Melograno, mela verde e yogurt una Raïta autunnale

Pomegranate

Sono  belli come pietre preziose, sono ben protetti nel loro guscio corteccia, difficili da sgranare. Succosi ,dolci e leggermente aciduli di un rosso vivo brillante, ci  attraggono.
Sono ricchi di proprietà benefiche per la nostra salute ed é bene mangiarne, bere il suo  succo.

Continua a leggere “Melograno, mela verde e yogurt una Raïta autunnale”

Annunci

La mia Pasqua e pasquetta, giallo, rosa e verde

Zuppa di mais al cocco speziata - Corn soup

Forse saro’ invitata, forse saro’ per i campi. Di certo a Pasqua non mangero’ agnello, pasta al forno e pastiera.

Non che non mi piacciono anzi, tranne l’agnello ben venga tutto e di più. Ma questa Pasqua ho voglia di cambiare e spaziare nella cucina di altri mondi.

La conoscenza di certe spezie, grazie alla mia  curiosità verso nuovi orizzonti culinari, grazie anche a navigazioni notturne nel web e ad acquisti frequenti in negozi specializzati , (épicerises fines) mi hanno dato la possibilità, sempre più crescente, di apprezzare  la cucina di altri paesi.
Polpettine di rape rosse
Pasqua e Pasquetta forse fuori casa, ma questo fine settimana mi sono  divertita a preparare piatti freschi,  con nuovi sapori a volte delicati a volte pungenti, oltrepassare i limiti delle nostre abitudini quotidiane anche olfattiva e visiva. Tre proposte insolite,  molto lontane del tradizionale pranzo pasquale. Bien sûr, senza nulla togliere alla bontà dei piatti su citati!

Comunque sia la vostra Pasqua tradizionale o no, originale o classica, vi auguro che sia serena, tanto allegra e calorosa insieme ai vostri cari.   ❤

Zuppa di mais al cocco speziata
La zuppa di mais puo’ essere servita fredda ( anzi molto meglio fredda) ma anche tiepida e come piatto di benvenuto, in piccole ciotoline, prima di cominciare il grande pranzo. non guasta il suo gusto leggermente piccante che ricorda la cucina indiana, non appesantisce e senza troppo speziare é molto gradita anche dai più piccoli.

polpettine di raperosse
P1150142

Le polpettine di ceci e rapa rossa sono deliziosissime da presentare in tavola, incuriosiscono i grandi ed i piccoli, pertanto sono semplicissimi da fare e serviti con un insalatina fresca insieme ad un buon formaggio cremoso sono insoliti per terminare un pranzo leggero sull’erba.

dolce al matha
Dolce al tè verde matha

Il dolce estremamente orientale tratto dal magazine Saveurs del mese di marzo/aprile 2010 . Delicatissimo e leggerissimo, cosi’ come sanno fare gli asiatici nella loro cucina molto chic e sofisticata. Io l’ho amato immediatamente, facile da preparare e fa festa primaverile e dunque anche pasquale. Se siete invitati da parenti o amici é sorprendente poterlo portare come regalo, tagliato a cubotti e sistemato in scatoline dà l’effetto di pasticcini acquistati in un’importante pasticceria asiatica.  Un dolce diverso e insolito anche per cambiare un po’ dalla nostra e tanto buona colomba pasquale che non manca mai dalle nostre tavole pasquali.
Nella ricetta originale non ho cambiato nulla solo la glassa che prevedeva del colorante alimentare rosso. Io l’ho sostituito con dello sciroppo di amarene anche perché la mia idea é di servire questi cubotti delicati appunto con qualche chicco di amarena sciroppata.

