Il mio Minestrone delle vacanze

Minestrone di fine agosto

Version française de la recette en bas

Un’ultima ricetta  dalle vacanze  in Provenza  me la dovevo proprio regalare , avendo fatto il giro dei mercati della zona era impossibile non acquistare verdura fresca e genuina e senz’altro più gustosa di sole di quella che sono abituata a comprare qui.

Al mercato di Valbonne ,dove tra bancarelle di borse colorare, cappelli, profumi di verdure fresche e di  Socca (pietanza tipica della zona a base  di farina di ceci, cotta in forno) e tavolini assolati colmi di gente per un caffé, ho incontrato finalmente Alexandra (Ombra del portico). 
 Montages2
Un mare di chiacchiere sul cibo, sulla nostra vacanza, sulla bella Provenza ed un’aperitivo fresco per salutarci con un’arriverci  a Parigi.
Borlotti
Ho acquistato delle zucchine piccole chiare e dolcissime, con i rispettivi fiori,  i fotogenici e buoni fagioli borlotti, i pomodori di San Marzano, tanto basilico e aglio fresco e con questo ho preparato una simil soupe au pistu, tipico piatto provenzale, molto personalizzata. La caratteristica di questa zuppa é la varietà di fagioli bianchi e rossi, fagiolini piatti  e cornetti e naturalmente verdure di fine estate, somiglia al nostro ricco minestrone e il condimento che é un pesto (pistu) diverso da quello che siamo abituati a preparare, é con l’aggiunta del pomodoro.  Io ho aggiunto i pinoli tostati che non sono previsti nella versione originale ed ho omesso la pasta che pertanto é in quasi tutte le versioni di questa zuppa di fine agosto. Alcuni aggiungono prosciutto o pancetta e gruyer grattugiato.

La ricetta:
Per 4 persone

  • 500 g di fagioli borlotti sgranati
  • 3 piccole zucchine (possibilmente con i loro fiori)
  • 3 pomodori San Marzano
  • 6 spicchi d’aglio
  • 1 mazzetto di basilico
  • due cucchiai di parmigiano grattugiato
  • olio evo
  • 2 cucchiai di pinoli tostati
  •  sale e pepe

Lavare bene le zucchine ed i fagioli sgranati; mettere i fagioli in una grande pentola coprire di acqua e portare a ebollizione, abbassare il gas , aggiungere sale e pepe e continuare la cottura per mezzora.. Tagliare le zucchine a rondelle e aggiungerle nella pentola con i fagioli, continuare la cottura per ancora 30 min. A questo punto se volete porete aggiungere della pasta, concigliette o vermicelli o altro formato e far cuocere ancora finché la pasta resti al dente.
Intanto praparate il condimento al Pistu:
Sbollentare i pomodori in acqua calda e togliere la buccia ed i loro semini; tagliarli a cubetti piccoli.
Possibilmente usando il mortaio (altrimenti tagliare il tutto molto finemente con la mezzaluna) pestare il basilico con gli spicchi d’aglio senza il loro germe. Aiutarvi aggiungendo olio evo a filo. Aggiungere i cubetti di pomodoro ed il parmigiano continuare a pestare finché si ottierrà una salsina omogena.
Aggiungere due o tre cucchiai di questa salsa nella zuppa , i pinoli tostati con un filino d’olio evo ,mescolare e servire nella zuppiera . Mettere in tavola il condimento ed il parmigiano per eventualmente aggiungerene nei piatti al momento di servire la zuppa.

