coriandolo, feta, mandorle, pesto, primi piatti

Lasagne al pesto di mandorle, feta e coriandolo e salsa al cognac

Lasagne al pesto con salsa bianca al cognac - Lasagna with pesto and white sauce with cognac

Le avevo fatte durante le feste di Natale queste particolarissime lasagne bianche…..

ma poi ho finito per congelarle. Avevamo mangiato troppo e durante i giorni di intermezzo  era meglio restare leggeri per cui queste lasagne che erano un’idea, una voglia da  tanto tempo nella mia testolina, ho deciso di riservarle per un momento più calmo.

Dunque: le sfoglie all’uovo e semola di grano duro  le prepara mio marito (l’ho scritto tantissime volte da qualche altra parte nel blog, mio marito non cucina ma é molto bravo a fare la pasta fresca 😉 mi risparmia un sacco di fatica).
La besciamella ,che tutti conosciamo ormai alla perfezione, é un tantino insolita, con un tocco di personalissima interpretazione olfattiva che mi é balenata mentre la preparavo. Volevo un gusto delicato ma “insolito” appunto, leggermente alcolico che potesse esaltare ancora di più il mix di ingredienti che compongono questo pesto aromatico, mi sembrava ottima l’idea aggiungerci un po’ di cognac.  E poi il  pesto particolarissimo e intrigante che ho letto da Rosa’s Yummy Yums, copiato e messo da parte già due anni orsono. E’ un pesto bianco che annuncia il sentore della primavera anche se il suo gusto leggermente pungente dai toni orientali é adattissimo a questo periodo di freddo umido, é una crema che riscalda.Gli ingredienti  sono tutti ben dosati tra di loro, ben azzeccati che non c’é ne uno che primeggia soffocando l’altro….  béh  si un po’ primeggia il coriadolo fresco che amo moltissimo e senza proprio non posso, lo metto dapertutto come in genere di fa con il prezzemolo.
Lasagne al pesto con salsa bianca al cognac - Lasagna with pesto and white sauce with cognac
Ingredienti per il pesto
( due vasetti circa – che potrete preparare anche qualche giorno prima e congelarlo)
4 spicchi d’aglio
100 g di mandorle intere tostate
20 g di corialdolo fresco
100 g di formaggio feta
1 cucchiaio di succo di un limone
1 cucchiaino di pasta di peperoncino piccante
1/2 cucchiaino di paprika dolce
1/2 cucchiaino di cumino in polvere
6 cucchiai di olio d’oliva evo
pepe nero (a volontà)

Per la besciamella al cognac
50 gr. farina
50 gr. burro
1/2 litro di latte
10 cl di panna fresca
2 cucchiai di cognac
noce moscata
sale

10 sfoglie di pasta fresca all’uovo
parmigiano grattugiato

Preparate il pesto:  In un blander,  tritate l’aglio aggiungendo le mandorle ed il coriandolo (ben lavato, foglie e steli)  fino a renderli cremosi, aggiungete la feta il succo del limone , la crema di peperoncino,il cumino ,la paprika e l’olio,mixando bene tutto rendendo la crema omogenea. Aggiungete olio se necessario e sale ( anche se il formaggio feta é già abbastanza salato e non dovrebbe servire). Conservate in vasetti sterili e coprite d’olio se occorre. Chiudete ermeticamente riponendoli in frigo. In questo modo potrete conservare il pesto per non più di una settimana. E’ possibile congelarlo.
Se preferite potrete preparare questo peso con un mortaio.

Preparate la besciamella:
In un tegame a fondo spesso fate sciogliere a fuoco basso il burro.
Versare tutta insieme la farina e con un cucchiaio di legno girare in continuazione fino a quando non si sarà formata una pasta simile per consistenza alla polenta. Aggiungete il cognac, mescolate.
Poco alla volta, aggiungete  il latte precedentemente riscaldato sempre mescolando.
Sempre mescolando portare ad ebollizione la besciamella, riducendola alla densità desiderata. Aggiungete la panna fresca e continuate a mescolare abbassando la fiamma.
Completare con noce moscata a piacere.
Cuocere le sfoglie della pasta in abbondante acqua salata disponendole dopo averle raffreddate in acqua fredda, su di un canovaccio pulito.
In una pirofila imburrata, cominciate a versare un mestolo di besciamella, disponete il primo strato di sfoglie e spalmateci il pesto precedente. ( se vi sembra un po’ troppo denso, potrete diluirlo con un po’ di acqua calda della cottura della pasta). Coprite con l’altro strato di sfoglie e versate un mestolo di besciamella, spolverate parmigiano. Coninuate cosi’ fino alla fine delle sfoglie, strato dopo strato intercalando besciamella e pesto. Terminate con un mestolo di besciamella. Passate in forno caldo a 200° per 20 min.
Standard
crostate e quiche, crostate e torte salate, crostate salate, feta, formaggio, primi piatti, spinaci, verdure