Ed ora le ricette

Zuppa di mais al cocco speziata - Corn soup

Zuppa di mais al cocco e zenzero croccante   ❤

Per 4 persone
250 g di mais cotto
200 ml di latte di cocco
1 cucchiaio raso di curry
coriandolo fresco
sale
zenzero fresco ( una radice da 2 cm)
olio per friggere
Mettete in un pentolino il latte di cocco e fatelo riscaldare. Aggiungete 3/4 del mais e portate ad ebollizione. Aggiungete il curry diluito in poca acqua tiepida, mescolate. Lasciate scaldare per un minuto. Mixate il tutto con il minipimer ed immersione. Rimettete sul gas e aggiungete il resto del mais, un cucchiaino raso di sale. Mescolate, lasciate sobbollire ancora un minuto. Infine aggiungete un cucchiaio di coriandolo tritato e versate la zuppa in ciotoline.
Preparate lo zenzero. Sbucciatelo e su di un tagliere tagliatelo a listarelle. Preparate una padellina con dell’olio d’arachidi.  Fate scaldare l’olio e friggete i bastoncini di zenzero poco per volta fino a renderli dorati e croccanti. Lasciateli cadere su della carta assorbente.
Servite la zuppa tiepida o fredda con lo zenzero croccante.

P1150146

Polpette di ceci e barbabietola  molto speziati   ❤

per 6 polpettine

100 g di ceci già cotti
100 g di barbabietola cotta al forno
1 cucchiaio di farina di ceci
1 cucchiaino di Shichimi togarashi ( mix di 7 spezie utilizzata nella cucina asiatica)
1 cucchiaio di basilico tritato
sale e pepe

Mettete tutti gli ingredienti nel mixer e mixateli fino a ridurli in una purea non troppo fine. Mettete l’impasto in una ciotolina filmatela e fatela riposare mezzora in frigo.
Riprendete l’impasto e preparate delle polline che appiattirete con il palmo della mano.
Friggetele in una padellina antiaderente con un fondo di olio d’oliva, due minuti per parte a fuoco medio alto.Mettetele ad perdere l’olio in eccesso su carta assorbente.
Servitele sia calde che fredde.

Dolce al tè verde matcha

Dolce al té matcha e glassa all’amarena   ❤
per una tortiera quadrata di 20 cm di diametro

125 g di zucchero semolato
65 g di fecola di patate
2 cucchiaini di tè verde matcha
4 uova fresche
1 pizzico di sale
80 g di burro fuso e freddo
per la glassa
100 g di zucchero a velo
1 cucchiaio raso di succo di limone
2 cucchiaini di sciroppo di amarene
Separate i tuorli dagli albumi. In una ciotola montate i tuorli con lo zucchero rendendo l’impasto cremoso e quasi bianco. Aggiungete poco per volta la fecola mescolata e setacciata con i cucchiaini di tè. Aggiungete il burro fuso e freddo.
Montate gli albumi con il pizzico di sale. Incorporateli in tre volte all’impasto precedente aiutandovi con una spatola. Versate l’impasto nella tortiera quadrata. Livellate. Cuocete in forno a 150° C. preriscaldato e per 35 min. Lasciate raffreddare.
Preparate la glassa mescolando lo zucchero con il succo del limone e lo sciroppo di amarene ( se preferite più rosa aggiungete delle gocce di colorante rosso). Appena freddo il dolce spalmatelo con la glassa e decorate con zuccherini e sesamo bianco.
tagliate a cubotti o come preferite.
Al momento di servire aggiungete un cucchiaio di sciroppo e delle amarene.

Lasagne al pesto di mandorle, feta e coriandolo e salsa al cognac

Lasagne al pesto con salsa bianca al cognac - Lasagna with pesto and white sauce with cognac

Le avevo fatte durante le feste di Natale queste particolarissime lasagne bianche…..

ma poi ho finito per congelarle. Avevamo mangiato troppo e durante i giorni di intermezzo  era meglio restare leggeri per cui queste lasagne che erano un’idea, una voglia da  tanto tempo nella mia testolina, ho deciso di riservarle per un momento più calmo.

