Ultimi regali home made un Chutney all’arancia

Chutney d'arancia

In Francia é impensabile una cena nataliazia  senza il grande piatto assortito dei formaggi. E’ impensabile non poterne spalmare almeno un pezzettino anche dopo una cena luculliana.
Cosi’ come é impensabile una cena senza il foie gras.

A proposito del foie gras, come ho scritto tante volte, a me non piace, ma la cosa strana é che avevo proprio voglia di imparare a prepararlo.

Mi piace moltissimo la sua texure, liscia e burrosa ed é per questo e non solo, ho partecipato  ad un’atelier che concerneva proprio la preparazione del foie gras animata dallo chef Alan Cirilli, una persona très agreable, gentile e molto disponibile.  
Per l’occasione ho conosciuto tante blogghers francesi e finalmente incontrato Edda, Marina e Silvia
E’ stato un pomeriggio spassoso, un gran divertimento in un’ambiente rilassato e scherzoso.
Un’esperienza che spero di ripetere altre volte.

Il fegato grasso di oca non é affatto difficile da preparare, molta pazienza, scrupolosità nel togliere le vene interne, giuste dosature di sale e pepe e….magari di questo ne parlero’ meglio in un’altra occasione, ora posso solo dirvi  che per la mia prima volta credo sia riuscito abbastanza bene, conservato e sigillato nella sua terrina nel mio frigo per essere degustato il 24 sera….con questo chutney all’arancia sarà perfetto.

Chutney

Vista la forte reticenza all’assaggio, un piccolo bocconcino tentero’ di ingerirlo anch’io  anche se il mio chutney sposa bene i formaggi decisi, stagionati e particolarmente i caprini, preferiti in ogni occasione e comunque é buonissimo anche da solo e siete ancora in tempo a farne un bel regalino goloso e originale!

Chutney

La ricetta:
per 4 piccoli vasetti medi

3 arance bio (preferibilmente arance da spremute)
1 mela ranetta
1 cucchiaino raso di fiocchi di peperoncino
60 g di radice di zenzero fresco
50 g di bacche di cranberries disidratati
1 piccola cipolla rossa
2 foglie di lauro
5 chiodi di garofano
1 cucchiaino di sale
500 g di zucchero di canna grezzo
1/2 litro di aceto di mele

Lavate e sbucciate le arance togliendo la buccia senza la parte bianca, il più finemente possibile con un coltellino ben affilato e tagliate tutte le scriscioline di buccia a filetti piccoli. Togliete dall’arancia tutte le parti bianche e riducete gli spicchi a pezzetti. Se la pellicina che ricopre la polpa é troppo spessa cercate i toglierne il più possibile. Mettetele in un recipiente alto a fono spesso. Sbucciate  la mela e tagliatela a dadini, cosi’ come la cipolla. Versate il tutto nel recipiente, aggiungete gli aromi, lo zucchero,utti gli altri ingredienti insieme all’aceto di mele. mescolate e fate cuocere a fuoco dolce finché tutto non si addensi. Contate due buone ore. Invasate in vasetti sterilizzati e chiudete ermeticamente. Conservate in luogo fresco e buio per tre settimane. Dopo averla utilizzata conservate in frigo per una settimana.

Annunci

Prugne: imparando a conoscerne le proprietà nutritive si cucinano meglio. Arrosto di maiale farcito con salsa alle prugne

Filetto di maiale farcito di prugne,noci e........

Le prugne fresche cosi’ come i fichi ci lasciaranno presto e noi che le amiamo tanto non smettiamo di saziarcene. Non mi sono mai soffermata troppo ad approfondire le qualità della frutta in genere, tanto mi ( ci ) piace, é buona e questo mi basta a farmene scorpacciate, ma questa volta ho dato uno sguardo, prendendo le informazioni sul web e tante cose interessanti ho acquisito proprio a proposito delle  prugne.
Prugne

Da ricerche scientifiche, la prugna é risultata avere ottime proprietà benefiche per la nostra salute tanto quanto i mirtilli per proprietà antiossidanti* e fitonutrienti in essi contenuti.

