Pane alla barbabietola con pecorino e miele


Pane alla barbabietola
La ricetta di questo pane alle barbabietole era da tempo nella mia agendina…copiata dalla bravissima Fiordizucca, conosciutissima sul web oltre che per le sue ricette sempre molto originali ma anche per delle foto splendide e reportage ricchi di interesse, delle sue permanenze a Londra.

Mi sembra adatto questo pane per Natale, é molto buono ed il colore che si vede dalle foto non é assolutamente artefatto, é reale. Questo pane é ottimo con la juncata formaggio di latte di pecora che ho acquistato durante l’ultimo viaggio in Calabria del mese scorso. Un cucchiaino di miele d’acacia rende l’insieme un’ottimo antipasto o anche una semplice e gustosa merenda. Vi invito a provare il pane, perché, come suggerito sopra, é adattissimo alla tavola Nataliazia, magari preparato in singole rosette da presentare anche come segna posti. con infilzato uno stuzzicadenti e un cartoncino con scritto il nome degli invitati. Perché io non ve l’ho presentato cosi’ allora, vi chiederete?, perché c’ho pensato solo ora mentre vi scrivo :P…!!! Per questo ritengo che lo rifaro’

Piccola nota:
La juncata e’ un formaggio tipico dell’Altopiano Silano e piu’ precisamente della zona prepollinica. Prodotto artigianalmente dai vecchi pastori calabresi, il pecorino juncata, si e’ tramandato di generazione in generazione conservando le caratteristiche originarie che lo vogliono confezionato con latte di pecora, sale e caglio. Per la sua preparazione e’ necessario portare il latte di pecora a una temperatura di 36-38 gradi centigradi e quindi aggiungere il caglio in pasta di capretto. Per l’amalgama e’ necessario un tempo che puo’ variare dai 40 ai 60 minuti e, una volta addensato, il coagulo viene delicatamente rotto per formare dei pezzi grossi come una noce.Senza effettuare alcuna pressatura il coagulo viene successivamente inserito nei canestri che verranno voltati e rivoltati numerose volte. Segue l’asciugatura e salatura in salamoia.La forma del pecorino juncata e’ cilindrica con un peso per ogni pezza che puo’ variare dai 200 ai 500 grammi. Si presenta di un colore bianco porcellanato ed ha un sapore agro dolce inconfondibile.Il pecorino juncata fresco puo’ essere consumato anche dopo solo un giorno dalla produzione, mentre, il pecorino juncata stagionato, viene abitualmente consumato dopo una stagionatura di 10/15 giorni.presto. Testo tratto dal WEB
Pane alla barbabietola

Ingredienti:

500 gr. di farina bianca
2 cucchiaini di zucchero
2 cucchiaini di sale
150 gr. barbabietole cotte
1 mazzetto di coriandolo fresco
acqua q.b
1 bustina di lievito secco

Disponete la farina a fontana e versate al centro il lievito fatto sciogliere preventivamente in mezzo bicchiere d’acqua calda, aggiungere lo zucchero, il sale, il coriandolo e mescolate bene questi ingredienti. Frullate le barbabietole o schiacciatele con uno schiacciapatate ed aggiungetele alla farina. Versate acqua tiepida, quanto basta a formare un composto morbido e senza grumi e lavorate per almeno 10 minuti. Coprite con un panno, mettete a lievitare in forno spento precedentemente riscaldato a 50 C, per 2 ore. Trascorse le due ore riprendete la pasta dal forno e impastatela velocemente. Mettetela in uno stampo a cerniera o altro a piacere, (io ho scelto uno stampo da plumcake di 30 cm.) lasciate lievitare ancora per 30 minuti ed infornate a 250C per circa 45 minuti o fino a quando non si sarà dorato in superficie.

En français, s’il vous plait.

Pane alla barbabietola

Pain à la betterave avec du “pecorino” et du miel
Ingredient:
500 g. de farine
2 c.à c. de sucre
2 c.à c. de sel
150 g. de betteraves cuites
50 g. de coriandre ciselé
eau tiéde
un sachet de levure du boulangère

Mettre la farine sur le plan de travail et verser la levure dissous dans un demi verre d’eau tiède, ajouter le sucre, le sel,le coriandre et bien mélanger ces ingrédients. Mixer les betteraves et ajoutez-les à la farine. Verser suffisamment d’eau tiède pour former une boule bien lisse et sans grumeaux , travaillé pendant au moins 10 minutes. Couvrir avec un linge, mettre dans un endroit chaud et laissez pousser la pâte pendant 2 heures. Reprendre la pâte et travaillez-la rapidement. Mettez-la dans un moule à cake de 30 cm. , laisser lever à nouveau pendant 30 minutes . La pâte doit doubler de volume. Cuire au four préchauffer à 250C pendant environ 45 minutes ou jusqu’à ce qu’elle soit dorée sur la surface. Démouler et laisser refoidir sur une grille.

J’ adore ce pain avec du “pecorino Calabrese” et du miel d’acacia. Le fromage qui s’appele “Juncata” c’est un fromage de brebis qui est produit par des vieux pasteurs qui continuent à perpétuer de génération en génération et de manières ancestrales de veilles recettes, reprises encore aujourd’hui.

Le “Pecorino Juncata” frais peut-être consommé même au bout d’une journée de fabrication, alors que, le pecorino “juncata affine” est habituellement consommé après 10 à 15 jours d’affinage.

Pane alla barbabietola

Annunci

24 pensieri riguardo “Pane alla barbabietola con pecorino e miele

  1. Ma che bella idea, I segnaposti di pane rosa! Al Natale ci pensa sempre mia suocera e non ci posso fare niente, ma il compleanno di mio maritino è il 26.12, è allora il pranzo suo sarà segnato così!Grazie, un abbraccio!State bene ora? Riguardatevi!

    Mi piace

  2. mi piace molto questo pane rosso…quindi comprerò altre rape rosso dai contadini!!! Sai che oggi mi sono regalata un miele alla cannella del commercio equo…voglio sposarlo con un formaggioun bacione

    Mi piace

  3. Ciao MAriluna, quanto mi piace questo pane rosato.Romantico e al femminile wow!Lo faccio per i prossimi giorni che verranno:DIl coriandolo fresco non ce l’ho ma vene lo stesso…ci aggiungeò qualche spezia diversa, che ne dici?A bientotCarla

    Mi piace

  4. stavo gia’ rinunciando leggendo “pecorino” ma poi ho scoperto che non e’ dentro il pane!!! Allora lo posso fare e poi associarlo ad un formaggio che io riesca ad annusare :PCome sti??? PAssata l’influenza a tutta la famiglia? Un bacio!

    Mi piace

  5. Che buono deve essere! Il pane è sublime, non l'abbiamo mai assaggiato, ma si fa mangiare con gli occhi, hai detto bene, è da provare. Il nostro ultimo esperimento è stato pane alla calendula, troppo delizioso, l'abbiamo finito in un battibaleno! Poi tu abbini pecorino e miele e qui scopri un nostro altro tallone d'achille, formaggio e miele così come formaggio e composte di frutta! Supercomplimenti!Baciotti da Sabrina&luca

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.