine di mandorle con frutta

Mini gâteaux aux amandes et aux fruits d’automne

  • 80 g de farine
  • 125 g de beurre
  • 150 g de sucre glace ( dans la recette c’était 200 g)
  • 125 g d’amandes en poudre
  • 4 blancs d’oeufs
  • 1 pincée de sel
  • 2 figues
  • 2 prunes
Préchauffez le four à 180°C.
Lavez les fruits et  essuyez-les, coupez-les en tranches, puis réservez.
Dans un bol mélangez la farine, les amandes en poudre et le sucre glace. Faites fondre le beurre jusq’à ce qu’il prenne une jolie couleur noisette, retirez et versez dans le bol. Mélangez bien le tout.
Battez les blancs d’oeufs en neige avec un pincée de sel. Incorporez -les à la préparation.
Versez la pâte dans des moule en papier ou un silicone. Enfoncez des tranches de fruits. Mettez au four pendant 10/15 min.