Foglie di fillo croccanti alla feta e spinaci

P1080096

Version française en bas

Compro senza pormi troppe domande sia la pasta fillo che i fogli di pasta brick , non voglio farmela mancare nel frigo per ogni evenienza. Conoscete quegli scatti impulsivi di confezionare dei fagottini croccanti e dorati e ripieni di tante cose buone dolci in particolare al profumo d’oriente  ma anche salati che ricordano la cucina greca? Qualche volta mi succede!! 
Non mi son mai domandata, dicevo, la differenza tra queste due paste, se non unicamente quando comprandoli insieme li ho aperti per constatarla, al tatto, all’odorato e alla cottura.

I fogli di pasta brick sono rotondi, quelli di pasta fillo sono rettangolari.
La pasta brick é ruvida e rigida, la pasta fillo é vellutata, morbida, malleabile.
La pasta brick é più spessa ,resistente, la pasta fillo é fragile, dunque più sottile.
La pasta brick é di origine marocchina, la fillo di origine greca ,turca.
La pasta brick é a base di semola di grano bollita , acqua e sale.
La pasta fillo é a base di farina bianca acqua e sale.
La pasta brick cruda al gusto, é leggermente salata e rivida.
La pasta fillo ha il gusto ricorda la pasta brisé.
Le due paste alla cottura sono croccanti.
La pasta brick si adatta bene alla cottura sia in forno  che alla padella.
La pasta fillo si adatta meglio alla cottura in forno.
Le due paste devono essere spannellate abbondandemente di burro fuso (preferibilmente ghee)  o anche olio ,prima di essere cotte.
Sia la pasta brick che la pasta fillo possono essere utilizzate per preparazioni dolci e salate.
Si conservano benissimo in congelatore.
Ecco dopo chiarito quanto sopra possiamo procedere con le nostre ricette e al meglio scegliere la nostra pasta più appropriata. E’ sempre bene averle tutte e due, quegli “scatti” arrivano spesso!
Pasta fillo con feta e spinaci
La ricetta:
Per 6 persone:
  • 20 foglie di pasta fillo
  • 600 g di feta
  • 400 g di spinaci teneri crudi
  • uno spicchio d’aglio
  • olio evo
  • 80 g di burro fuso
  • pepe e noce moscata
 
Accendete il forno a 180°C. 
In una padella versate un filo d’olio, aggiungete uno spicchio d’aglio intero e fate saltare gli spinaci (ben lavati) per qualche minuto, finché diventino morbidi, aggiungete del pepe e della noce moscata, un po’ di sale e spegnete il fuoco. Con una forchetta schiacciate la feta e mescolatela nella padella insieme agli spinaci.
Con le forbici tagliate i fogli di pasta fillo della stessa lunghezza della teglia . Spennelare ogni foglio di burro fuso. Disporre 10 foglio, uno sopra l’altro nella teglia da passare in forno. Ricoprire con la farcia di feta e spinaci e poi sovrapporre gli altri 10 fogli sempre prima spennellati bene di burro fuso. Inornare e lasciare cuocere per 20 mn. I fogli risulteranno ben dorati e friabili. 
 
Version française
Fillo con feta e spinaci

Feuilles de pâte filo à la feta et aux épinards

Pour 6 personnes:

  • 20 feuilles de pâte filo
  • 600 g de feta
  • 400 g d’épinards en branches
  • 80 g de beurre
  • huile d’olive
  • 1 gousse d’ail
  • sel,poivre noix muscade
Préchauffez le four à 180 ° C.

Dans une casserole versez un peu d’huile, ajouter la gousse d’ail  et faire revenir les épinards (bien lavés) pendant quelques minutes jusqu’à ce que deviennent tendres, ajouter le poivre et la muscade, un peut de sel et le retirer du feu. Avec une fourchette, écrasez la feta et mélangez-la dans la casserole avec les épinards.

Avec des ciseaux, découpez les feuilles de filo à la longeur du plat de cuisson. Badigeonnez chaque feuilles de beurre fondu. Superposez-en 10 dans un plat à gratin. Recouvrez de feta aux épinards, puis des 10 autres feuilles également badigeonnées de beurre.
Enfournez et laissez cuire 20 min. env. Les feuilles doivent être dorées et bien croustillantes.

 

 

Standard