Crostata di frolla al mascarpone con rabarbaro crema di mandorle e miele


Rhubarb

Succede alla sera tardi,quando troppo affaticata ormai dal peso della casa, finalmente mi rilasso, sprofondando nella mia poltrona preferita.

Sempre li, vicino alla lampada a piede che illumina solo quell’angolo, quasi riparato, vicino al camino, ora spento.

Prima di decidere il seguito della mia serata lascio scorrere le immagini della Tv. Mi serve qualcosa per allontanare il peso di pensieri, preoccupazioni, che disturbano il riposo,  sopraggiungono proprio quando cerco il riposo.

Pochissime cose attirano la mia attenzione, succede che poi mi lascio addormentare nella comoda poltrona e….non voglio questo, non ancora.

Amo poter finire la serata  con qualcosa di interessante da fare, forse leggere, forse scrivere, forse sfogliare le foto, riguardare e studiare le mie foto arricchire la mia curiosità, assimilare l’arte di altri per trovare la mia.

IMG_8667

Amo fotografare, generalmente, su sfondi scuri, che abbiano quella luce antica, appartenenza ad un epoca lontana. Ci vedo calore, conforto e autenticità.

Non uso luci artificiali, non uso tecniche speciali, non ho pannelli riflettenti, faccio male, faccio bene, non so’. A volte uso il tre piedi , ma a volte, molto più spesso no. Sono molto istintiva, guardo il dolce, il piatto che ho preparato, i suoi colori e inizio a costruire nella mia immaginazione la scena….poi, mano mano tutto si forma, un pezzo per volta, un bicchiere, un tovagliolo, una forchetta, più forchette, una macchia sul tavolo, un telo, e sopratutto la luce non prepotente della mia finestra.

Non so se cambiero’ stile con il tempo. Certo voglio migliorare. Un nuovo obiettivo mi aiuterà?

Ho tanto ancora da migliorare.

Queste foto non sono perfette, scattate in un pomeriggio di pioggia,  sfocate, eppure prese in prestito da un gruppo su flickr per la loro copertina e se non fosse stato che questa crostata é una delizia, chissà, sarebbero rimaste in archivio del “mai pubblicate”…!!!!!!

Tarte con crema di mandorle e rabarbaro

Crostata con frolla rustica al mascarpone con rabarbaro su crema di mandorle e miele.

La frolla usata per questa crostata é la stessa che ho utilizzato qui ( clicca per stampare la ricetta della frolla), in effetti, l’idea di questa crostata viene proprio dallo stesso post, differisce solo nella crema fatta con le mandorle  anziché le nocciole.

Ingredienti per la crema:

  • 1 dl di panna fresca
  • 80 gr di farina di mandorle preventivamente tostate
  • 2 cucchiai di miele liquido
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
  • 1 grosso uovo intero e fresco
  • 4 gambi di rabarbaro*
  • miele liquido di fiori

Ho preparato la frolla e dopo averla divisa in due parti, l’ho messa in frigo per 30 minuti. Una delle due l’ho congelata per utilizzarla in un altra ricetta.

Nel frattempo ho preparato la crema secondo la ricetta che troverai cliccando sul link sopra.

Ho ben lavato il rabarbaro, tolto le foglie verdi che sono tossiche ( attenzione a non utilizzarle) poi ho asciugato bene i gambi.* cerca di scegliere dei gambi non troppo grossi é meglio per la cottura e per disporli sulla crostata.

Sul piano di lavoro ho posto un foglio di carta forno da disporre successivamente un una teglia rettangolare. Ho steso la pasta con il matterello sul foglio nelle misure di circa 36 cm di lunghezza per 26 di larghezza. Ho distribuito la crema di mandorle sulla base ed ho sovrapposto i gambi del rabarbaro dopo averli tagliati nella stessa lunghezza della frolla, lasciando un piccolo spazio tra un gambo e l’altro. Ho ribaltato il bordo della pasta di tre cm circa per lato in modo tale da non far uscire la crema durante la cottura. Con un pennello ho spennellato i gambi  del rabarbaro ed i bordi della frolla con del miele liquido.

