Melograno, mela verde e yogurt una Raïta autunnale

Pomegranate

Sono  belli come pietre preziose, sono ben protetti nel loro guscio corteccia, difficili da sgranare. Succosi ,dolci e leggermente aciduli di un rosso vivo brillante, ci  attraggono.
Sono ricchi di proprietà benefiche per la nostra salute ed é bene mangiarne, bere il suo  succo.

Continua a leggere “Melograno, mela verde e yogurt una Raïta autunnale”

Annunci

Albicocche

P1170329

Aspettavo con impazienza le albicocche. La loro polpa agrodolce ed il loro colore giallo-arancio rosa che a volte si tinge di rosa fucsia sulla parte più bombata, proprio come una spolverata di fard, mi attrae terribilmente, a gli occhi oltre che al tatto, vellutato il tocco della buccia.

La forma sferica perfetta che richiama alla mente le gote paffutelle di una bimba dal sorriso biricchino.

Un frutto solare, non vi é dubbio, un frutto che mette allegria e che viene facile e naturale aprirlo in due e mangiarne subito la prima parte dove non resta attaccato il nocciolo.

albicocche e cookies 
Tartare di albicocche,avocado e bufala campana

Mi son sentita subito a mio agio quando le ho prese,le ho lavate ed asciugate. 

Il mio più grande piacere é avere in mano un’ingrediente di stagione, che dura poco, per  guardarlo, osservarne tutta la sua perfezione, sentirne il suo odore e gustarlo captando il massimo delle sue caratteristiche per, infine, trovare la maniera giusta di utilizzarlo.
Sapevo già che sarebbero finite in copelle di ceramica e ricoperte di zucchero o di miele o dello sciroppo d’acero appena comprato, sapevo che volevo realizzarci qualcosa di semplice di fresco e goloso anche per i miei figli che le amano tanto.

Ecco le ricette:

Apricots with maple syrup and almond meringues

Albicocche al forno meringate
per 4 persone
6 albicocche
sciroppo d’acero
zucchero di canna
mandorle a filetti

per la meringa
2 albumi
100 g di zucchero semolato

Lavate e asciugate le albicocche, dividetele a metà e mettetene tre metà per ogni coppetta (attenzione devono essere una coppetta resistente al forno). Versate un cucchiaino di sciroppo d’acero su ogni albicocca , un cucchiaio di zucchero di canna da distribuire su ogni coppetta. Infornate a forno preriscaldato a 200° per 10 mn. Togliete dal forno e lasciate raffreddare.

Preparate la meringa lavorando i due albumi a neve ferma aaggiungendo lo zucchero  e montate finché il composto diventa lucido. Distribuite sulle albicocche, aggiungete un po di mandorle a filetti e rimettete in forno caldo a 160°.C. per altri 10 mn, finché la meringa si colora leggermente. A forno spento potrete lasciare ancora quanche minuto le coppelle in modo tale che la meringa diventi croccante. Servite tiepide o fredde.

ps:potrete preparare le albicocche anche il giorno prima e lasciarle in frigo fino al momento di aggiungervi la meringa e passarle al forno per la seconda fase. E’ bene consumarle il giorno stesso.

Tartare di albicocche,avocado e bufala campana

Tartare di albicocche,avocado e mozzarella
per 4 persone
2 grosse albicocche
1 avocado ben maturo
1 mozzarella di bufala
2 cucchiai di olio estravergine d’oliva
Il succo di un  lime e la sua buccia
sale
rametti di rosmarino e fiori di lavanda

Prelevate il succo del lime e la sua buccia e teneteli da parte.
Lavate ed asciugate le albicocche. Tagliatele a dadini. Sbucciate l’avocado e tagliate la polpa a dadini e mescolatela con le albicocche. Tagliate anche la mozzarella di bufala dopo averla passata sotto l’acqua calda, a dadini. Mescolate gli ingredienti insieme aggiungendo il succo del limone parte della grattugiata, l’olio ed il sale.
In 4 piatti di servizio mettete 4 cerchi da pasticceria e disponetevi dentro gli ingredienti. Riservate in frigo. Al momento di servire togliete i cerchi e decorate a piacere con rametti di rosmarino e fiori di lavanda commestibile.

