Sapori d’Estate: Zuppa fredda di pomodori, tartellette speziate e crema spalmabile al limone

Pomodori

Caldo finalmente, tanto caldo, da non poter nemmeno restare fuori. Io ci sto bene con questo caldo e finalmente comincio anche a mangiare i pomodori che sanno di sole. Per me rappresentano indubbiamente l’estate. Non compro mai pomodori fuori stagione. 

Domenica mattina, presto, sono andata al mercatino locale, ricco di molte buone verdure fresche. E’ uno spasso andarci, é un godere degli occhi e dei profumi, le prime ore del mattino, in mezzo alla freschezza dei prodotti locali. Porterei a casa tutto e tanto. Non ho troppo spazio. Certe volte mi dico che caso mai dovro’ cambiare casa la prima cosa che comprero’ sarà uno di quei magnifici frigoriferi americani, quelle cellule enormi da doverci mettere più cose possibili. Poi ci rifletto, infondo non ha senso, le verdure come si comprano vanno consumate, al massimo tre giorni altrimenti perdono tutte le loro proprietà organolettiche, nonché le vitamine , i sali minerali e la freschezza.

Zuppa fredda

Ho portato a casa tante carote che contribuiscono a preparare la nostra pelle al sole, ho comprato dei cetrioli, ormai scagionati definitivamente. Quelli che compro generalmente sono di produttori locali che mi danno una maggiore garanzia. Ho comprato tanti pomodori sodi e succosi ed infine del formaggio feta, volevo assolutamente provare quella meravigliosa cremina vista sulla rivista on-line Sweet Paul, ed infine, tanta tanta buona frutta.

Come sempre prima di mettermi ai fornelli non ho l’idee chiare di cosa proporro’ per il pranzo, di certo oggi sarebbero state insalate e comunque piatti freddi…poi alla fine ecco cosa ne é saltato fuori.

Crema spalmabile al limone e origano

Pictures

Una zuppa fredda di pomodori, delle tartellette con pomodorini adagiati su di una crema a base di senape e pain d’espice, ricetta scovata su un piccolo inserto del magazine Saveurs di qualche mese fà che ho personalizzato poiché non ho trovato la senape al pain d’épice e lo fatta io ed ho aggiunto come sempre un tocco personale. Infine ho preparato la cremina spalmabile che ho leggermente modificato per renderla ancora più cremosa. Il resto abbiamo terminato il gelato al pane nero…vi auguro una buona letture delle ricette.

Crema spalmabile di feta al limone,origano e menta
Crema spalmabile di feta al limone.
100 g di feta
50 cl di panna fresca
la buccia grattuggiata di un limone (bio)
il succo del limone
1 spicchio d’aglio
origano e menta e pepe nero macinato.
6/7 cucchiai d’olio extra vergine d’oliva
Mixare insieme tutti gli ingredienti , aggiungere a filo l’olio. versare la cremina in una ciotola e mescolarvi l’origano e la menta tritati finemente ed infine una spolverata di pepe nero. Servire su crostoni di pane oppure delle Treccine al finocchietto “Gusto e tradizione di Calabria” Panificio Biscottificio Colacchio ( pubblicità assolutamente gratuita, perché mi piacciono e perché fanno parte delle mie tradizioni più radicate)
Zuppa  fredda di pomodori
Zuppa fredda di pomodori
Per 4 persone
800 g di pomodori  maturi san marzano
1 cipolla piccola
1 carota
1 patata (100 g circa)
1 spiccho d’aglio
1 bouquet garni ( prezzemolo, basilico,timo)
1/2 litro di acqua 
salsa tabasco
olio evo
Preparate il brodo vegetale: in una petola versate l’acqua, aggiungete la carota tagliata a pezzetti, la patata anch’essa tagliata a pezzetti ed il bouquet garni.
Sbollentate per un minuti i pomodori in acqua bollete e pelateli. Tagliateli a pezzetti togliendo i semini interni. Mettete una pentola alta sul fuoco e versate 4/5 cucchiai d’olio, fate soffrigere la cipolla tagliata a dadini, e l’aglio. Aggiungete i pomodori, salate e pepate e fate insaporire per 15 minuti. Togliete il bouquet garni dal brodo vegetale e versatene la metà nei pomodori insieme alle carote e patate a pezzetti. Cuocete per altri 15 minuti a fiamma media. Aggiunstate di sale e pepe e qualche goccia di salsa tabasco, infine mixate il tutto. Aggiungete ancora brodo vegetale a seconda di come preferite la zuppa più o meno densa. Fate intiepidire e poi successivamente raffreddare in frigo per servirla fredda. Ovviamente é buona anche calda.