Scopro poi che le prugne sono “ottimi integratori per le nostre diete “dimagranti” perché contengono sostanze che ci aiutano a regolare l’apparato digerente, a purificare il corpo dalle tossine, dal colesterolo cattivo e a migliorare il nostro metabolismo”.….mica poco?
Filetto di maiale farcito con salsa alle prugne e cipolle di Tropea

E ancora: “sono una fonte particolarmente ricca di minerali che rafforzano le ossa. Aumentano l’omoglobina, regolano il battito cardiaco e la pressione sanguigna.Contengono la vitamina K, necessaria per la composizione e la coagulazione del sangue. Prevengono il morbo di Alzheimer e provocano l’inibizione della crescita delle cellule tumorali senza alterare le cellule normali. infine contengono una vasta gamma di vitamine e minerali: potassio,manganese,ferro,zinco,rame,calcio,fosforo; vitamine C,K,gruppo B, beta-carotene,acido folico.” 


*Gli antiossidanti sono molecole speciali che agiscono nel nostro organismo ricercando i dannosi radicali liberi e di eliminarli. I radicali liberi contribuiscono allo sviluppo di cellule tumorali, all’insorgere di malattie cardiovascolari e sono causa di invecchiamento precoce.


Insomma non c’é altro da aggiungere se non trovare il modo di consumarne il più possibile, ben lavate ovviamente e preparate anche in modi diversi sia nei dolci, con ottimi risultati ed é scontato, cosi’ come  confezionarne confetture, ma anche come contorno un po’ inusuale,  come si fa con quelle secche, abbinate per esempio, con le cipolle rosse di Tropea che accompagnano molto felicemente un buon filetto di maiale al forno…. se vi va di provare?!!!!

Arrosto di maiale con prugne e noci

La ricetta:

Filetto di maiale farcito con prugne e noci e salsina alle prugne, alloro e rosmarino
per 6 persone:
un filetto di maiale di circa 700 gr
due fette di pane incassetta
1 cucchiaio di erbe fresche (menta,coriandolo,basilico,prezzemolo)
4 noci sgusciate
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai d’olio
il fondo di un piccolo bicchiere di vino rosso
2 fette di coppa o prosciutto crudo
1 prugna
sale e pepe

per la salsa alle prugne:
4 prugne non troppo mature
1 grossa cipolla di Tropea
foglie d’alloro

un rametto di rosmarino
1 cucchiaino di zucchero ( ma anche due se vi piace l’agro-dolce)
olio extra vergine d’oliva
sale e pepe

Preparate la farcia: mixate le fette di pane insieme alle erbe fresche , alle noci, l’aglio, le fette di coppa o del prosciutto crudo, i due cucchiai d’olio un pizzico di sale e pepe. taglite una prugna a dadini molto piccoli e mescolateli all’impasto.

Preparate il filetto, apritelo nel senso della lunghezza ed infilateci la farcia. Legatelo per bene con un filo alimentare.
Fatelo rosolare con poco olio d’oliva in una pentola antiaderente, uno spiccho d’aglio. Fatelo dorare per bene da tutti i lati a fiamma medio alta., versate il vino, rigirate per bene il filetto, nella salsa perché si possa impreganre bene. Spegnete il gas. Trasferite il filetto in una pirofila e fatelo cuocere in forno a 180° Per 30 minuti.

Nella stessa padella aggiungete la cipolla tagliata a fettine, le prugne tagliate in 4, le foglie d’alloro, il rosmarino e fate appassire molto dolcemente a fiamma bassa, senza far rosolare. Aggiustate di sale, pepe ed infine aggiungete un fondo di un bicchiere di acqua tiepida e lo zucchero. mescolate il tutto per bene insaporire. Le cipolle e le prugne devono restare intatte. In tutto circa 2/3 minuti.

Appena trascorso il tempo di cottura dell’arrosto, toglietelo dal forno e trasferitelo nella pentola con le prugne fate rotolare l’arrosto nella salsa incoperchiate e lasciate intiepidire.

Preparate i piatti di servizio. Togliete il filo dall’arrosto, tagliatelo a fette e distribuitele nei piatti, coprite con la salsa delle prugne calda.

Visualizza versione stampabile