Piccoli pani dolci al caffé


Panini dolci al caffé

Version française de la recette en bas

Che c’é di meglio una domenica mattina svegliarsi pittosto tardi, scendere a piedi nudi le scale sbadigliando, facendo attenzione al gatto che ti si attacca alla gamba per recriminare le sue coccole, andare in cucina , preparare un’abbondante colazione, con cereali, pane  alle noci e mermellata d’arance ed essere inebriati dall’aroma del caffé che lentamente scende , nerissimo e denso all’inizio e poi velocemente, più chiaro nella macchinetta espresso? E se la colazione é poi arricchita con dei panini caldi e fragranti al forte gusto di caffé e spalmati con della marmellata di fragole?…io direi che non c’é nulla di meglio e che questi panini con o senza marmellata sono perfetti per il non far niente di una domenica normale.

Partecipo con questa ricetta al concorso …..

Premio di beneficenza per Chefs Sans Frontières – Premio migliore ricetta al caffé. 
Finalmente un concorso a scopo di beneficienza.I ricavati infatti, saranno devoluti all’associazione no-profit “Chefs Sans Frontières“,il cui unico scopo è il recupero di ragazzi sfortunati dalla strada, ai quali dare in mano un mestiere che li possa salvare.
Per il  bando del concorso leggere qui.
Panini dolci al caffé

Piccoli pani dolci al caffé

Per 6 piccoli pani
500 g di farina
40 g di zucchero
40 g di burro
1 uovo
2 cucchiai di cacao amaro
3 cucchiai di caffé solubile
1/2 cucchiaino di sale
1 bustina di lievito disidratato
11 cl di acqua tiepida
10 cl di crème fraïche ( panna)
6 cl di latte intero

Per impastare gli ingredienti ho utilizzato la map – Versare l’acqua, il latte e la crème fraïche (panna acida) nel bac della map, aggiungere l’uovo, in un angolo, lo zucchero ed il sale. Aggiungere il burro a pezzetti. Incorporate successivamente il cacao ed il caffé solubile ed infine la farina. Fare un incavo al centro e versare il lievito disidratato. Mettere in funzione il programma per solo impasto. Lasciare lievitare la pasta per 2 ore, coperta, in luogo caldo al riparo di correnti d’aria.
Riprendere la pasta e sul piano di lavoro infarinato dividerla in 6 piccoli panetti che lascerete lievitare ancora coperti per altri 20 min. Preriscaldare il forno a 200°C. e cuocere i panini per 20/25 min.


Version française
Panini dolci al caffé

Petits pains sucré au café
Pour 6 petits pain

500 g de farine T55
40 g de sucre
40 g de beurre
2 c à s de chocolat en poudre
3 c à s de café soluble
1/5 c à c de sel
1 oeuf
1 sachet de levure déshydratée
11 cl d’eau
10 cl de crème fraïche
6 cl de lait entier
Disposez tous les ingrédients sur un plan de travail, près de votre machine à pain. Versez l’eau, le lait entier et la crème fraïche dans la cuve de la machine. Ajoutez ensuite l’oeuf entier et, dans des coins sépares, le sucre et le sel. Ajoutez aussi le beurre coupé en petites parcelles. Incorporez zn suite le chocolat en poudre et le café soluble puis la farine. Creusez un puits au milieu et versez-yla levure instantanée. Demarrez le programme de petrissage. Puis laissez lever la pâte couverte dans un endroit chaud pendant 2 h.
Reprendre la pâte levée et sur un plan de travail fariné divisez-la un 6 petites boules. Placez-les sur une plaque allant au four. Laissez lever 20 min. Préchaufféz le four  à 200°C. et faites cuire les petits pain pendant 20/25 min.

Pubblicato da Patrizia

Io? insicura,permalosa,testarda,incostante, puntualissima anche troppo......continua

24 pensieri riguardo “Piccoli pani dolci al caffé

  1. @Tutte: innanzitutto grazie mille e buona giornata a tutte voi che passate di qua…il lavoro mi prende moltissimo tempo, finché fà freddo, e le giornate corte (buie) invitano la gente a mangiare sempre di più, al contrario di chi vuole fare la dieta e percio' noi, dunque la sottoscritta lavara tanto in cucina :)e passo giusto il tempo di salutarvi e augurarvi un sereno giorno ^^@giorgina: la rivista "Saveurs" io la compro qui sotto casa ( cioé, sono in francia, forse non hai letto il mio luogo di abitazione)…in Italia, sinceramente non saprei dove puoi trovaarla, ma se abiti a Roma penso non sia difficile, so' che si trovano anche riviste straniere in certi posti…(forse l'aeroporto?)…cmq puoi vedere online c'é il sito http://www.editions-burda.fr/magazine-saveurs….dove potrai riceverlo direttamente a casa. Grazie e buona giornata :)@Gloria: la Map é la macchina del pane…qualla che se ne parla tantissimo negli ultimi tempi e che puoi fare il pane da te molto facilmente. Grazie

    "Mi piace"

  2. oh ma che belle ricette!e che foto appetitose!!posso farti una domanda?sfogliando il tuo sito ho visto che nomini la rivista saveurs di cui sono appassionata..solo che da quando mi sono trasferita a roma non so proprio dove acquistarla..tu non sai dove potrei trovarla o come fare per informarmi??troppo gentile:) grazie!

    "Mi piace"

  3. Che meravigliosa descrizione del risveglio domenicale: la colazione in famiglia 🙂 :)Questi panini devono essere super deliziosi e con la marmellata di fragole strepitosi!L'iniziativa di NEroNero mi sembra davvero interessante, come dici tu finalmente qualcosa lagato alla benificenza…Un beso grande grande patty!D

    "Mi piace"

  4. Adoro qualsiasi cosa al caffè… chissà che bellissima raccolta ne verrà fuori! e poi volgio provare questi tuoi panini… visto che da Natale anche io ho la mia map!:)))cade a fagiuolo questa tua proposta!bravissima!ciaoTerry

    "Mi piace"

  5. Sai che stavo appunto pensando ieri che da troppo tempo sto facendo colazione con prodotti industriali? Dovrei riprendere l'abitudine di prepararmi un pan brioche o un cake e magari partire proprio da questi panetti dolci, soprattutto se mi dici che si adattano alla mia marmellata di fragole…

    "Mi piace"

  6. Sono assolutamente d'accordo con te. Alzarsi alla mattina ed essere avvolti dal profumo caldo e avvolgente del caffè non ha prezzo! se poi il tutto è racchiuso in questi morbidissimi panini, la domenica mattina diventa davvero un sogno :)In bocca al lupo per il contestBacioni e buon inizio settimanafra

    "Mi piace"

  7. Marilunaaaaaa! Che bontà, mia cara….ma come si fa, come si fa a non aver voglia di addentarli, di annusare voluttuosamente il loro aroma delicato? Proprio una ricetta incantevole, originale…ah già, ma qui siamo in Via Delle Rose! Eh, beh…è una garanzia, gente! Un abbraccio forte forte 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.