Infine ho infornato a 160°C. per 40 minuti. Ho estratto la crostata dal forno lasciandalo raffreddare su di una griglia. Al momento di servirla l’ho tagliata a quadrotti cospargendola di miele per attenuare il sapore acidulo tipico del rabarbaro.

Visualizza la versione stampabile

Annunci

14 pensieri riguardo “Crostata di frolla al mascarpone con rabarbaro crema di mandorle e miele

  1. È bello scoprire come dalla ricerca di un ingrediente si possa arrivare a scoprire un altro blog. La scia del profumo e la bellezza delle parole mi hanno portata fin qui, in questo posticino che profuma di gesti antichi, di colori tenui, un’altra epoca in cui mi ci catapulto volentieri. Mi lascio trasportare dalle mandorle che tostano e mi metto in attesa di vedere che altre cose buone preparerai e fotograferai. Felice di averti trovata.
    Paola

    Piace a 1 persona

  2. Se tu hai tanto da imparare io devo ancora cominciare! Sappi che ti legge da lontano ammira moltissimo il tuo stile e quella luce “antica” come l’hai definita tu. Per non parlare poi delle ricette, un vero mix di calore, conforto e autenticità…

    Piace a 1 persona

  3. Ciao Patrizia,

    in realtà avrei voluto scriverti una email ma dopo qualche tentativo fallito percorro la via del commento, meno intima ma forse più semplice.

    Volevo raccontarti della Danza delle scatole di latta, tutte quelle scatole che hanno ballato e viaggiato nel 2006. Forse te ne ricordi ancora, perché vedi avrei deciso di rilanciare lo swap, con una piccola novità.

    Sarei così felice se tu volessi partecipare ancora! Ti andrebbe intanto di affacciarti da me?
    Spero a presto,
    daniela

    Mi piace

    1. Ohhh mannaggia Chiara, potrei spedirtelo io ma la spedizione da qui é troppo costosa, se vengo in italia me lo porto con me e te ne inviero’ di certo un po’ per assaggiarlo 😉 grazie come sempre del tuo affetto!!!

      Mi piace

  4. Per un istante mi è parso di vedere me. Quando la sera, prendo i miei occhiali, accendo la lampada e siedo sul divano. Mi è parso di vedermi, mentre sto lì, intenta a cercare cose nuove da sperimentare. Libri da leggere. Che di colpo, gli occhi stropicciati dal sonno quasi non ne vogliono sapere di restar aperti.
    Mi è parso di sentirmi. Quando tra me e me, mi rimprovero che ciò che faccio non è mai abbastanza. Che posso e voglio sempre far di meglio.
    Però, io ho occhi per osservare. E ho mani, per scriverti che i tuoi scatti raccontano da se. Che gli oggetti hanno parole che magari tieni per te. Che il tovagliolo sembra una leggera coperta a far da riparo.
    Io sono un pó di parte, perché prediligo gli scatti che rievochino tonalità scure. Che mettano in risalto gli ingredienti. Sono ancora tanto lontana dall’ottenere bei risultati. Ma la pazienza e l’amore per ciò che preparo mi da la giusta dose di attesa. Ahimè, da me il rabarbaro è difficile trovarlo. Ma la tua ricetta è deliziosa! Buonanotte

    Piace a 1 persona

    1. Mamma mia che carezza grande mi giunge da te. e’ vero mi pare di avere tante cose in comune con te. Per il rabarbaro…mi sa che devo fare una spedizione in Italia, molte mi scrivono di non riuscire a trovarlo, chissà magari ci pesero io? Per le foto non perdere mai la pazienza, di certo la passione per cio’ che fai e lo sguardo attento e curioso ti aiuterà….vai indietro nel mio blog e vedrai che foto da censurare facevo prima 🙂

      Un ‘abbraccio!!!!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.