Version française

Minestrone di fine agosto

Soupe au pistu à ma façon

  • 500g de haricots en graines rouges
  • 3 petites courgettes
  • 3 tomate Roma
  • 6 gousses d’ail
  • 1 gros bouquet de basilic
  • Huile d’olive
  • 2 bonnes c à s des pignons de pin grillés avec un filet d’huile d’olive
  • 2 c à s de parmesan rapé
  • Sel, poivre,
1)Égrenez les haricots rouges .Déposez  les haricots dans une marmite; recouvrir d’eau froide; porter l’eau à ébullition. Baisser le feu; saler, poivrer; couvrir et laisser mijoter une demi heure. 
2)Coupez les courgettes en rondelles et les rajoutez dans la marmitte, continuez la cuisson pendant 30 min. (Puis,si vous voulez,ajoutez une poigner de vermicelles ou de coquillettes; poursuivre  la cuisson jusqu’à ce que tout soit bien cuit )
3)Pendant ce temps, préparez le pistou
– Piler au mortier les feuilles du basilic et 3 gousses d’ail, ajouter un filet d’huile d’olive pour réduire l’appareil en pommade; pocher les tomates quelques minutes dans l’eau bouillante; peler et épépiner; incorporer au mélange; ajouter un peu de parmesan râpé de préférence.
– Incorporer 2 ou 3 cuillerées à la soupe  du pistu en fin de cuisson , les pignons de pin grillés, et servir aussitôt dans la soupière avec, si on veut, un peu de pistou et de parmesan râpé sur la table.


Annunci

I fiocchi di sale che aromatizzano

Fiocchi di sale aromatizzato alla rosa
Version française de la recette en bas

Prima di partire in vacanza, il profumo delle mie spezie preferite,  volevo che mi accompagnassero , ma allo stesso tempo, andare in Provenza sarebbe significato di certo aquistarne altre.
Riflettendo su quale poter scegliere ho iniziato a mescolare alcuni profumi ed ho ripensato ad un sale aromatico che avevo già testato e provato ed utilizzato in mille modi.

Questi fiocchi di sale che si sciolgono immediatamente al contatto con il cibo ,contengono una serie di spezie, poche a dire il vero, pensato per aromatizzare in particolare del pesce, quelle che mi sembravano adatte appunto, a rendere questo condimento speciale, delicate e allo stesso tempo originale e davvero molto molto profumato.
Prima di partire e poi successivamente in vacanza, ( testimone la foto) l’ho provato nel modo più semplice che mi pareva potesse esaltarne tutto il suo profumo: una banale insalata di patate,alla quale poi ho aggiunto della lavanda, acquistata proprio in uno dei tanti e suggestivi mercati della regione e delle foglie di basilico fresco. Il risultato é stato sorprendente.
P1090038

Sale aromatizzato agli agrumi e alla rosa

  • 2 cucchiai di fiocchi di sale di Cipro ( o anche fior di sale )
  • 1 cucchiaino di polvere di limone
  • 1 cucchiaino di polvere di arancia
  • 3 boccioli di rose essiccate
  • 1 cucchiaino di pepe rosa

Niente che di più semplice da preparare : mixate i 3 bouton di rose con il pepe rosa al macinacaffé o con altro mixer, pochi impulsi bastano, Mescolate questa polvere insieme al sale, ed alla polvere di limone e arancia. Mescolate bene con un cucchiaio di legno e conservate in vaso di vetro ben chiuso

Version française
 Fiocchi di sale aromatizzato alla rosa

Sel aromatisé aux agrumes et aux boutons de rose

  •  2 cuillères à soupe de flocons de sel de Chypre 
  • 1 cuillère à café de poudre de citron* 
  • 1 cuillère à café de poudre d’orange*
  •  3 boutons de rose séchés 
  • 1 cuillère à café de poivre rose

 
Rien de plus simple à préparer: Mixez les 3 boutons de rose et le poivre rose avec un robot pas trop fin, un tour c’est suffisant. Mélangez cette poudre avec le sel , la poudre de citron et d’orange. Mélangez bien avec une cuillère en bois et stockés dans des pots un  verre hermétiquement fermés

* zeste de citron e d’orange séché, torréfié  et puis moulu très finement. 

Fiocchi di sale alla rosa

Avant de partir en vacances, j’ai testé  ce mélange de sel dans une salade de pommes de terre cuite à l’eau, j’ai rajouté des fleurs de lavande, acheté au marché de Nice et quelques feuilles de basilic frais. Le résultat c’etait surprenant.

