antipasti, autunno, verdure

Crumble di pomodori e scamorza

Crumble di pomodori
Crumble di pomodori originally uploaded by via delle rose

Finché sono buoni bisogna approfittarne; parlo dei pomodori, ancora si riesce a trovarli buoni, quelli San Marzano, per esempio,che sono carnosi e con pochi semini dentro. Qui arrivano quelli maturati al sole della Provenza chiamati “Tomate Roma“, non so perché.

Sono quelli che ho usato per preparare il crumble, quella crosticina dorata che ricopre completamente ,quasi a proteggere , frutta o verdura , cosiché, passandola al forno e mangiata calda, si puo’ godere della sua friabilità prima di raggiungere il suo interno, sprigionado tutto un profumo ed un gusto delizioso delle tenere verdure.

Il Crumble nasce in G.Bretagna alla fine della seconda guerra mondiale, a causa del razionamento di farina,burro e zucchero, usando poche quantità di questi ingredienti si praparava “le briciole” da accompagnare con la frutta.

La versione più conosciuta é con le mele o i frutti di bosco, che preparo spesso proprio per la facilità, avendo a volte degli ospiti improvvisi, cosi’ come questa versione salata da poter presentare come antipasto caldo oppure come contorno.

Crumble di pomodori

Crumble di pomodori originally uploaded by via delle rose

Ingredienti:
10 pomodori San marzano
foglie di basilico fresco
scamorza o provola dolce
olio evo
uno spicchio d’aglio
sale -pepe
pangrattato
parmigiano
farina
un chicchiaino di pesto (facoltativo)
30 g. di burro

Ho lavato bene ed asciugato i pomodori e spaccati in due ho tolto i semini dall’interno. Li ho tagliati a pezzetti piccoli e messi in una ciotola con del sale,del pepe, dell’olio,il basilico taglizzato,lo spicchio d’aglio schiacciato, lasciati marinare per una mezzora. Intanto ho preparato il crumble mettendo in una larga ciotola, 2 cucchiai di farina, 2 cucchiai di pangrattato, 2 cucchiai di parmigiano, il cucchiaino di pesto e 30 g. di burro morido, ho lavorato con le mani fino a rendere l’impasto a briciole, potrete aggiungere un filino d’olio se lo sentite secco, del sale e del pepe qb.

In 6 piccole cocottine imburrate leggermente ho messo un cucchiaino di pangrattato dove ho versato due cucchiai di pomodori marinati, della scamorza a pezzetti ed infine ancora un po’ di pomodori, in ‘ultimo ho coperto con il crumble,sistemadolo bene fino al bordo. Ho fatto la stessa cosa per le altre cocottine. Le dosi sono per delle cocottine leggermente più grandi di quelle tradizionali.
H aeso il forno a 200°C. e fatte cuocere per 20/25 minuti sono buone quando vedrete la superficie bella dorata. Spegnete il forno e lasciatele per altri cinque minuti, per non scottarvi le mani ma sopratutto la lingua per la fretta di assaggiarle come io o fatto.

Crumble di pomodori
Crumble di pomodori originally uploaded by via delle rose
Pubblicità
Standard
autunno, pane, paste lievitate

Panini all’olio con semini di carvi e parmigiano

Panini al carvi e parmigiano

panini all’olio originally uploaded by via delle rose

Il pane

Rue de Grenelle – La stanza

…Si ha torto di sostenere che cio’ che fa la nobiltà del pane é il fatto che basta a se stesso mentre contemporaneamente accompagna tutti gli altri cibi. Se il pane “é sufficiente a se stesso” è perché è molteplice, no nelle sue destinazioni particolari ma nella sua essenza stessa, perché il pane è ricco, il pane è molti, il pane è microcosmo. In lui si incorpora un’assordante diversità, come un universo in miniatura, che dispiega le sue ramificazioni per tutta la degustazione…

Tratto dal romanzo ” Estasi culinarie “di Muriel Barbery

Questo post partecipa all’iniziativa di Zorra

Giornata mondiale del pane

3rd World Bread Day hosted by 1x umruehren bitte aka kochtopf

Panini all’olio con semini di carvi e parmigiano

Panini al carvi e parmigiano

panini all’olio originally uploaded by via delle rose

In principio dovevano essere dei grissini poi ho cambiato idea e li ho strasformati in panini, morbidi e croccanti allo stesso tempo e profumati ;)- volete tutta la verità???? erano le 10 di sera e non avevo più voglia di fare circa 40 grissini ma se preferite potrete farli, tagliando dei pezzetti di pasta e facendoli arrotolare come dei salsicciotti, saranno morbidi dentro e fragranti fuori, dove arrotolerete delle fette di prosciutto per una sana merenda, o come antipasto gustoso.
Panini all'olio con semini di carvi e parmigiano
panini all’olio originally uploaded by via delle rose


Per sei panini:

350 g di farina integrale

2 cucchiaini di lievito liofilizzato

1 cucchiaino di zucchero

1/2 cucchiaino di sale

2 cucchiai di semi carvi

2 cucchiai di olio evo

50 g di parmigiano

fleur de sel

350 ml d’acqua tiepida

Mettere in una ciotola i cucchiaini di lievito e lo zucchero e due cucchiai di acqua tieida e lasciare sciogliere bene il lievito.