Dunque: le sfoglie all’uovo e semola di grano duro  le prepara mio marito (l’ho scritto tantissime volte da qualche altra parte nel blog, mio marito non cucina ma é molto bravo a fare la pasta fresca 😉 mi risparmia un sacco di fatica).
La besciamella ,che tutti conosciamo ormai alla perfezione, é un tantino insolita, con un tocco di personalissima interpretazione olfattiva che mi é balenata mentre la preparavo. Volevo un gusto delicato ma “insolito” appunto, leggermente alcolico che potesse esaltare ancora di più il mix di ingredienti che compongono questo pesto aromatico, mi sembrava ottima l’idea aggiungerci un po’ di cognac.  E poi il  pesto particolarissimo e intrigante che ho letto da Rosa’s Yummy Yums, copiato e messo da parte già due anni orsono. E’ un pesto bianco che annuncia il sentore della primavera anche se il suo gusto leggermente pungente dai toni orientali é adattissimo a questo periodo di freddo umido, é una crema che riscalda.Gli ingredienti  sono tutti ben dosati tra di loro, ben azzeccati che non c’é ne uno che primeggia soffocando l’altro….  béh  si un po’ primeggia il coriadolo fresco che amo moltissimo e senza proprio non posso, lo metto dapertutto come in genere di fa con il prezzemolo.
Lasagne al pesto con salsa bianca al cognac - Lasagna with pesto and white sauce with cognac
Ingredienti per il pesto
( due vasetti circa – che potrete preparare anche qualche giorno prima e congelarlo)
4 spicchi d’aglio
100 g di mandorle intere tostate
20 g di corialdolo fresco
100 g di formaggio feta
1 cucchiaio di succo di un limone
1 cucchiaino di pasta di peperoncino piccante
1/2 cucchiaino di paprika dolce
1/2 cucchiaino di cumino in polvere
6 cucchiai di olio d’oliva evo
pepe nero (a volontà)

Per la besciamella al cognac
50 gr. farina
50 gr. burro
1/2 litro di latte
10 cl di panna fresca
2 cucchiai di cognac
noce moscata
sale

10 sfoglie di pasta fresca all’uovo
parmigiano grattugiato

Preparate il pesto:  In un blander,  tritate l’aglio aggiungendo le mandorle ed il coriandolo (ben lavato, foglie e steli)  fino a renderli cremosi, aggiungete la feta il succo del limone , la crema di peperoncino,il cumino ,la paprika e l’olio,mixando bene tutto rendendo la crema omogenea. Aggiungete olio se necessario e sale ( anche se il formaggio feta é già abbastanza salato e non dovrebbe servire). Conservate in vasetti sterili e coprite d’olio se occorre. Chiudete ermeticamente riponendoli in frigo. In questo modo potrete conservare il pesto per non più di una settimana. E’ possibile congelarlo.
Se preferite potrete preparare questo peso con un mortaio.

Preparate la besciamella:
In un tegame a fondo spesso fate sciogliere a fuoco basso il burro.
Versare tutta insieme la farina e con un cucchiaio di legno girare in continuazione fino a quando non si sarà formata una pasta simile per consistenza alla polenta. Aggiungete il cognac, mescolate.
Poco alla volta, aggiungete  il latte precedentemente riscaldato sempre mescolando.
Sempre mescolando portare ad ebollizione la besciamella, riducendola alla densità desiderata. Aggiungete la panna fresca e continuate a mescolare abbassando la fiamma.
Completare con noce moscata a piacere.
Cuocere le sfoglie della pasta in abbondante acqua salata disponendole dopo averle raffreddate in acqua fredda, su di un canovaccio pulito.
In una pirofila imburrata, cominciate a versare un mestolo di besciamella, disponete il primo strato di sfoglie e spalmateci il pesto precedente. ( se vi sembra un po’ troppo denso, potrete diluirlo con un po’ di acqua calda della cottura della pasta). Coprite con l’altro strato di sfoglie e versate un mestolo di besciamella, spolverate parmigiano. Coninuate cosi’ fino alla fine delle sfoglie, strato dopo strato intercalando besciamella e pesto. Terminate con un mestolo di besciamella. Passate in forno caldo a 200° per 20 min.