Il dolce rientro con confettura di prugne al fior di sale alla vaniglia

Cappello e mele
Version française de la recette en bas

Il rientro a casa, dopo le vacanze é sempre uno sciok. La casa fredda, umida e odore  di chiuso é cio’ che respiriamo entrando. Spalancare le finestre é la prima cosa da fare, per fortuna che a Parigi abbiamo trovato il sole.

Disfare le valigie é il primo pensiero ma non la cosa che più mi fà premura per cui le apro solo per tirar fuori e sistemare i souvenir delle vacanze i profumi ed i sapori che ci hanno fatto compagnia per 15 giorni. 

 P1080750

Racchiusi in un sacchetto me li son portati via, cosi’ come le immagini di una regione ricca, profumata, colorata e indimenticabile.

Nella nostra  piccola casa di vacanze avevo a disposizione una graziosissima cucina di stile provenzale, luminosa che affacciandosi sul grande giardino ed il sole dritto negli occhi la voglia di preparare qualcosa di speciale non mi é mancata e mi son data da fare. 
Ulivo
C’erano nel giardino una notevole quantità di alberi  magnifici d’ulivo ,di mele rosse,di fichi ed di alberelli di prugne carichi di frutti piccolissimi e dolcissimi e le mattine mentre ci passavo, attraversandoli, per andare in piscina, mi “imbarazzava” vederne tanti per terra, a volte costretta anche a pestarli. Il proprietario del  residence, non faceva in tempo a raccoglierne per le sue confetture che tanti altri ne cadevano giu. Il mio interesse é stato tale da permettermi di domandargliene un po’ anche di quelli caduti dall’albero e lui gentilissimamente mi ha dato il permesso di prenderne quanto ne avrei voluto per tutto il periodo del nostro soggiorno. E cosi’ é stato. E che ci potevo fare se non  una buona confettura? 
Prugne
L’inconveniente pero’ é che nella cucina non c’era modo di pesare la frutta se non il classico metodo americano :delle grosse tazze da colazione, che ho poi verificato e pesandone frutta e zucchero, a casa. Ho usato per la prima volta  dello zucchero di canna per confetture con gelidificante naturale garantito senza conservanti al 100%,(un’acquisto distratto da parte di mio marito) e un cucchiaino di fior di sale alla vaniglia che fa parte  delle mie spezie e sali e aromi che infilo sempe nelle valigie di viaggio, insomma il solito tocco personale che ha conferito a questa confettura d’estate un gusto davvero molto speciale.

Confettura di prugne rosse fior di sale alla vaniglia

Confettura di prugne rosse al fior di sale alla vaniglia
per 2 vasetti:

  • 2 grandi tazze di piccole prugne (  600 g)
  • 1  grande tazza di zucchero di canna speciale confetture (  250 g) Béghin say
  • 1 cucchiaino di fior di sale alla vaniglia

Lavare bene le prugne e snocciolarle, mettere in una pentola a fondo spesso e versarmi lo zucchero, lasciarle macerare per un’ora circa.
Metterle a cuocere per circa 20 minuti, a fuoco dolce e schiumando subito dopo la prima ebbollizione. Aggiungere il sale alla vaniglia poco prima di spegnere il gas, mescolare e invasare subito in vasi sterile. Capovolgere e lasciar raffreddare completamente (metodo classico per conservare la confettura).

Version française

Confettura di prugne rosse fior di sale alla vaniglia

Confiture de prunes à la fleur de sel à la vanille
 Pour 2 pots

  • 2 bols de petites prunes (600 g)
  • 1 bol  de sucre spécial confitures au blod de canne (250 g)
  • 1 cuillère à café de  fleur de sel à la vanille

Laver les prunes dénoyautéez-les. Versez le prunes dans une casserole à fond épais et ajoutez le sucre,  mélangez.  Laissez-les tremper pendant une heure environ.Cuire le prunes sur feu doux environ 20 minutes en écumant ,si nécessaire après la  premier ébuillition. Ajouter le sel et la vanille juste avant de retirer le mélange, versez-la immédiatement dans des pots stériles. Inversez les pots et laissez refroidir complètement (selon la méthode traditionnelle afin de préserver la confiture).