Tartelletta pomodori speziati
Tartellette con pomodorini ciliegie  e senape al pain d’épice
per 4 persone:
1 rotolo di pasta sfoglia
una vaschetta di pomodori ciliegia
6 cucchiai di senape
1 fetta di pain d’épice
timo fresco
uvetta sultanina
sale e pepe
olio evo
Accendete il forno a 220°C.-  Ricavate 4 ruote dalla pasta sfoglia a misura delle vostre formine per tartellette. ( io ne ho ricavate 6 perché ho usato delle formine piccole).  Disponete la pasta nelle formine preventivamente imburrate o rivestite di carta forno. Punzecchiatele sul fondo e mettetele in frigo. Praparate la senape mixando la fetta del pain d’épice e mescolando le briciole alla senape. ( io ho ottenuto circa due cucchiai colmi di briciole). Didtribuite questa crema sulle tartellette. Infornate le tartellette per 10 mn. Durante questo tempo, in una padella versate un filo d’olio, il timo fresco e riscaldate, a fiamma bassa versatevi i pomodorini lavati ed asciugati per bene e un cucchiaio d’uvetta sultanina. Mescolateli per bene nell’olio aromatizzato per un minuto,utilizzate un cucchiaio di legno per mescolare, salate e pepate. Riprendete le tartellette dal forno e sisponetevi i pomodorini, e qualche chicco d’uvetta. Abbassate il termostato del forno a 160 e infornate per altri 10 min. Lasciatele raffreddare e servite con un’insalata.

Brown bread ice cream – ovvero Gelato al pane nero

Brown Bread Gelato

Ieri la giornata mi é sfuggiata tra le mani. Ieri  che avevo in mente di fare mille cose e mille cose ho fatto, ho l’impressione ora mentre mi fermo a riflettere che ho fatto ben poco di cio’ che volevo fare. E’ sempre cosi, quando ho la mia giornata libera. Intanto la pioggia mi ha  accompagnato con il suo ticchettio sul tetto della veranda, per gran parte della mattinata mentre riordinavo la casa, perché é questo uno degli scopi prefissi della mia giornata libera infrasettimanale.

Mi ricordo che é anche il primo giorno di saldi, penso che con la pioggia non sarebbe male andare a fare un giro per i negozi, poi penso alla folla, agli indumenti per terra, disordinati, pestati e toccati e quasi “scippati’ da tante mani e rabbrividisco…meglio di no, la confusione proprio oggi no,  ho bisogno di relax, non é il caso.
L’impressione di avere l’autunno alle porte non mi aiuta molto, la voglia di vacanze si fa sempre più pressante. certe volte, mi fermo, chiudo gli occhi e cerco di ricordarmi i profumi che porta l’estate, il sole, il calore, la voglia di bere tanta acqua fresca, raccogliere la frutta e le verdure nel giardino di casa, sentire le onde del mare, la brezza marina che rinfresca il viso come una spruzzata di acqua fresca…. Ehhh si, é proprio il mare che mi manca, molto. La sua vista, il suo colore , la spiaggia, mi manca casa.

Nel primo pomeriggio la pioggia ,finalmente, lascia un po’ di spazio al sole, in verità é un via vai di nuvole nere, pioggia e sole, mi rifugio negli appunti “cose da fare Estate” di cucina e trovo questo gelato che già quando l’ho “incontrato” ha letterelmente attirato la mia attenzione nonché curiosità. Come dice l’autrice, mia carissima amica, é già dal titolo che piace, sà di buono, di casa, di accogliente e poi….dai l’estate c’é!!!
Brown Bread Gelato
Ho preso la ricetta  dal blog di Dani con qualche piccole modifiche.

Brown Bread Gelato

100 gr di pane nero
60 gr di zucchero di canna
60 gr di burro
2 tuorli
90 g di zucchero semolato
1 cucchiaino di maizena
1 cucchiaino di vaniglia
125 di latte
375 ml di panna