Su un piano mettere la farina setacciata e fare un’incavo al centro, versare l’olio, il lievito sciolto, il parmigiano, un cucchiaio di carvi.Comincire a mescolare con le mani e piano piano aggiungere l’altra acqua ed il sale fino a rendere un’impasto liscio e lavorare per 5 minuti, nel caso aggiungete più farina se occorre. Mettete la pasta in una ciotola e coperta a farla riposare per un ora fino an che sia raddoppiata di volume. Riprendete la pasta e mettetela sul piano di lavoro sgonfiandola con il palmo della mano. Prelvare 6 pezzi e formare dei salsicciotti che legherete a nodo, riporli su una placca leggermente oleata e spennellarli di olio, dei semini di carvi, di fleur de sel e poco parmigiano, lasciarli gonfiare ancora per mezzora, nel forno a bassa temperatura. Accendete il forno a 200 °C. e fateli cuocere circa 35 minuti, finché sono belli dorati.

Panini all'olio con semini di carvi e parmigiano
panini all’olio originally uploaded by via delle rose
Standard
condimenti, meme, primi piatti, salse, zucca

Pici di zucca con pesto di carciofi

Pici alla zucca con pesto di carciofi e mandorle
Pici alla zucca originally uploaded by via delle rose
Ho un piccolo quaderno che porto sempre con me, dove i miei appunti sono esclusivamente o quasi, di cucina,ricette,ingredienti. Ho una cartellina, gialla, che porto sempre con me, dove il contenuto é esclusivamente di copie e stampe di ricette vostre, quelle che mi prefiggo di fare nei giorni successivi. Spesso i miei commenti nei vostri blog, sono di provare quasta o quell’altra ricetta ,l’intezione é reale, ma capita che per diversi ragioni, tra le quali ,la cartellina gialla é supercarica di copie e mi trovo con un’imbarazzo notevole nel scegliere la ricetta da ripetere , perché tutte le vorrei fare. Una di queste é stata la sua e dovendomi sbrigare per parteciare al concorso di fiordisale , che avevo in mente già da un po’, ho subito ripensato alla ricetta e l’idea mi sembrava perfetta per abbinare il mio pesto di carciofi.
Pesto di carciofi e basilico
Pesto di carciofi e mandorle originally uploaded by via delle rose
Tutti gli ingredienti erano già nella mia borsa di paglia l’unico che mancava all’appello era la “chitarra”….non lo strumento musicale, che non é neanche il mio preferito, ma l’attrezzino per fare gli spaghetti, ho pensato di fare delle tagliatelle, ma la cosa nn mi convinceva,non posso fare sempre concorrenza a mio marito, che é sempre li’ che mi suggerisce,questo và bene,questo non và bene… volevo fare degli spaghetti….ma ecco che mi viene in mente un’oggettino comprato in vacanza a Montepulciano, come al solito abbandonato chissà in quale angolo della cucina. Corro a casa e mi organizzo dopo aver rovistato dappertutto e finalmente eccolo….il matterello con le righe per fare i pici, é arrivato finalmene il momento di gloria ed anche il mio, perché ho amato moltissimo questa pasta e sono proprio contenta di averla fatta grazie al consiglio della bravissima Lory.
Pici alla zucca con pesto di carciofi e mandorle
Pici alla zucca originally uploaded by via delle rose

Occorre per la pasta:

750 g. di zucca gialla

farina bianca qb

poca semola di grano duro

sale
1/2 uovo (io ne ho messo uno intero, non sapevo come utilizzare l’altra metà, scusa Lory)
My creation

Pici alla zucca originally uploaded by via delle rose
Il procedimento é qui, da Lory troverete esattamente come impastare la pasta potrete fare sia degli spaghetti alla chitarra (se l’avete) o degli spaghetti tagliati con il coltello, operazione un po’ difficile oppure andare a Montepulciano e comprare il matterello rigato per fare i Pici

Pasto di carciofi
Pesto di carciofi e mandorle originally uploaded by via delle rose

Per il pesto ai carciofi:

150 g. di carciofini sott’olio

20 g. di basilico fresco

30 g. di polvere di mandorle

1 cucchiaino di fleur de sel au piment d’Espelette ( oppure, sale normale con un pezzetto di peperoncino)

1 cucchiaino di senape in grani (moutarde à l’ancienne)

olio d’oliva

1/2 succo di un limone

Mettere tutti gli ingredienti nel mixer e ridurre a crema, aggiustare di sale e aggiungere abbastanza olio per rendere la crema morbida. Si puo’ conservare in frigo per una settimana in vasetto ben chiuso , oppure congelare in piccole quantita in bicchierini, tipo quelli del caffé.

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata e appena cotta, circa 15 minuti, metterla, lasciando un po’ d’acqua di cottura, in una larga padella ed aggiungere abbondante pesto, amalgamare bene e servire con delle mandorle a filetti grigliate in una padellina. Se preferite del parmigiano fate pure, anzi potrete praparare la fonduta di parmigiano di Lory per meglio accentuare il sapore…buono,buono di questa pasta.
My creation

Pesto di carciofi e Pici alla zucca originally uploaded by via delle rose
Questo post partecipa al concorso di Fordisale Concorso miglior pesto Fantasy

Concorso Pesto 2008
Standard