La Piéce montée

Piéce Montée

Piéce Montée originally uploaded by via delle rose

Vi presento la piéce montée…pardon, la mia piccola piéce montée.
Dunque spieghiamo meglio. Questo é il dolce tradizionale dei matrimoni e di tanti altre occasioni importanti dei francesi. Come potete vedere qui (originale) é fatta di tanti piccoli bignè, messi uno sopra l’altro a piramide, un po’ come i profiterole. E’ il dolce del trionfo é molto bella da vedere e i maestri della pasticceria francese ne fanno un loro trofeo di bellezza e di bontà. Detto questo vi confesso che a me non piace tanto,(l’originale) al mio matrimonio c’era lei inevitabilmente. Non sapendo neanche dire una vocale in francese, povera me!!!! non potevo neanche contrastare il maitre di sala per scegliere qualcosa d’altro, anzi ricordo di averci provato tramite mio marito ma dall’espressione stupefatta, del viso del signore, avevo già capito l’oltraggio della mia richiesta.

In pratica funziona cosi’: si ordina la piéce montèe, in base agli invitati, due/tre bigné a testa + il croccante, più sono gli invitati più aumentano i piani…più costa. L’ideatore é stato un architetto mancato divenuto pasticcere a Parigi, nel XIX secolo che con la sua estrosità ha ideato questo dolce riuscendo ad introdurlo nei banchetti reali con molto successo proprio per la sua maestosità.

Perché mi é saltato in mente di fare questo dolce???? No…non sto per risposarmi, il motivo é molto semplice ,prima, per farvela conoscere e secondo……..ho fatto le valigie e tra poche ore parto, ritorno al mio piccolo paese in Calabria per un’occasione importante….i 50 anni di matrimonio dei miei genitori….non potevo di certo mancare, unica figlia femmina e primogenita anche se, purtroppo a malincuore non possono venire i miei figli e me ne duole moltissimo, neanche mio marito, impossibile sostituirlo al lavoro. La loro assenza mi peserà molto, sarà una festa a metà anche per la mia famiglia. In questi ultimi giorni ho avuto un milione di dubbi, un susseguirsi di stati d’animo tra ripensamenti e entusiasmi e poi alla fine dovendo prenotare, obbligatoriamente, in anticipo, ho deciso di partire da sola.La mancanza dei miei bimbi sarà grande cosi’ come quella di mio marito, prendendo in considerazione un’aspetto positivo forse é un bene distaccarsene per un po’, non che io ne senta il bisogno. Riassaporare un pizzico di libertà e restare con i propri pensieri,leggersi nella propria anima, ritrovarsi come un tempo, penso che faccia bene alla salute del cuore.
Sarò’ tutta sola a “godere” di una settimana da single con la mia famiglia d’origine e soprattuto dopo 15 anni ad ottobre, in autunno…un periodo particolare per me,proprio perché é stato ad ottobre che ho lasciato per la prima volta l’Italia per partire definitivamente in Francia.

Faro’ uno stacco anche con il blog…voglio approfittare delle belle giornate di autunno inoltrato, dove ancora in Calabria fa caldo, si può’ passeggiare sulla spiaggia e sentire la brezza del mare…e leggere ,divorare libri. Ci risentiremo al mio ritorno….carica di sicuro, fra sette giorni. intanto questi dolcetti graditeli come simbolo della mia riconoscenza, per il vostro continuo affetto. A presto

La ricetta originale prevede una crema pasticcera, io ho optato per una crema al mascarpone….mezza scatola da consumare.
Piéce montés - beignets  mascarpone caramel
Piéce Montée originally uploaded by via delle rose

Ingredienti per preparere i bigné.

2 uova – 50 g. du burro- 75 g. di farna -30 g. di zucchero a granella – 20 cl. d’acqua – un pizzico di sale.

Ingredienti per la crema:-100 g. di Mascarpone –un sacchetto di zucchero vanigliato-un cucchiaio di zucchero a velo

Riscaldare il forno a 150/180°C – Scogliereil burro e l’acqua in un pentolino a fondo spesso. Appana comincia a sobbolire togliere la pentolina dal fuoco eversare la farina in una sola volta e mescolare vlocemente con un cucchiaio di legno fino a che la pasta diventi una palla elastica e che si stacca facilmente dalla pentola, aggiungere allora le uova uno alla volta senza smettere di mescolare ed aggiungere il sale. La pasta deve avere una consistenza liscia e compatta.
Formare delle piccole palline aiutandovi con un cucchiaio e posarele sulla placca del forno imburrata e infarinata o rivestita della carta speciale-Lasciare abbastanza spazio tra le palline perché gonfieranno durante la cottura. Mettere in forno per 15 minuti circa e all’uscita cospargerli di zuccherini.