Per prima cosa preparare le praline al pane.
Riscaldare il forno a 200º.
In un mixer ridurre il pane (a me erano due fatte) in briciole.
Spargerle in una teglia da forno, previamente inburrata, aggiungere lo zucchero di canna e mescolare bene con le mani. Infornare per 12 minuti, rimuovendo le briciole per due volte durante questo tempo. Consiglio di non allontarvi troppo dal forno e controllare da vicino questa fase…. perche’ potrebbero bruciarsi facilmente e rovinare il risultato finale.
Una volta pronte, le briciole dovrebbero risultare ben croccanti, lasciarle raffreddare.
Intanto in un pentolino far sciogliere il burro fino a che diventi di un bel color dorato. Far raffreddare anche questo.
In un altra pentola riscaldare il latte e la  panna. Far raggiungere quasi il bollore. Mentre il latte e la panna si riscaldano, in una ciotola sbattere i tuorli con lo zucchero semolato ,il cucchiaino di maizena e aggiungendo l’estratto della  vaniglia. Ottenere una crema densa e spumosa. Aggiungere a filo il latte e panna riscaldati – continuando a sbattere per evitare che le uova cuociano. Rimettere tutto nella pentola, a fuoco dolce, senza mai smettere di mescolare, aiutantosi con una frusta a mano, far cuocere per pochi minuti, giusto il tempo che la crema si addensi per bene.. Allontanare dal fuoco e far raffreddare per 10-15 minuti, rimestando di tanto in tanto ed evitare la formazione di una crosta in superficie.
A questo punto aggiungere il burro sciolto e fatto raffreddare ed le briciole di pane nero caramellizzate. Versare il tutto in un recipiente munito di coperchio e lasciar in frigo affinche’ si raffreddi per benino.
Ho versato il tutto nella gelatiera e lasciato andare il programma per 25 min. circa….io una coppettina l’ho consumata subito per il pranzo.
Per chi non avesse la gelatiera , potrete prepararlo  seguendo le istruzioni nel blog di Dani.

Versione stampabile della ricetta

La pizza ci piace sempre se poi ci sono le ciliegie, una tira l’altra…..

Cherries

E’ di sabato sera che la preparo solitamente, ma vi confesso che certe volte no, la compro dal nostro bravo pizzaiolo ambulante che ferma proprio all’angolo di casa nostra sulla piazzetta, ci vanno i miei figli e la scelgono come più gli garba e la cena del sabato sera é fatta senza troppi sforzi.

Pizza
Bene, questo fine settimana invece l’ho fatta io.

pse3

Dapprincio, preparando un’insalata, come mia abitudine, perché accompagna sempre volentieri la pizza, mi sono ricordata di aver già assaggiato, non so più in quale occasione, le ciliegie con la feta ed ho trovato che l’idea non sarebbe stata affatto male di fare un’anti assaggio riempendo delle coppettine di ciliegie e feta e poi,  via via é nata questa panzanella e già che c’ero con le mani in pasta, é nata pure questa insolita pizza, ma molto molto buona che vi consiglio vivamente di provare prima di dare l’arrivederci alle ciliegie!
Suggestioni: potrete anche aggiungere i pomodorini ciliegie e tanto tanto basilico!

Ahhh, oggi  godiamoci questo solstizio d’estate, finalmente!!!! anche se qui é solo sul calendario, piove,piove,piove……..senza tregua 😦

Per le coppettine ho utilizzato i seguenti ingredienti:
Rucola freschissima
Ciliegie ( circa 150g)
100 g di feta (formaggio greco)
4 fette di pane casareccio
aceto,olio,poco sale e pepe
Erbe aromatiche( timo,origano,sasilico)

Niente di più semplice…emulsionate dell’olio evo con dell’aceto di vino, poco sale e pepe macinato al momento.
Snocciolate le ciliegie dopo averle lavate ed asciugate. Bagnate le fette di pane casarecci, possibimente vecchie di qualche giorno, con parte dell’emulsione di olio e aceto. Tagliatelo a dadini e disponetelo nelle ciotoline insieme alle ciliegie, al formaggio feta tagliato anch’esso a dadini ed a qualche fogliolina di rucola. Mescolate e lasciate insaporire aggiungendo ancora dell’olio e dell’aceto. Aggiustare di sale e pepe, ma poco perché la feta già abbastanza sapida, lega il  tutto molto bene.

Pizza

Per la pizza alle ciliegie e feta

Gli ingredienti: delle ciliegie fresche snocciolate , della feta sbriciolata e delle erbe aromatiche, timo limone, origano, foglie di basilico, pepe nero macinato fresco e l’insostituibile olio extra vergine d’oliva.
Preparate una pasta per la pizza, io di solito la preparo al mattino cosi’ la rilavoro quando é lievitata, poi formo delle palline di 150/180 g l’uno per persona e che lascio lievitare coperte con un canovaccio lontano da correnti d’aria.
Stendo la pasta nelle teglie e dato che ci piace molto il cornicione, lascio un po’di pasta in eccedenza dal bordo e poi la giro piegandola all’interno su se stessa,(come si vede dalla foto) in modo da formare un buon cornicione. Copro le pizze  con un canovaccio ,ancora una volta per farle gofiare un po’. ( 15 mn circa) e nel frattempo preparo il ripieno. Sbriciolo la feta, e taglio le ciliegie in due. Metto la feta ben distribuita sulla pizza ed infine le ciliegie, tante erbette aromatiche e un giro generoso di olio e con il quale spennello bene anche il cornicione.  passo in forno a 210°C per 20 mn circa e servo subito.
Con grande sorpresa ho mangiato questa pizza anche fredda ed é buonissima!!!!! 🙂