Meno tre – Intermezzo con una salsina al frutto della passione

Frutta della passione
Version française en bas

Vorremo mangiare poco, quasi niente tra Natale a Capodanno il che é molto difficile pero’ volendo possiamo tentare di sgranocchiare qualcosa di leggero prima di metterci a tavola da riempirci qual tantino che basta per placare la fame.

Io preparo sempre delle “cruditées” sfiziose verdure fresche da ornare la tavola e cominciare con leggerezza il pranzo. Ho scoperto da poco il radicchio nero meglio conosciuto come rafano. Radice dalla buccia nerissima e vellutata con una polpa candida e soda all’interno. Il suo sapore piccante-amaro, tipico del radicchio, puo’ non essere amato da molti, ma approfondendo le sue caratteristiche nutrizionali, forse potremmo cominciare ad apprezzarlo meglio. Si mangia generalmente crudo, insieme a formaggi cremosi ed a salse agro-dolci per attenuare il suo gusto leggermente sulfureo. Infatti la buccia contiene anche vitamine del gruppo B. Questa radice antichissima, proveniente dall’Asia, se ne presume la conoscenza  già da parte  degli Egiziani che ne utilizzavano i grani per farne un’olio, ha molte proprietà medicinali. Contiene vitamina C , nostra alleata  in questo periodo invernale, aiuta a combattere le infezioni proteggendoci dai radicali liberi. Ed ancora, ha proprietà tonificanti, poco calorica e ricca di acqua e fibre  che aiuta la digestione ed in questo periodo ne abbiamo largamente bisogno.
Dunque, dopo essermi informata su tutte queste qualità non mi restava che proporre quasta radice con una salsina a base di miele e frutto della passione anche se non ho esitato a mangiarne qualche fettina con del fior di sale e del burro aromatizzato all’arancia.  Questa vinaigrette puo’ essere un’alternativa originale  (filtrandola) per condire armoniosamente una fresca insalata a fine pasto con del formaggio stagionato o del pesce marinato, un tocco che sorprenderà durante la vostra festiva cena di fine anno.
Salsina agrodolce al frutto della passione e radice nera
Salsina al miele e futto della passione 
2 frutti della passione
10 cl di olio evo
1 cucchiaio di miele (all’arancia o altro di vostra preferenza)
1 cucchiaio di aceto balsamico bianco
sale e pepe
1 radice nera
Tagliare i frutti della passione in due e prelevare la polpa, aggiungere l’olio, il cucchiaio di miele, l’aceto balsamico, sale e pepe, emulsionare con una forchetta. Se non amate i semini sotto i denti filtrate la salsina con un colino.
Lavare bene il rafano e tagliarlo a fettine sottilissime(se preferite togliete la buccia che é abbastanza dura, anche se tagliatndo le fettine sottilmente non darà fastidio mangiarla). Disponete le fettine un un piatto e cospargetele di un pizzico di sale e condite con la salsina.
ps: altri verdure possono essere sostituite o aggiunte (carote, sedano, finocchi, rapa rossa ecc….)
Version française
Salsina agrodolce al frutto della passione e radice nera
Radis noir à la vinaigrette aux fruit de la passion et au miel
2 fruits de la passion
10 cl d’hile d’olive
1 c à s de miel (  d’oranger ou d’acacia )
1 c à s de vinaigre balsamique blanc
sel et poivre
1 radis noir
Coupez les fruits de la passion en 2 et en extraire la pulpe à l’aide d’une cuillère. Mélangez ensuite la pulpe avec l’huile d’olive, le miel, le vinaigre balsamique ,assaisonner de sel et de poivre et mélangez avec une fourchette. Passez cette sauce au tamis si vous n’aimez pas les petits grains de fruits.
Lavez bien le radis noir et coupez-le en fines rondelles. (Si préférez enlevez la peu) Disposez-les sur un assiettes et parsemez de fleur de sel et assaisonnez avec la vinaigrette.
ps: vous pouvez ajoutez des autre légumes ( carottes,célèri branche, fenouil, betterave,etc…