Lasciarli raffreddare e farcirli con la crema di mascarpone e riservare in frigo.

Bigné, piccola parte di una Piéce Montée
Piéce Montée originally uploaded by via delle rose

Ingredienti per il croccante:
100 g. di zucchero – un cucchiaio di acqua
50 g. di semi di sesamo tostati

Procedere per un smplice caramello facendo sciogliere lo zucchero a fuoco lentissimo senza mai girarlo. Quando comincia ad imbiodirsi versare i semi e mescolare bene, versare il caramello su un foglio diarta forno, coprire con un altro foglio e con un materello pssare sopra per appiattirlo bene. Lasciare rappreffare. A questo punto, operazione un po’ delicata, traccire un cerchio, aiutadovi con la punta di un coltellino affilato ed incidere bene, ma delicatamente, e lentamente staccare le parti esterne che serviranno come decoro del dolce. Ricavato il cerchio pogiarlo su un piatto da portata e iniziare a sovrapporre i bigné farciti, in modo da formare un cono.

Bigné con crema di mascarpone

Piéce Montée originally uploaded by via delle rose

A parte preparare un’altro caramello sempre con 100 g di zucchero ed un cucchiaio d’acqua senza mai girare con il cucchiaio, muovendo di tanto in tanto il pentolino, lasciare sciogliere completamente lo zucchero. Togliere dal fuoco appena sciolto e ben dorato e mentre incomincia a solidifiarsi, con una frusta prelevare il caramello e cominciare a intingere i bigne tutt’intorno, formando dei fili o anche usando il solito foglio di carta forno ,lasciado scendere tanti fili sulla carta e aspettare che siano freddi per decorare i vostri bigné.

Il mio piccolo cono era formato da….11 bigné, mentre li preparavo qualcuno via via se li é mangiati.

P1030926
Piéce Montée originally uploaded by via delle rose

Annunci

Risotto al cavolo rosso e….cacao su fonduta di parmigiano

Risotto con cavolo rosso e cacao

Risotto al cavolo rosso e cacao originally uploaded by via delle rose

Ultima ricetta della settimana del gusto che si é terminata in bellezza domenica con questo risotto nato veramente per caso…ingrediente dopo ingrediente a portata di mano e sopratutto tenendo conto del colore che volevo ottenere, ho realizzato questo risotto viola,che non ha avuto il massimo dei consensi , perché Vittorio, il mio piccolino non ha gradito il cavolo…ma ha mangiato tutto i riso, scartando, con tanta pazienza,uno per volta i minuscoli pezzettini della verdura. Sono, molto orgogliosa di Alessandro che anche all’età di 7 anni storceva il muso, prima di mangiare qualcosa di nuovo, oggi mangia di tutto, magari se non tanto gli piace mangia lentamente, molto lentamente, ma poi alla fine ripulisce il piatto. Mentre loro cominciano con le domandine di rito…”che cosa ci hai messo dentro????, io incomincio a spiegare le virtu’ delle verdure, i sali minerali e le vitamine contenute, l’importanza dei colori nel piatto e di tutto cio’ che serve a farli convincere che non cé nulla che possa nuocere alla loro salute, anzi al contrario, che tutto serve per migliorare la loro “costruzione” fisica, per crescere sani, alti ( spero) forti e carichi di energie che solo il variare tutti i giorni gli alimenti puo’ garantire.

Risotto con cavolo rosso e cacao
Risotto al cavolo rosso e cacao originally uploaded by via delle rose

Ingredienti:
280 g. di riso classico per risotti
150 g. di cavolo rosso
una piccola cipolla rossa di tropea
1/2 bicchiere di vino rosso Valpoliccellaun
litro di brodo vegetale ( carota,sedano,cipolla)
cacao amaro

per la fonduta di parmigiano

200 g. di panna

2 cucchiai di parmigiano

pizzico di pepe

Risotto con cavolo rosso e cacao
Risotto al cavolo rosso e cacao originally uploaded by via delle rose

Per prima cosa ho preparato il brodo vegetale circa de litri d’acqua, con una carota, una cipolla, del sedano e del sale.

Per la fonduta di parmigiano ho messo la panna in un pentolino ed ho sciolto due cucchiai abbondanti di parmigiano grattugiato ed un pizzico di pepe, lasciadola al caldo, il mio metodo e di far bollire dell’acqu in una pentola più grande e di immergere l’altra con la crema a bagnomaria con un coperchio, fino al moento di servire.

