pasta frolla con l’olio



Il mio dolce preferito è la crostata, per cui dopo aver fatto la confettura di lamponi e prugne, mi viene in mente che è il momento di provare la ricetta dettatami, per telefono, da mia mamma, ” la pasta frolla con olio” invece che il burro.Mi metto subito all’opera quando mi rendo conto che la quantità dell’olio, scritto sul mio quaderno è eccessiva e mi viene il dubbio di aver scritto di fretta le dosi. Tento di telefonare mia mamma, non è in casa, allora penso…., ci provo lo stesso.
Ecco le dosi:(Sul quaderno)

-600 g. di farina
– 1 bicchiere di zucchero (circa 200 g)
– 3/4 di olio di semi ( 750 g. io ho pensato)(q.tà esatta 175 gr.)
– 3 uova intere
– 1 bustina di lievito vanigliato
lasciare riposare 1 ora in frigo

Dopo un’ora, la sorpresa, il risultato è catastrofico.(Troppo olio?)
Ritelefono mia mamma,finalmente la trovo, le spiego l’accaduto, naturalmente l’errore è l’esagerata quantità di olio per l’interpretazione errata delle dosi.
L’esatta quantità è 3/4 di un bicchiere, circa 175 g. di olio.Mi metto a ridere e mi rimbocco le maniche per recuperare la pasta. Ci riesco con un ottimo risultato, l’unico problema, troppa pasta frolla per una crostata, ne ho fatte tre.

Annunci

confettura di lamponi e prugne




Mi piace preparare la confettura da me.Ieri ho trovato sul banco della frutta , ancora qualche barchetta di lamponi e delle prugne ed allora l’immediata idea di preparare la confettura.

Ingredienti:
500 g. di lamponi
300 g. di prugne
600 g. di zucchero

Lavare i lamponi velocemente sotto l’acqua fredda e le prugne,lavate,snocciolate e tagliate a pezzetti, li ho messi insieme con lo zucchero nella macchina per fare il pane, con il programma “confetture” il risultato è ottimo.

Non avendo la MdP, si procede usando una pentola a fondo spesso, mescolando gli ingredienti insieme, facendo cuocere lentamente , per un’ora, fino ad addenzansi,io lo verifico, prendendo un po’ della confettura nella pentola lasciandola qualche minuto a raffreddarsi su un piattino.

Me

“Cucinare mi piace da sempre.
Mia  madre mi ha insegnato a mescolare gli ingredienti. Mio padre, esercente alimentari, mi ha insegnato a conoscere i sapori ed i profumi degli alimenti. Affondare le mani nella farina, spiaccicare le uova, ungermi di olio fritto, spennellare il pane con il burro , infilare le dita nella cioccolata calda, scottarmi la lingua con il caramello, tagliuzzare le verdure in mille coriadoli colorati, bruciare l’aglio nell’olio bollente, sentire il profumo del pane nel forno, di un dolce, di un timballo e bruciarmi la punta del naso per la fretta di gioire del risultato, stare a guardare i miei figli che divorano i miei piatti anche con gli occhi. Tutto questo mi dà emozione, piacere, mi fà viaggiare e vedere , a volte , anche il sole, troppo lontano da me…….Da quando sono a Parigi i profumi ed i sapori di Via delle Rose, dove ho iniziato nella mia casa in Calabria, continuano ad essere presenti nelle mie pietanze”
Quel che penso….
In ogni mese dell’anno i profumi nell’aria cambiano per dare sfogo ai sensi. Nuove senzazioni….voglie…. ed é li’, il momento di creare nuovi sapori…..
by Mariluna
Scrivimi: patrizia.cuglietta@orange.fr 
viadellerose-miceli@orange.fr