Per la sfoglia croccante di parmigiano: in una teglia rettangolre o anche rotonda su un foglio di carta forno ho messo strati di parmigiano, livellando bene con il fondo del cucchiaio, ho rimesso un’altro foglio di carta forno che ho pressato ben bene ed ho passato forno caldo a 200°C. per 3 minuti, forse anche meno, ho giusto fatto attenzione che non si colorasse troppo. Ho tolto la teglia dal forno e lo lasciata raffreddare completamente.

Risotto con cavolo rosso e cacao
Risotto al cavolo rosso e cacao originally uploaded by via delle rose

Ho lavato delle foglie di cavolo rosso e tagliate a dadini piccoli, una cipolla piccola, tagliata anch’essa a dadini e poca carota (che mi era rimasta), ho messo a rosolare in una padella con dell’olio ed il riso insieme. Quando il riso é diventato lucido ho sfumato con mezzo bicchierino di vino rosso. A questo punto ho iniziato a mettere un primo mestolo di brodo con cottura lenta e mescolando spesso cosi’ via per circa venti minuti , quando il riso é al dente, ho cominciato a mettere un primo cucchiaino di cacao, (esprerimento), non soddisfatta, ne ho aggiunto un’altro, ma dato che non ne avvertivo il gusto ed il risultato mi sembrava buono ho aggiunto ancora qualche cucchiaino, che fa un totale di un’intero cucchiaio di cacao. A questo punto ho spento il fuoco. Ho servito il risotto sulla fonduta di parmigiano con una splolveratina di cacao amaro ed la sfoglia croccante di parmigiano.

Risotto con cavolo rosso e cacao amaro
Risotto al cavolo rosso e cacao originally uploaded by via delle rose

Zuppa bianca con burro aromatizzato alla salvia e bacon

Zuppa bianca al burro aromatizzato alla salvia  bacon

Lo scorso venerdi sera, contrariamente ad altri venerdi’, quando, imperativamente c’é il pesce per cena, ho cambiato idea per essermi fatta coinvolgere dall’iniziativa della settimana del gusto, e cosi’ tutti gli anni , nel mese di ottobre, nelle mense scolastiche vengono presentate ai bambini nuovi pietanze, organizzate manifestazioni e atelier creativi. “La semaine du goût“.é un’interessante campagna pubblicitaria, qui in Francia, atta a introdurre nell’alimentazione delle mense scolastiche e non solo, nuovi ingredienti e pietanze, elaborate da numerosi chef di cucina e artigiani del mestiere, che mettono a disposizione la loro arte ed inventiva per andare incontro a tutto il mondo della distribuzione alimentare ed in particolare ai bambini, facendoli interessare agli alimenti, mescolati tra di loro,con aromi e spezie e scoprire nuovi gusti tra il salato ed il dolce, tenendo conto dei principi basilari e di un buon apporto calorico per una sana e corretta igiene alimentare. Abituare i bambini a mangiare di tutto in modo corretto é alla base della loro crescita, viziati un po’ troppo, a volte, da noi mamme che avendo poco tempo disponibile, presentiamo spesso sulla tavola , piatti veloci e già pronti.

Un esercizio di stile formidabile che permette a tutti i ” gourmands” di abituare il palato a degli accordi a volte sorprendenti” (tradotto dal sito La semaine di goût)

Io già faccio i miei tentativi ma ho approfittato di questa settimana per “giocare” con i miei figli, incitandoli a riconoscere gli ingredienti utilizzati nei miei piatti e cosi’ é stato a volte con successo altre volte un po’ meno….

My creation

Ingredienti:

2 grosse patate
1/2 cavolfiore
1/2 sedano rapa
uno spicchio d’aglio
50 g. burro
2 foglie di salvia
4 fette di bacon
sale – pepe

Ho lavato bene le verdure e tagliate a pezzetti e messe a bollire in una grande pentola coperte di acqua,con uno spicchio d’aglio, fin quando non sono diventate tenere. Ho aggiustato di sale e le ho mixate con il frullino ad immersione.

In una padella spessa ho fatto grigliare le fette di becon con poco olio, divenute croccanti le ho tolte e nella stessa padella ho messo il burro e le foglie di salvia, appena dorate a fuoco dolce ho condito con il burro la zuppa e per ogni piatto ho sistemato una fettina di bacon grigliato. Servita fumante con una spolverata di parmigiano e con crostoni di pane all’olio d’oliva extra vergine.
Zuppa bianca al burro aromatizzato alla salvia  bacon
Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Giallo Zafferano per il calendario 2009